MENU
fancy women bike ride 2019

Sviluppo e sottosviluppo, Verona e Bogotà

Rubriche e opinioni • di 17 Settembre 2012

All’apertura dell’Esposizione Internazionale del Ciclo 2012 alla fiera di Verona, dopo il presidente di Confindustria, Squinzi, ha preso la parola anche il Sindaco di Verona, Flavio Tosi: “Se Eica ha scelto Verona non e’ un caso: il nostro territorio, che e’ stato stata tappa del Giro d’Italia e dei mondiali di ciclismo, e’ da sempre legato a questo sport. E’ giusto, quindi, che una fiera venga organizzata in un luogo che ha tutte le potenzialità per accoglierla ed inneschi un processo virtuoso che valorizzi il territorio e ne sviluppi il genius loci”.

Proviamo per un attimo a immaginare che invece che una fiera della bicicletta, il sindaco Tosi avesse inaugurato una fiera dell’automobile o della motocicletta: se in una simile circostanza avesse parlato di auto e moto come mezzi per la pratica sportiva, probabilmente qualche giornalista si sarebbe sentito in dovere di chiedergli se la sua definizione non fosse eccessivamente miope e riduttiva. Trattandosi, invece di biciclette, le parole di Tosi sono passate in secondo piano.

Questa vicenda è in qualche modo la cartina di tornasole dell’enorme differenza culturale tra i paesi del nord Europa e l’Italia: nonostante il nostro paese sia stato pioniere nella fabbricazione e nell’uso della bicicletta e nonostante oggi giorno anche i costruttori stessi di automobili parlino apertamente di “demotororizzazione”, ancora in molti non riescono a pensare alla bicicletta come a un comunissimo mezzo di trasporto.

Ma il problema culturale non riguarda tanto i comuni cittadini che sempre più si rendono conto dell’utilità della bicicletta per muoversi in città, ma soprattutto chi, abituato ad essere mollemente scarrozzato a destra e manca da autisti e factotum, non si rende neppure conto che possa esistere un’alternativa all’automobile in termini di mobilità.

Probabilmente però, nel caso particolare di Tosi, si va ben oltre la limitatezza di pensiero e di vedute: con quale faccia avrebbe infatti potuto parlare di mobilità ciclabile proprio lui che dirige la città con il quarto più alto tasso di incidentalità ciclistica in Italia ma si rifiuta di intervenire a riguardo, proprio lui che mentre riceve in dono biciclette regalate dall’ANCMA rifiuta ogni confronto con la associazione locale dei ciclisti urbani?
Una cosa è certa: i gap culturali possono essere colmati, ma contro la malafede c’è ben poco da fare.

A proposito di arretratezza culturale, ecco cosa ha detto il sindaco di Bogotà, capitale della Colombia: “Un Paese è sviluppato non quando i poveri posseggono automobili, ma quando i ricchi usano mezzi pubblici e biciclette.

Forse vale la pena di chiederci se l’Italia sia un paese sviluppato o piuttosto sottosviluppato.







Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *