Bologna: dopo la protesta il Comune ritratta, ok alle bici con la neve

Bologna, dopo la protesta il Comune ritratta, ok alle bici con la neve

7 Dicembre 2012

bologna-bici-neve

L’Amministrazione comunale ha ritenuto opportuno modificare parzialmente l’ordinanza precedente“.

L’amministrazione in questione è quella di Bologna, e l’ordinanza precedente a cui si fa riferimento è quella che tanto ha fatto discutere nei giorni scorsi, ovvero vietare la circolazione di biciclette e ciclomotori nel capoluogo emiliano in caso di neve, nel periodo compreso tra il 1° dicembre e il 15 marzo.

Con un nuovo comunicato, dunque, il Comune di Bologna ha fatto marcia indietro, spiegando che “sono stati evidenziati da alcune associazioni e imprese, pubbliche e private, i rilevanti problemi che un’estensione generalizzata del divieto di circolazione in caso di neve ai mezzi a due ruote comporta“, aggiungendo che “è risultato inoltre che vi sono sia all’estero sia in Italia numerose città, anche situate ad altitudini o latitudini maggiori e dunque interessate di norma da rilevanti fenomeni nevosi (come ad esempio Bolzano), in cui il divieto di circolazione è limitato ai soli autoveicoli“.

Al Comune di Bologna e ai decisori di questo dietrofront (chissà se sono gli stessi decisori del primo divieto), va dato atto di aver ammesso il proprio errore, e nella politica di oggi ammettere gli errori è cosa rara. E ascoltare i pareri degli altri, ancora di più. D’altra parte non si può non riconoscere che sul cambio di decisione abbia pesato l’enorme pressione mediatica esercitata dai cittadini, dai blog nazionali e internazionali, dalle associazioni, tramite le mail e l’utilizzo dei social network.

Fiab (la Federazione Italiana Amici della Bicicletta) ha sollevato la questione qui, lo stesso è stato fatto dal blog dedicato al movimento #salvaiciclisti sul Fatto Quotidiano, e la notizia è finita dopo poche ore anche su notiziari stranieri che si occupano di bicicletta. Per non parlare delle decine di richieste di ritrattamento dell’ordinanza rivolte dai cittadini al Comune tramite Facebook e Twitter.

Al di là del poter riprendere serenamente la propria bicicletta a Bologna, quindi, ciò che di incoraggiante emerge da questa faccenda è la consapevolezza, nelle persone che si sono espresse in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo, di aver inciso nella modifica del provvedimento.
La sensazione è che partecipare, dire la propria, cercare e rompere l’anima pubblicamente allo staff del proprio comune in ogni angolo del web, alla fine, serva. Una lezione da tenere a mente alla prossima ingiusta ordinanza.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti