Race across Italy: lo spettacolo dell’Ultracycling

3 Maggio 2018

Questo weekend è andata in scena la Race Across Italy, una gara di Ultracycling di 700km e 10.000mt di dislivello positivo, di cui Bikeitalia è stata official media partner.

La gara ha visto ai blocchi di partenza ben 100 partenti da 16 nazioni diverse, per un totale di 500 persone coinvolte, considerando anche le crew che assistevano gli atleti.

La competizione, giunta alla 6° edizione, parte da Silvi Marina (TE), attraversa tutti i parchi nazionali abruzzesi per poi toccare il Tirreno a Gaeta e rientrare a Silvi dopo aver passato altre località stupende del nostro territorio.

Per gli uomini si è assistito al trionfo di Ralph Diseviscourt, lussemburghese, che ha completato il percorso in 25h;30m.

Nella categoria femminile la migliore è stata la brasiliana Daniela Genovesi già vittoriosa nell’edizione 2016.

Infine, per nella categoria senza supporto (quindi senza assistenza del proprio team), la vittoria va allo Svizzero  Patrick Leuenberger fra gli uomini ed all’inglese Tabitha Rendall fra le donne.

Intervistato, l’organizzatore Paolo Laureti ha detto: “Da sempre abbiamo messo al primo posto l’esperienza ed al centro di tutto ogni partecipante; sono un perfezionista e nel tempo la mia visione era di  rendere questa sfida, viaggio e competizione indimenticabile per ognuno. Qual è il segreto di questo successo?  Tanta esperienza, professionalità ed una smisurata passione per la promozione di questo sport in cui credo”.

Gli fa da sponda Roberto Picco, coordinatore e creatore della gara Ultracycling Dolomitica: “siamo orgogliosi del successo di questo evento, merito della passione e dell’ impegno di Paolo Laureti, oltre ad uno staff straordinario, e per la prima volta giudici ultrcycling Italia sul percorso, a garanzia di serieta’ già comunque apprezzata nelle precedenti edizioni.   Un movimento che anche grazie alla partnership tra Ultracycling Italia e Bike Italia trova un crescente entusiasmo da parte dei protagonisti,  e una importante vetrina per il nostro ambiente, che ringraziamo calorosamente gli atleti per la fiducia concessa. Infine un grazie a tutto il nostro staff Ultracycling Italia, che allo stato attuale e’ il comitato di riferimento per gli eventi di Ultracycling del nostro paese.”

La Race Across Italy conferma il sempre più grande interesse che i ciclisti hanno verso questo tipo di competizioni ed esperienze, sintomo di una voglia di sfida con sé stessi e con i propri limiti. La bici diventa quindi un mezzo di superamento delle difficoltà e non solo di rivalsa con gli avversari, diventando anche simbolo di libertà, perché battere è sé stessi è molto più difficile ma soddisfacente del battere gli altri.

Rimane comunque molta strada da fare, poiché attualmente l’ultracycling non ha una federazione che diriga e definisca regole precise. Dovrà essere un passo obbligato, se si vuole avvicinare sempre più gente a questo sport entusiasmante. Alcuni rumors, provienienti dall’ambiente, indicano che la cosa sia molto vicina dal concretizzarsi.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.799
Acquista
Meccanica Base 1
199
Acquista
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti