MENU
girolibero-subheader

“I ciclisti sono un grosso problema per le auto senza conducente”

News • di 11 febbraio 2016

La tecnologia avanza ma, a quanto pare, le auto senza conducente non sono ancora così smart da inquadrare con precisione le biciclette e i ciclisti che le pedalano sulla strada. In una recente intervista, il presidente e amministratore delegato della Renault Carlos Ghosn ha affermato che i ciclisti stanno dimostrando di essere la più grande sfida per lo sviluppo di auto senza conducente. Lo riporta il sito britannico cycling weekly.

Ghosn, che è anche presidente e ceo di Nissan, ha detto che la Renault lancerà la sua prima auto semi-autonoma senza conducente quest’anno: un mezzo che può accelerare, sterzare e fermarsi da solo. Ma ha detto anche che le biciclette sulle strade rappresentano un serio ostacolo per le auto senza conducente, perché i ciclisti mandano in confusione la tecnologia che è a bordo del veicolo.

GOOGLE_CAR_DRIVERLESS_BIKE

“Uno dei maggiori problemi sono le persone in bicicletta”, ha detto Ghosn alla rete CNBC. Spiegando anche il perché: “La macchina è confusa da loro, perché a volte si comportano come i pedoni e a volte si comportano come le automobili”. Inoltre, ha aggiunto: “Non rispettano alcuna regola di solito”.

Ma Jason Torrance, direttore della fondazione britannica per il diritto dei ciclisti Sustrans, ha ribattuto che la tecnologia impiegata deve essere innanzitutto indirizzata per mettere in sicurezza i pedoni e i ciclisti, gli utenti fragili della strada: “I sostenitori di auto senza conducente spesso dimenticano che le persone vivono vicino a strade e le utilizzano regolarmente, quindi la sicurezza dev’essere la priorità soprattutto quando un comportamento umano normale legittimo ma imprevedibile entra in contatto con le auto senza conducente”, ha detto Torrance.

Il lancio dei suoi primi veicoli parzialmente senza conducente della Renault ci sarà quest’anno e sarà seguita da un veicolo che può cambiare corsia in autostrada nel 2018, mentre con un’auto completamente autonoma previsto per il 2020. Il Consumer Electronics Show di Las Vegas all’inizio di questo mese ha visto Audi, Ford, Toyota e Volvo annunciare i piani per le proprie auto senza conducente. Dunque è solo una questione di tempo: prossimamente arriveranno sulle nostre strade veicoli a guida autonoma che dovranno decodificare il comportamento sulla strada non solo delle altre vetture e degli altri mezzi a motore ma anche e soprattutto dei ciclisti e dei pedoni.

Articoli correlati

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>