Un ponte ciclabile collegherà Austria e Slovacchia

25 Settembre 2012

austria-slovacchia-ponte-ciclabileDopo quasi cinquant’anni di separazione forzata attraverso la cortina di ferro, Austria e Slovacchia sono oggi unite da un ponte ciclabile sopra il fiume Morava, che collega le località di confine Schlosshof (Austria) e Devinska Nova Ves (Slovacchia). Il ponte, rinominato “Freedom Bridge”, Ponte della libertà, è costato 5 milioni di euro e costituisce un importante raccordo, finora mancante, all’interno della Iron Curtan Trail, l’itinerario cicloturistico di 10 mila chilometri che corre lungo tutta la vecchia cortina di ferro dal Baltico alla Turchia.

Il percorso della Iron Curtan Trail nel suo insieme è ancora in fase di avanzamento e dovrebbe essere pronto entro il 2020, grazie ai 351 milioni di euro di finanziamenti previsti a fronte dei 355 milioni all’anno stimati in benefici economici derivanti dal turismo. L’annuncio è arrivato proprio il giorno dopo la pubblicazione di una relazione del Parlamento europeo che ha indicato il cicloturismo un settore in grado di generare solo in Europa ricavi per 44 miliardi di euro all’anno.

Soddisfazione è stata espressa dal Commissario europeo per le politiche regionali Johannes Hahn secondo cui attuare una strategia mirata di promozione del turismo sostenibile potrebbe essere la chiave per risollevare il settore e creare nuovi posti di lavoro. A fargli eco è Adam Bodor, responsabile dei finanziamenti europei dell’ECF (European Cyclists’ Federation), il quale ha accolto positivamente la decisione del Commissario Hahn di aumentare del 30% le risorse destinate ai progetti trasfrontalieri, sostenendo che l’investimento può far crescere realmente il numero di cicloturisti e rilanciare l’economia locale.

Fonte | neurope.eu

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti