MENU

Il 3 giugno controparata a pedali

31 maggio 2012 • rubriche e opinioni • di

pimp-my-ride-600-webC’è un po’ di insana idiozia da parte di questo Paese e di chi lo governa nel mantenere in piedi una festa il 2 giugno e nel proclamare il lutto nazionale il 4 giugno. Prima si brinda (sobriamente) e poi si va ai funerali? A parte i soldi sprecati per una sfilata militare, a parte l’incongruenza di celebrare la Repubblica mettendo in mostra le armate, a parte l’incapacità di comprendere che si vorrebbe più bene all’Italia se questa nazione rinunciasse al suo appuntamento ai Fori, non si capisce proprio a chi e a cosa servano quell’appuntamento, quelle fanfare, quel luccichio di medaglie e stellette.

Personalmente ritengo che sia più sano ricordare la Repubblica con eventi come quello del Bike Pride del 3 giugno, prosecuzione torinese della manifestazione #salvaiciclisti ai Fori Imperiali del 28 aprile scorso. Il Bike Pride più che una parata, è una proposta. E’ il tentativo di dimostrare che è possibile puntare a città più vivibili, a far tendere a zero la mortalità sulle strade, a fare un investimento su modalità di trasporto utili alla collettività e non ai singoli individui. E se davvero abbiamo a cuore questa nostra Repubblica dobbiamo sforzarci davvero di ragionare nell’interesse di tutti. Questa è l’arma migliore a nostra disposizione, non quella che sfila in divisa davanti alla tribuna autorità.

Articoli correlati

Add Comment Register



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>