Copenhagenize: lo spot-parodia fa arrabbiare la Citroen

18 Luglio 2013

copenhagenize-citroen

La società Copenhagenize Consulting, del “guru” della mobilità ciclistica Mikael Colville-Andersen, ha pubblicato lo scorso 8 luglio la parodia di uno spot della Citroen che sta facendo molto discutere. Il fotografo ed urbanista danese ha definito il video-parodia un modello di come dovrebbero essere secondo lui gli spot commerciali delle case automobilistiche. Un suggerimento difficile da accogliere per i diretti interessati, visto che il video in questione mostra una serie di immagini drammatiche di incidenti stradali e alcuni numeri allarmanti su morti e feriti che ne conseguono.

Non è un segreto che le pubblicità delle auto sono, generalmente, delle fiction – spiega Colville-Andersen – con macchine fiammanti su strade prive di traffico a cui fanno sfondo paesaggi da sogno. Vendono il sogno, appunto. Cosa succederebbe invece se gli spot mostrassero la realtà o, comunque, se vi fossero delle restrizioni in materia di pubblicità? Già dal 2009 chiediamo che le automobili siano soggette alle stesse norme in materia del tabacco e che gli spot mostrino le avvertenze per la salute. Il video, realizzato da Ivan Conte, uno stagista in forze a Copenhagenize Consulting, è arrivato presto ai piani alti della Citroen, che si sta tuttora adoperando per convincere il team danese a ritirare lo spot.

Andersen ghigna, e affida la sua risposta a Facebook: due signori di Citroen Denmark hanno appena bussato alla porta. Sono qui per discutere della nostra piccola parodia del loro spot. Sono stati mandati qui dalla sede centrale di Parigi, sono un danese e un francese. Avrebbero potuto scrivere una lettera o mandare una mail, e invece sono qui di persona. Bravi ragazzi! Ovviamente sono qui per chiedere di ritirare il video. Ci stiamo pensando :-)

What if Car Commercials Reflected Reality?

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti