I nuovi dati sull'uso della bici in Europa - Bikeitalia.it

I nuovi dati sull’uso della bici in Europa

15 Dicembre 2014

La scorsa settimana è stato pubblicato l’Eurobarometer 422a, un’indagine sulle abitudini di mobilità dei cittadini europei, compreso l’uso della bicicletta. La ricerca è stata finanziata dalla Commissione Europea e ha preso in considerazione le opinioni espresse da 27 mila cittadini di 28 stati.

Per quanto riguarda l’uso della bici, i risultati dell’indagine hanno confermato in buona parte le statistiche degli anni precedenti, ma alcune novità non mancano e riguardano anche l’uso dell’automobile e dei mezzi pubblici.
La media europea dei cittadini che hanno dichiarato di usare la bici abitualmente per spostarsi è dell’8%, equamente distribuita tra entrambi i sessi. Significativa è invece la differenza tra le fasce d’età: la media più alta (13%) si è registrata tra i giovani con età compresa tra i 15 e i 24 anni contro il 7/8% delle fasce 25-39, 40-54 e over 55.

L’Olanda è il paese in cui si pedala di più, con il 36% di ciclisti urbani dichiarati. A Malta invece la quota di ciclisti è prossima allo zero. L’Italia si attesterebbe, secondo l’Eurobarometer, poco sotto la media europea, con il 6%.

dati-bici-europa

Confrontando la tabella con i dati Eurobarometer del 2013, nel nostro paese i ciclisti sarebbero aumentati di 2 punti percentuale, e in effetti l’aumento di biciclette nelle nostre strade è sotto gli occhi di tutti.

dati-bc-2013

L’ECF (European Cyclists’ Federation) ha estrapolato dal documento integrale ulteriori dati interessanti, eccoli di seguito:

Le ragioni per cui scegli un determinato mezzo di trasporto

ecf-1

Per gli europei, la convenienza e la velocità di spostamento sono ancora i criteri che influiscono maggiormente sulla scelta del mezzo di trasporto. Nonostante la crisi, il prezzo è il criterio più influente solo per il 12% degli intervistati. Tra i ciclisti, poi, ben 1 su 4 dice di usare la bici per una questione di rispetto dell’ambiente.

I maggiori problemi in tema di mobilità

ecf-2

Oltre la metà degli intervistati ha individuato nel traffico e nella manutenzione delle strade i problemi più urgenti in tema di mobilità urbana. “Solo” per il 30% invece la questione primaria è la sicurezza, sebbene anche i primi due fattori possano far intendere un bisogno di sicurezza.

Priorità per aumentare la sicurezza stradale

ecf-3

Per risolvere questi problemi, le soluzioni individuate (50% dei voti) sono la migliore manutenzione delle strade e il pugno di ferro contro chi si mette alla guida sotto effetto di alcol. Solo per un cittadino europeo su 4 invece si dovrebbe agire innanzitutto sulla riduzione della velocità.

I dati sulla mobilità in Italia

Quello che emerge dalle indicazioni dei cittadini italiani è:
– un alto uso dell’automobile (63%);
– uso dei mezzi pubblici ben sotto la media europea (8% contro il 20% circa);
– siamo, dopo i ciprioti, i cittadini che in Europa meno guardano al prezzo per scegliere il mezzo di trasporto (solo il 6% contro una media di circa il 15%);
– siamo, dopo i maltesi, i cittadini più insoddisfatti della (non) puntualità dei mezzi pubblici. Ancora una volta invece, sembrerebbe che mostriamo poco interesse nei confronti del prezzo del biglietto e di possibili abbonamenti a buon mercato.

Documenti ufficiali

Commenti

Un commento a "I nuovi dati sull’uso della bici in Europa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti