MENU

Il Campidoglio stima i costi del GRAB in 15 milioni di euro

Bikenomics, News, Rubriche e opinioni • di 19 dicembre 2016

img_20161219_000354
Nove pagine di relazione tecnica, una macrotabella con il quadro economico complessivo e come allegato una maxicartina per illustrare nel dettaglio il piano degli interventi previsti lungo tutto il percorso: il GRAB, Grande Raccordo Anulare delle Bici, è stato vivisezionato e analizzato metro per metro dai tecnici dell’Agenzia Roma Servizi per la Mobilità che hanno redatto lo studio di progettazione dell’opera con i relativi costi. Bikeitalia è in grado di anticipare i contenuti del documento che a tutt’oggi (19 dicembre 2016, ndr) non è ancora stato divulgato e che presto arriverà sulla scrivania del ministro delle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio.

In base al protocollo d’intesa siglato il 21 settembre scorso tra Campidoglio e Mit, entro il 21 dicembre il Comune di Roma dovrà trasmettere al dicastero di Porta Pia uno studio preliminare dell’opera enucleando i diversi capitoli di spesa e dettagliando tutte le azioni necessarie per poterla realizzare in base alle indicazioni generali espresse dall’Amministrazione in ordine ad alcuni obiettivi prioritari quali l’interconnessione del GRAB alla rete ciclabile già esistente, la valorizzazione della funzione di intermodalità della nuova infrastruttura nonché la riqualificazione/rigenerazione urbana delle aree attraversate dalla ciclovia.

img_20161219_000441

La stima economica degli interventi previsti sfiora i 15 milioni di euro: l’importo totale dell’opera – stando a quanto riportato sullo studio preliminare che abbiamo visionato – è pari a 14.781.861,39 di euro (iva compresa), di cui 13.504.930,00 (iva compresa) per l’attuazione degli interventi; 146.400,00 (iva compresa) come oneri per la redazione del progetto di fattibilità; 512.000,00 (iva compresa) come oneri per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo; infine, la stima economica per l’attività di Stazione Appaltante è pari a 618.131,39 euro (iva compresa).

img_20161219_000503Le linee-guida dello studio condotto da Roma Servizi per la Mobilità sul GRAB sono state improntate a progettare “una ciclovia per Roma” attraverso quattro tipologie d’intervento: la piazza lineare, quindi ampliamento di spazi già pedonali e in corrispondenza di aree d’interesse storico/culturale; il corridoio urbano, protetto lungo la sede stradale e in funzione di collegamento tra le varie parti; la zona30 e gli assi stradali 20 km/h “dove la riduzione della velocità consente essa stessa la circolazione in sicurezza”, come riporta il documento.

img_20161219_000520Il GRAB è stato suddiviso in 6 lotti “con partenza dall’Arco di Costantino e arrivo, percorrendo l’anello in senso antiorario, al Campidoglio-Fori Imperiali” – prosegue lo studio preliminare realizzato dai tecnici del Comune di Roma – perché “la suddivisione in lotti consente la realizzazione dell’opera per fasi” accelerando quindi il processo di approvazione del progetto da parte di tutti i soggetti coinvolti. I 6 lotti in cui è stato suddiviso il GRAB sono: 1.dall’Arco di Costantino all’ingresso del Parco di Tor Fiscale; 2.Parco di Tor Fiscale – Via Casilina; 3. Via Casilina – Stazione Palmiro Togliatti Fr2; 4. Stazione Palmiro Togliatti Fr2 – Parioli; 5.Parioli – Piazza Cavour; 6. Piazza Cavour – Arco di Costantino. Le piste ciclabili esistenti attraversate dal GRAB – come quella di Viale Palmiro Togliatti e quella di Viale Angelico – saranno inglobate alla ciclovia “definendo per queste scelte univoche in termini di finitura del tappetino e segnaletica verticale”.

img_20161219_000539Il GRAB, lungo circa 44 chilometri, nel progetto redatto da Roma Servizi per la Mobilità che Bikeitalia ha visionato avrà 4 velostazioni di cui 3 già individuate (Arco di Travertino/Metro A, Stazione Togliatti/Fr2, Stazione Nomentana/Fl1) più una quarta da realizzare lungo il tracciato occidentale della ciclovia. Al momento manca un collegamento tra la Stazione Termini e il GRAB e quindi “contestualmente alla progettazione della ciclovia sarà individuato il percorso di ingresso/uscita dal GRAB con direzione Termini”.

Ora la palla passa al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che dovrà fare le sue valutazioni sullo studio preliminare redatto dai tecnici del Campidoglio e impegnare le risorse per la realizzazione dell’opera: un’infrastruttura di 44 chilometri a vocazione cicloturistica che, secondo le stime di Roma Servizi per la Mobilità, costerà 14.781.861,39 di euro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *