MENU

BAM! Torna il raduno dei cicloviaggiatori

News • di 5 Maggio 2016

BAM_2016_6
Tre giorni per raccontarsi storie di viaggio, pedalare insieme e condividere con vecchi e nuovi amici un pezzo di vita guardando il mondo dalla prospettiva unica del sellino: dal 6 all’8 maggio alla Rocca di Noale (Venezia) torna BAM! – European Bicycle Adventure Meeting, l’appuntamento europeo dei viaggiatori in bicicletta con arrivi da tutta Italia e non solo. In programma workshop, incontri, spettacoli e 3 pedalate – rispettivamente da 40, 100 e 150 km – alla scoperta delle strade bianche del Veneto.

Numerosi appuntamenti a misura delle due ruote: workshop dedicati alla meccanica, al bikepacking, all’autocostruzione, alla fotografia dalla sella, alle ricette da fare in viaggio. E poi presentazioni di libri, concerti e spettacoli. I viaggiatori sono in arrivo in gruppi da tutta Italia e oltre.

BAM_2016_3

Lo chef Cristiano Sabatini spiegherà come non rinunciare al piacere della buona tavola anche in viaggio. In programma anche attività come lo “yoga for bikers” ma anche uno speech contest – ossia un concorso di narrazione e racconti – per condividere le proprie storie di bici e aggiudicarsi un premio. Tra gli ospiti anche piccoli e grandi viaggiatori come Willy Mulonia, Fabio Consoli – che racconta i suoi viaggi tramite illustrazioni – Angelo Sentieri, Davide Stanic, Michela Ton, Loris Giuriatti e Mauro Bertolotto.

BAM_2016_4

Ospiti internazionali, un’area expo per presentare tutte le piccole e le grandi novità del mondo bici, e alla sera tutti a dormire nel camp all’interno del castello di Noale – che, si sa, ha il fascino ulteriore di essere un ex cimitero. Due pedalate alla scoperta delle strade bianche e degli angoli meno noti del Veneto, di 100 e 150 kilometri, e una più facile, di 40, con soste gourmet, per le famiglie e le persone meno allenate. Tutto senza mai occuparsi di tempi o di performance. Perché la bici, come sottolineano gli organizzatori: “Per noi è una passione, non uno strumento per mettere alla prova se stessi. Piuttosto, per conoscersi. E per conoscere gli altri”.






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *