MENU

8. Costruire una ruota: operazioni preliminari

Bikelife, Ruota • di

Mettiamo mano alla ruota e cominciamo a costruire qualcosa di concreto. Prima di infilare raggi come se non esistesse un domani, ci sono delle operazioni preliminari da effettuare, che servono sia per preparare i materiali al montaggio che per apprendere la tecnica e il metodo proposti.

Il metodo di raggiatura del Barnett Bicycle Institute

Nel corso di questi articoli seguiremo un metodo di raggiatura molto valido e facile da memorizzare, che consentirà a tutti di apprendere in autonomia le varie fasi del processo e di applicarle seguendo una logica del “punto a punto”. Il metodo è quello che viene insegnato al Barnett Bicycle Insitute in Colorado (USA) ed è quello sul quale io stesso ho studiato e che mi è sempre sembrato il più immediato. In questo articolo vedremo il procedimento per la prima volta, cosa che può farlo apparire come “ostico” ma che in realtà consente anche al neofita di cimentarsi con successo nella raggiatura. Una volta acquisito il metodo, gran parte delle operazioni preliminari qui descritte possono essere saltate, snellendo la procedura. La filosofia alla base di questo metodo è molto semplice: identificare a priori i fori di destinazione dei raggi, sia sul mozzo che sul cerchio, in modo da preparare “il terreno” alla realizzazione della ruota, evitando le brutte situazioni nelle quali, a metà della raggiatura, si perde il senso e non si riesce più a districarsi tra i vari fori e il modo in cui collegarli.

Operazioni preliminari: tempistiche, difficoltà e attrezzatura

Le operazioni preliminari solitamente occupano una decina di minuti con un livello di diffioltà banale. La prima volta, quando bisogna numerare tutti i fori per imparare il metodo, la situazione si fa un po’ complicata e di solito s’impiega circa una mezzora. Una volta appreso il metodo e la filosofia di base, tutto risulta più snello e immediato.
Raggiare_100

L’attrezzatura necessaria é:
• Olio o spoke prep: per lubrificare i filetti dei raggi;
• Scotch di carta: per numerare i raggi e i fori;
• Pennarello indelebile: per indentificare il foro sulla flangia sinistra del mozzo;
• Penna: per scrivere il codice relativo a ciascun raggio;
• Due fogli di carta: per dividere i raggi in lato sinistro e destro;

Le operazioni preliminari per la costruzione di una ruota

Step 1: Dividere i raggi in destri e sinistri

Raggiare_101
Se non l’avete già fatto al momento dell’acquisto, disponete i due fogli di carta sul tavolo di lavoro, scrivendovi sopra “lato sinistro” e “lato destro” (o lato trasmissione, come preferite) e poi posizionate i raggi corrispondenti. Contateli e controllate sempre che siano messi al posto giusto;

Step 2: Identificare il lato destro del cerchio

Raggiare_102
Prendete il cerchio e trovate il lato destro, ovvero quello che va rivolto verso la trasmissione. Solitamente i cerchi sono simmetrici e questa scelta è puramente arbitaria ma esistono situazioni in cui i cerchi hanno il senso di rotazione. Un esempio su tutti sono i cerchi Shimano di ultima generazione, che sono asimmetrici, con il lato piatto che deve essere posizionato verso il lato sinistro della ruota.
Raggiare_103
Tagliate un quadrato di scotch di carta e posizionatelo sopra il lato valvola. Scrivetevi ora sopra un “D” o una “R” (destra o right, come preferite) per identificare il lato trasmissione.

Step 3: Identificare il primo foro

Raggiare_104
Andiamo ora a marcare il primo foro, ovvero il destinatario del primo raggio. Per farlo posizioniamo il cerchio in piano, con il lato destro verso l’alto.
Raggiare_105
Partendo dal foro valvola osserviamo i fori successivi in direzione oraria, ovvero verso destra. Il primo foro rivolto verso l’alto sarà il primo foro da congiungere con un raggio.
Raggiare_106
Tagliamo un quadrato di scotch di carta e lo posizioniamo sul bordo del cerchio, in corrispondenza del foro. Con la penna marchiamo il foro con il codice “A1”;

Step 4: Marcare i fori “A” rimanenti

Raggiare_107
Dal foro “A1” procedete sempre in senso orario (quindi verso destra) e contate tre fori. Il quarto foro, che deve essere rivolto verso l’alto (controllate sempre prima di codificarlo!), è il foro “A2” e potete indicarlo con un quadratino di scotch.
Raggiare_108
Proseguite poi in senso orario interponendo sempre tre fori e numerate i restanti fori “A3”, “A4” e così via.
Raggiare_109
Ad esempio la ruota che sto raggiando nella foto ha 32 fori, quindi 16 per flangia e il mio ultimo foro sarà “A8”.
Raggiare_110
Controllate sempre che tra l’ultimo foro marcato e il foro “A1” ci siano tre fori e che tutti i fori marcati siano rivolti verso l’alto;

Step 5: Marcare i fori “C”

Raggiare_111
Mantenendo sempre il cerchio con il lato destro verso l’alto, prendete come riferimento il foro “A1″ e in senso orario, quindi verso destra”, identificate il foro successivo rivolto verso l’alto, che dovrebbe trovarsi nel mezzo di “A1” e “A2”.
Raggiare_112
Raggiare_113
Marcatelo con la dicitura “C1”. Proseguite marcando tutti i rimanenti fori rivolti verso l’alto con “C2”, “C3” ecc.. fino a esaurirli.
Raggiare_114
Controllate di aver marcato solo fori rivolti verso l’alto, che non vi siano fori verso l’alto rimasti liberi;

