Meno pubblicità, più spazio ai bike hotel e 4 siti multilingua: ecco Bikeitalia nel 2014

13 Gennaio 2014

Bikeitalia 2014

Il 2013 è alle spalle e il bilancio dei primi sei mesi di vita di Bikeitalia.it non può che essere positivo. Ma con l’arrivo del nuovo anno è già tempo di mettere in campo nuove idee e nuovi progetti, affinché anche una giovane testata indipendente come la nostra viva e si mantenga in salute nell’agguerrito mondo dell’informazione online di oggi.

Intanto, ecco qualche piccola anticipazione sul 2014 di Bikeitalia, ricco di novità.

Meno pubblicità, e più a tema. La pubblicità è ancora una preziosa fonte di ricavi per un portale/testata giornalistica online che non gode di contributi pubblici né di introiti derivati da abbonamenti e vendita diretta. Ma se ben selezionata e di qualità, anche la pubblicità può diventare un valore aggiunto per un sito web, arricchendone i contenuti e senza mai penalizzare l’esperienza di navigazione dell’utente. Per questo, abbiamo deciso di ridurre fortemente la presenza della pubblicità di Google Adsense all’interno del sito. Si tratta di banner generati automaticamente i cui prodotti e servizi presentati non sempre sono coerenti con i contenuti degli articoli (case vacanze, corsi di lingua, ecc…). Oltre ai due banner testuali 400 x 15 px in alto e in fondo, sarà rimosso anche il box pubblicitario nel mezzo dell’articolo. L’obiettivo di Bikeitalia è di riuscire a fare totalmente a meno della pubblicità di Google Adsense e circuiti simili entro la fine del 2015. Per questo, anche l’unico dei 4 banner che al momento sopravviverà (un 336 x 300 px in fondo ad ogni articolo) è destinato a scomparire.
Questo piccolo “regalo” per i lettori è stato possibile grazie a…i lettori stessi! Che aumentando sempre di più ci hanno permesso di stringere accordi pubblicitari diretti con aziende e marchi che si occupano davvero e soltanto di ciclismo e cicloturismo.

Più spazio ai bike hotel. Dal 2014, ogni settimana nel week end, tramite la nostra pagina Facebook e account Twitter, presenteremo ai nostri lettori che ci seguono dai social network, una struttura ricettiva a turno tra quelle presenti nel portale Bike Hotel. Vogliamo premiare queste attività perché, sempre di più, la ricettività “bike friendly” sarà la marcia in più del cicloturismo in Italia. La maggior parte delle strutture del nostro paese è ancora indietro, ma molte si stanno attrezzando, creando uno spazio apposito per il deposito delle biciclette, reperendo mappe e informazioni sui percorsi ciclistici della zona, insomma facendo tutto quanto occorre per accogliere al meglio i cicloturisti. Non in ultimo, i bike hotel aderenti al circuito di Bikeitalia garantiscono il 10% di sconto prenotando tramite il modulo di ciascuna struttura e si sa, qualche euro di sconto per i clienti ciclisti, è quanto di più concreto possa fare un’azienda che si professa “bike friendly”.

4 siti multilingua. “In testa” ad un piccolo gruppo di siti, Bikeitalia è in procinto di allargarsi ancora. Il Portale Bici Elettriche e la sua versione francese Portail Vèlo èlectrique lanciati nel 2013, infatti, hanno rappresentato solo il primo passo verso la costituzione di un grande network europeo di siti multilingua. Nell’anno in corso sono in arrivo 4 siti web in altrettante lingue – inglese, francese, tedesco e olandese – tutti “figli” del progetto Bikeitalia.

Queste solo alcune anticipazioni; il resto, se vorrete, lo scoprirete pedalando insieme a noi.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.899
Acquista
Meccanica per bici da corsa e gravel
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti