MENU

+28.5% di posti di lavoro in Europa: è la Bikenomics

News • di 18 maggio 2017

Il settore bici in Europa ha fatto registrare negli ultimi 5 anni un aumento degli occupati pari al 28,5%.

produzione bici

L’aumento delle vendite di bici elettriche ha contribuito a una grande espansione nella quantità di posti di lavoro del settore bici nell’Unione Europea. In particolare, un recente studio pubblicato da CONEBI (Confederation of the European Bicycle Industry) afferma che l’aumento è stato pari al 28,5% negli ultimi 5 anni. Secondo il report CONEBI questo risultato si deve in gran parte alla diffusione delle ebike.

grafico produzione bici in Europa

Al giorno d’oggi, circa 800 aziende nel settore bici, bici elettriche e componenti danno lavoro direttamente a 45mila persone, a cui sommare altri 45mila posti di lavoro creati dall’indotto. Queste 800 aziende si trovano in 20 dei 28 paesi europei, e creano un fatturato globale di 12 miliardi di euro. Nel 2012 secondo CONEBI erano attive 700 aziende, e 70mila lavoratori. La maggioranza della aziende ricadono nel gruppo delle Piccole e Medie Imprese.

Il grafico qui sotto mostra la distribuzione di questi posti di lavoro nei vari paesi dell’UE (cliccare per ingrandire). L’Italia è al secondo posto dopo la Germania, con circa 5700 lavoratori impiegati direttamente dal settore.

grafico produzione bici per paese

Nel suo report, CONEBI rammenta alcuni punti importanti:

  • i dati riguardano solamente le aziende che fanno parte delle associazioni nazionali di produttori, che a loro volta fanno capo a CONEBI. Per cui i dati reali in termini di posti di lavoro del settore sono più alti
  • le attività dell’indotto prese in considerazione sono le seguenti: materiali primi; impianti industriali, strumenti, attrezzi, e loro manutenzione; catering e mensa per i lavoratori; trasporti; imballaggio; altro
  • i 10mila lavoratori del settore accessori sono inclusi nel grafico a torta qui sopra (“fetta” grigia) ma NON sono inclusi nelle cifre che abbiamo dato finora; quindi i posti di lavoro diretti sono 55mila, e non 45mila, se includiamo anche questi lavoratori

Per completezza d’informazione, riportiamo questo grafico tratto dal rapporto CONEBI sul mercato delle bici 2016 (aggiornato ai dati 2015). Mostra il numero di occupati del settore bici in Italia. Come potete vedere c’è stata una grande diminuzione, con la situazione che si è stabilizzata negli ultimi anni.

grafico occupati settore bici Italia

Al di là dei risultati generati dalle diffusione delle bici elettriche, crediamo che questo aumento dell’occupazione continuerà nei prossimi anni anche per un altro motivo. Uno dei trend più discussi negli ultimi mesi e anni è proprio il ritorno della produzione di biciclette in Europa, dopo gli anni di outsourcing in Asia. Questo perché i consumatori vogliono giustamente sempre i prodotti più nuovi, e i produttori asiatici non si sono dimostrati in grado di fornire bici e componenti in maniera tempestiva. Una conferenza in Portogallo che si terrà a inizio giugno (World Cycling Forum) servirà proprio a illustrare questo trend, e ad aiutare il coordinamento fra le varie aziende. Il Portogallo, insieme alla Romania e alle Fiandre, sta puntando molto sulla produzione di biciclette per far ripartire l’economia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *