Davide, non vedente, in tandem da Roma a Pechino: I to Eye cerca sponsor - Bikeitalia.it

Davide, non vedente, in tandem da Roma a Pechino: I to Eye cerca sponsor

28 Giugno 2018

Davide ha ventisette anni, ed è non vedente dall’età di quattordici. Il tandem per le persone non vedenti è uno strumento di libertà ed esplorazione: permette infatti di godere di gran parte dell’esperienza dell’andare in bici: il vento sulla faccia, la sensazione di volare, gli odori e i rumori delle campagne e delle città. Per sua natura poi il tandem è uno strumento di integrazione, in quanto richiede un’altra persona alla guida.

Proprio per promuovere il tandem come mezzo di integrazione per i disabili visivi, Davide ha deciso di partire per un lungo viaggio: andrà da Roma a Pechino. 15mila chilometri attraversando tredici paesi, nei quali incontrerà persone non vedenti facendo loro conoscere il tandem e facilitando il dialogo fra associazioni di persone non vedenti nei vari paesi.
Il nome del progetto è I to Eye.

Ad accompagnarlo in questa avventura saranno Michele e Samuele, che si alterneranno alla guida del tandem nelle tratte Roma – Teheran e Teheran – Pechino.
La partenza è prevista per marzo 2019. Per ora fervono i preparativi: allenamento in bici, ma soprattutto costruzione di un progetto di comunicazione appetibile per aziende e enti che vogliano sponsorizzare questa iniziativa.

Alla ricerca di sponsor

Davide ha preparato infatti un preciso documento informativo, con l’indicazione della cifra che è possibile donare e – di conseguenza – della visibilità che lo sponsor avrà in cambio, sui canali social, nei comunicati, e nei contenuti video che verranno creati durante il viaggio. I soldi serviranno a coprire le spese di viaggio, l’organizzazione e la comunicazione del progetto, e ad acquistare materiale tecnico.
È anche possibile fare una donazione libera, per cui tutti possono contribuire. I soldi vengono gestiti dalla Associazione di Promozione Sociale “Nuova Luce” fondata da Davide.
Per maggiori informazioni potete consultare questo documento PDF.
Nei prossimi mesi continueremo a seguire il progetto I to Eye e a darvi notizia della partenza.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti