La bici NON fa male all'apparato genitale maschile: uno studio lo conferma - Bikeitalia.it

La bici NON fa male all’apparato genitale maschile: uno studio lo conferma

24 Gennaio 2018

L’uso della bici non è correlato in alcun modo a maggiori problemi alle funzionalità riproduttive o urinarie degli uomini; la conferma di questo fatto – già noto in ambito medico – arriva da uno studio scientifico condotto negli USA.

bici e prostata

È solo un mito: la bici non crea alcun danno all’apparato genitale maschile. Lo si sapeva già, come avevamo scritto – citando seri studi scientifici – in due articoli: “Ciclismo e problemi alla prostata” e “Ciclismo e infertilità“.

Ma il mito è duro a morire, e allora è bene far conoscere anche l’ennesima conferma a queste conclusioni, con un nuovo studio scientifico pubblicato recentemente sul Journal of Urology. Per capire se l’uso della bici fosse correlato a problemi al soprasella, lo stato di salute di un gruppo di ciclisti è stato confrontato con lo stato di salute di altri due gruppi di sportivi: corridori e nuotatori.

Pubblicando su Facebook un annuncio mirante a reclutare volontari, i ricercatori del Department of Urology dell’Università di California – San Francisco hanno potuto sottoporre 2774 ciclisti, 539 nuotatori e 789 corridori a dei questionari standard volti a determinare le funzionalità urinarie e riproduttive di questi atleti.

Se la bici fosse deleteria per la salute dell’apparato genitale maschile, l’incidenza di problemi alla prostata o di disfunzioni erettili sarebbe dovuta essere maggiore nel gruppo di ciclisti. Al contrario, fra i tre gruppi non si è evidenziata alcuna differenza significativa dal punto di vista statistico per due dei tre questionari sottoposti; il questionario Sexual Health Inventory for Men ha dato risultati solo leggermente più negativi.

Il gruppo di ciclisti è stato ulteriormente suddiviso in due parti: chi pedala spesso e per molte ore a settimana, e chi pedala solo saltuariamente. Anche in questo caso non è stato possibile rilevare alcuna differenza fra i due gruppi, dal punto di vista considerato in questo articolo.

Gli unici problemi effettivamente riscontrati sui ciclisti sono stati episodi più frequenti di temporaneo addormentamento perineale, ma questo non è un fattore che predice un’eventuale futura insorgenza di malattie.

Niente paura quindi, e continuiamo a pedalare.

Le informazioni qui riportate non sostituiscono in alcun modo il parere del vostro medico, che vi invitiamo a consultare in caso di problemi.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti