Santa Bibiana, il ritorno della ciclabile popolare - Bikeitalia.it

Santa Bibiana, il ritorno della ciclabile popolare

16 Novembre 2015

SANTA_BIBIANA_III_5
Continua la storia di Santa Bibiana, la ciclabile fai-da-te che periodicamente fa la sua apparizione sotto il tunnel omonimo che collega i quartieri Esquilino e San Lorenzo di Roma. Un fenomeno che Bikeitalia ha seguito fin dal suo primo manifestarsi – lo scorso anno – e che domenica 15 novembre ha avuto una nuova puntata.

La notizia di questo terzo episodio di apparizione è stata divulgata sul blog Rotafixa.it: “Attivisti romani hanno manutenuto oggi la ciclabile popolare di Santa Bibiana, inaugurata il 30 novembre 2014 (due giorni prima di Mafia Capitale) e ripristinata l’8 febbraio 2015 dopo la cancellazione a opera del Comune”.

SANTA_BIBIANA_III_3

Nonostante le promesse dell’amministrazione capitolina – i tavoli tecnici, il progetto già pronto da realizzare – in questi lunghi mesi non è stata realizzata la ciclabile “regolare” con timbri, collaudi e tutto il resto. Quindi questo terzo intervento spontaneo – per migliorare la sicurezza del passaggio in bici sotto al tunnel – è servito per evidenziare la striscia bianca che in questi mesi era andata via via sbiadendosi.

SANTA_BIBIANA_III_1

Il blitz di guerrilla painting – secondo quanto riportato da Rotafixa.it – ha comportato una spesa di 67,50 euro per i materiali, l’impegno di una ventina di attivisti e mezz’ora di tempo per realizzare la ciclabile fai-da-te.

SANTA_BIBIANA_III_4

In queste ultime settimane la situazione a Roma, sul fronte della ciclabilità, non ha registrato un significativo cambio di passo: non v’è traccia delle bike lane promesse per il Giubileo – e sconfessate dall’ex assessore alla Mobilità Stefano Esposito – così come di infrastrutture per chi pedala intorno alla stazione Termini, dove i lavori sono ancora in corso.

SANTA_BIBIANA_III_7

Santa Bibiana, adottata dai ciclisti urbani romani come “Protettrice delle Ciclabili Popolari”, dimostra che piccoli gruppi ben organizzati di cittadini possono riuscire a fare ciò che un’amministrazione elefantiaca e – troppo spesso – indolente procrastina da una settimana all’altra rimpallando le responsabilità e trincerandosi dietro la burocrazia.

SANTA_BIBIANA_III_6

Al momento Roma è commissariata, il sindaco-ciclista Ignazio Marino è stato fatto cadere dalla maggioranza che lo appoggiava e le ricette per incrementare la ciclabilità nell’arco della consiliatura 2013-2018 sono rimaste per la maggior parte inespresse. I nuovi fondi stanziati per l’imminente Giubileo potrebbero dare nuova linfa anche alla mobilità nuova: ma non è una mera questione di soldi, per favorire gli spostamenti a piedi e in bicicletta in città dev’essere innanzitutto potenziato il trasporto pubblico e disincentivato l’utilizzo del mezzo privato motorizzato. E ricucire gli strappi tra un quartiere e l’altro con infrastrutture leggere per poter pedalare in sicurezza: l’hanno (ri)fatto sotto il tunnel di Santa Bibiana, dove la ciclabile popolare continua la sua opera di collegamento e testimonianza della mobilità nuova.

SANTA_BIBIANA_III_8

Fonte | Rotafixa.it

Commenti

Un commento a "Santa Bibiana, il ritorno della ciclabile popolare"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti