MENU

Il vero prezzo della benzina

26 dicembre 2011 • rubriche e opinioni • di

In questi ultimi giorni su Facebook è impazzata una minuscola protesta da parte di automobilisti infervorati per il prezzo della benzina, sul quale a dir loro incide in modo eccessivo la mano dello stato. Secondo Wikipedia, circa il 60% del prezzo alla pompa è composto da accise, tra cui il contributo per la guerra di Abissinia del 1935, quello per il disastro del Vajont del 1953, quello per il rinnovo del contratto dei ferrotranvieri del 2004 e il decreto “Salva Italia” del 2011 a cui si aggiunge, ovviamente, l’IVA.

suicide_by_petrolA gennaio 2012 la benzina senza piombo toccherà il tetto record di 1,80 €, ma se il 60% del prezzo va allo stato, questo vuol dire che il vero costo di un litro di benzina si dovrebbe aggirare attorno ai 72 eurocent? Beh, dipende.

I 72 eurocent dovrebbero comprendere i costi di ricerca ed estrazione del petrolio, del trasporto del greggio, della raffinazione, quindi della distribuzione della benzina, a cui si aggiungono il margine della compagnia petrolifera e del benzinaio, più tutte le spese di marketing e pubblicità.

Però ci sono altri costi derivanti dall’uso della benzina che non rientrano all’interno di questo computo ma che devono essere necessariamente sostenuti da qualcuno. Gli economisti li chiamano “esternalità“.

Tra le esternalità possiamo inserire ad esempio i periodici sversamenti di petrolio in mare causati da questa piattaforma petrolifera difettosa o da quella petroliera incagliata. In questo caso chi paga l’esternalità è l’ecosistema, quindi i pesci morti, i pellicani e i cormorani ricoperti di catrame, i pescatori, gli addetti al turismo e, a volte, il diretto responsabile dello sversamento.

1991_Kuwait_SteveMcCurryUn’altra esternalità è il contributo al riscaldamento globale derivante dalla combustione della benzina. Un litro di benzina genera 2,35 kg di CO2. Da quando è stato aperto il mercato dei carbon credit, questo costo è diventato monetizzabile, quindi intorno ai 15 eurocent per ogni litro di benzina consumato.

Ma la CO2 è solo una degli inquinanti immessi in atmosfera dalla combustione della benzina: polveri sottili, monossido di carbonio, biossido di azoto, benzene sono alcuni degli inquinanti responsabili di 19.000 morti ogni anno solo in Italia per infarto, malattie cardiovascolari, tumori ai polmoni. 19.000 morti quanto fa in euro al litro?

E poi ci sono i costi per la “messa in sicurezza” degli impianti di estrazione di petrolio. Un’operazione come l’invasione dell’Iraq e l’occupazione del paese per 8 anni è costata solo agli USA poco meno di mille miliardi di dollari a cui si aggiungono 4.404 soldati americani caduti e una cifra compresa tra i 100.000 e un milione di Iracheni morti. A prescindere dal fatto che la guerra in Iraq sia stata scatenata per il petrolio o per motivi umanitari, resta però il fatto che i maggiori produttori di petrolio al mondo siano proprio i paesi tendenzialmente meno rispettosi dei diritti umani e con i più bassi indici di democrazia. In questo caso chi paga l’esternalità sono le popolazioni che hanno la sfortuna di vivere in un territorio ricco di greggio.

Come riporta il video che segue, se si tenesse conto anche delle esternalità, un litro di benzina dovrebbe costare fino a 3 € a cui bisogna poi aggiungere (ovviamente) tasse e accise per un totale di circa 4,70 €.

Pedalate gente, pedalate.

Articoli correlati

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>