Step 6: Marcare i fori “B”

Raggiare_115
Raggiare_116
Girate il cerchio sottosopra, con il lato sinistro rivolto verso l’alto. Partendo dal foro valvola (potete marcarlo con la lettera “S” o “L” se desiderate), procedete in senso antiorario (quindi verso sinistra) e individuate il primo foro rivolto verso l’alto.
Raggiare_117
Raggiare_118
Marcatelo con la lettera “B1”. Procedete in senso antiorario, verso sinistra, e contate tre fori come fatto in precedenza.
Raggiare_119
Raggiare_120
Il quarto foro è il “B2”. Procedete così fino a esaurire i fori verso l’alto.
Raggiare_121
In questa ruota il mio ultimo foro sarà “B8”.

Controllate sempre che tra ogni foro marcato con la lettera “B” vi siano tre fori di distanza e che tutti i fori marcati siano rivolti verso l’alto.
Raggiare_122
Raggiare_123

Step 7: Identificare i fori “D”

Raggiare_124
Partendo dal foro “B1”, procedete in senso antiorario (quindi verso sinistra) e identificate il primo foro successivo rivolto verso l’alto.
Raggiare_125
Raggiare_126
Quello è il foro “D1”, che dovrebbe trovarsi in mezzo a “B1” e “B2”. Continuate in senso antiorario marcando i successivi fori verso l’alto con le lettere “D2”, “D3” e così via.
Raggiare_127
Una volta terminato, controllate di aver marcato solo i fori rivolti verso l’alto e di non averne saltato nessuno;

Step 8: Identificare i raggi

Raggiare_128
Raggiare_129
Prendete metà dei raggi destri, tagliate un numero corrispondente di quadrati di scotch di carta e applicateli intorno ai raggi.
Raggiare_130
Raggiare_131
Con la penna scrivete poi “A1-A2-A3” ecc, fino a terminare i raggi.
Raggiare_132
Ripetete con il resto dei raggi destri, denominandoli “C1-C2-C3” ecc.
Raggiare_133
Raggiare_134
Raggiare_135
Prendete ora metà dei raggi sinistri e denominateli “B1-B2-B3” fino a esaurirli.
Raggiare_136
Raggiare_137
Ripetete l’operazione con i restanti raggi sinistri, denominandoli “D1-D2-D3” e così via;

Step 9: Identificare il primo foro sul mozzo

Raggiare_138
Qui entra in gioco una tecnica sopraffina, che denota che il costruttore è una persona attenta ai particolari. Infatti è una consuetudine che una volta costruita la ruota, la scritta con il marchio del mozzo sia in corrispondenza del foro valvola.
Raggiare_139

Per farlo osservate la flangia destra frontalmente, con la scritta rivolta verso l’alto. Dopodiché andate avanti del numero di incroci prescelti. Ad esempio io raggerò la ruota in terza, per cui dovrò andare avanti di 3 fori oltre quello corrispondente alla scritta.
Raggiare_140
Questo è il primo foto da collegare, per cui con lo scotch di carta lo definiamo come “A1”;

Step 10: Identificare il primo foro sul lato sinistro

Raggiare_141
Inseriamo un raggio nel foro “A1” sul mozzo, facendo capitare l’estremità a contatto della flangia sinistra. Il raggio dovrebbe capitare in mezzeria tra due fori.
Raggiare_142
Osservate nuovamente il cerchio, rivolgendo il lato destro verso l’alto. Partendo dal foro valvola, osservate la posizione del foro immediatamente successivo in senso orario (quindi verso destra).
Raggiare_143
Se è rivolto verso l’alto, marcate il foro a destra del raggio con la lettera “B1”. Se il foro sul cerchio è rivolto verso il basso, il foro da marcare sul mozzo sarà quello a sinistra del raggio inserito.
Raggiare_144
Raggiare_145
In questo modo saprete qual’è il primo foro da usare sia sulla flangia destra che su quella sinistra e non dovrete stare lì a pensarci mentre state costruendo la ruota;

Step 11: Lubrificare i filetti

Raggiare_146
Prendete l’olio o lo spoke prep e cospargetene un velo su tutte le estremità filettate dei raggi. Questo consentirà di avvitare più facilmente i nippli sui raggi ed eviterà che questi possano grippare, rendendo impossibile una futura regolazione della centratura.

Concludendo

Abbiamo completato le fasi preliminari. E’ vero, viste così sembrano delle procedure complicate e molto ostiche. In realtà questo sistema consente di risolvere in anticipo tutte le problematiche di selezione dei fori, che possono mettere in difficoltà il neofita. Inoltre questo metodo è perfetto per apprendere da autodidatta e in autonomia le modalità di costruzione della ruota. La prima volta può sembrare un po’ noiosa ma si rivelerà molto utile quando, nel prossimo articolo, realizzeremo la ruota. In questo modo tutti i futuri passaggi di realizzazione della ruota saranno un “collega i puntini”. Provare per credere.

Corsi

Se questo articolo ti è piaciuto e desideri approfondire questa e altre operazioni sulle ruote, ti potrebbe interessare il corso di specializzazione in Ruote di Bikeitalia.it

Libri

bici-1 bici-2 bici-3

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *