MENU

Dublino, catena umana per impedire il parcheggio sulla ciclabile

News • di 13 luglio 2017

Con il supporto di NexBike

Martedì 11 luglio a Dublino un gruppo di ciclisti si è riunito per una protesta, singolare ma efficace, che li ha visti formare una vera e propria catena umana, per impedire agli automobilisti di parcheggiare illegalmente su due piste ciclabili del centro.
Le 17 persone che hanno sostenuto attivamente l’iniziativa si sono date appuntamento tramite il social network Twitter un paio di settimane prima, mosse dalla frustrazione per le continue infrazioni che causavano ai ciclisti rallentamenti e deviazioni lungo il percorso.

Gli organizzatori hanno tenuto a specificare che è stata un’azione di sensibilizzazione e non di “scontro”, piuttosto plateale poiché finalizzata anche ad ottenere una certa attenzione mediatica a livello locale che effettivamente c’è stata.
Nei mesi precedenti alcuni ciclisti avevano già denunciato la situazione al Dipartimento dei Trasporti della capitale irlandese, senza ottenere però alcuna risposta.

La maggior parte delle infrazioni in quei tratti di pista ciclabile di St Andrews Street e Ranelagh Road, nel centro di Dublino, viene commessa nell’ora di punta della mattina (8.30 – 9.30) da persone che lasciano l’auto invadendo le due ciclabili per una sosta “breve” di qualche minuto, un caffè o un veloce acquisto, causando però disagi alla circolazione in bici, nel migliore dei casi, e seri pericoli nel peggiore.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *