MENU

Logistica in bicicletta: un potenziale enorme per l’Europa

Bikenomics, News • di 21 ottobre 2013

DHL_Bullitt

Cyclelogistics è un progetto finanziato dall’Unione Europea con l’obiettivo di ridurre i consumi energetici derivanti dal trasporto merci all’interno delle aree urbane, sostituendo i veicoli motorizzati con mezzi a pedali.

Grazie al contributo della società di ricerca austriaca sulla mobilità FMG.AMOR, Cyclelogistic ha pubblicato uno studio volto a misurare il potenziale derivante da uno switch del trasporto delle merci dalle automobili alle biciclette nelle città europee. Le conclusioni dello studio sono impressionanti: il 51% di tutti gli spostamenti privati o di lavoro collegati al trasporto di merci potrebbero essere fatti utilizzando delle biciclette o delle cargo bike.

Potential to shift motorised trips to bike

Le biciclette da carico, come spiegato nello studio, presentano molti vantaggi rispetto alle automobili: possono utilizzare una rete stradale più densa, hanno bisogno di minore spazio per il parcheggio, non ci sono limiti di accesso e sono decisamente più veloci sulle brevi distanze (fino a 4 km) e durante le ore di punta (cfr. pag. 4 dello studio). Le biciclette da carico sono perfette per trasportare carichi leggeri (dagli 80 ai 200 kg o più) per brevi distanze e per questo rappresentano la soluzione ideale per l’uso nei centri città e nelle aree urbane.

I criteri utilizzati dallo studio si articolano su tre livelli: per essere presi in considerazione i viaggi devono riguardare il trasporto di carichi leggeri (più di una busta della spesa ma meno di 200 kg), essere sufficientemente corti (meno di 5 km per le biciclette tradizionali e 7 km per le biciclette a pedalata assistita) e non devono essere parte di una catena di distribuzione che coinvolga l’uso dell’auto.

Per i viaggi commerciali, lo studio evidenzia che un po’ meno della metà dei viaggi riguarda carichi molto leggeri e addirittura molti viaggi effettuati utilizzando camion e furgoni non utilizzano il pieno carico e, pertanto, potrebbero essere dirottati verso mezzi meno a emissioni zero.

Per quanto riguarda i viaggi di privati (svago, acquisti, etc.) solo il 14% del totale sono abbastanza voluminosi da richiedere l’utilizzo di bici da carico, ma solamente il 6% giustificano l’utilizzo di un’automobile e 7 viaggi su 10 effettuati utilizzando auto private avvengono all’interno dei criteri richiesti da Cyclelogistics – nelle città tedesche e austriache in particolare circa la metà degli spostamenti in auto sono inferiori ai 5 km, mentre il 70% è inferiore ai 7 km(un dato molto vicino a quello delle città italiane). Gli spostamenti per effettuare acquisti, che rappresentano il 22% degli spostamenti nei centri urbani, hanno il più alto potenziale di cambiamento.

shift-potential

Sempre secondo lo studio in oggetto, quindi, se si riuscisse a spostare anche solamente un viaggio ogni mille da veicoli a combustibili fossili a veicoli a pedali si potrebbero ridurre le emissioni di CO2 di 37.000 tonnellate all’anno per un risparmio di 15 milioni di litri di benzina.

In termini economici fanno circa 24 milioni di euro l’anno risparmiati solamente per il carburante*.

Anche questo è bikenomics e se ne parlerà diffusamente al workshop che si terrà il 28 ottobre alla Fabbrica del Vapore a Milano in occasione di CityTech. Saranno presenti tra i relatori, Kevin Mayne della European Cyclists’ Federation e Francesca Racioppi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Citytech bikenomics

Per scaricare lo studio completo di Cyclelogistics, clicca qui
*per un prezzo del carburante di 1,6€/l

Articoli correlati

3 Risposte a Logistica in bicicletta: un potenziale enorme per l’Europa

  1. Laura scrive:

    Interessante questa bicicletta da trasporto, è possibile acquistarla da voi? Grazie

    • Paolo Pinzuti scrive:

      Noi non vendiamo bici, quella somiglia molto a una Bullit, ma se ti interessa una cargo bike puoi rivolgerti a Zona30.com
      Loro hanno delle cose interessanti.

      Ciao.

  2. Laura scrive:

    Grazie Paolo,
    hai ragione si tratta di una Bullitt.
    Scoperto il nome, ho trovato anche l’importatore che ha pure un sito interessante
    bicicaffe.it
    Sto valutando questo tricilo da trasporto:
    http://youtu.be/rZOp92bmIWQ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *