MENU
viaggi girolibero

Olanda: multe salatissime per chi usa lo smartphone in bici

News • di 28 Settembre 2018

I Paesi Bassi si preparano a vietare l’uso dei telefoni cellulari in bicicletta. Il ministro dei trasporti Cora van Nieuwenhuizen ha pubblicato una bozza di legge che se dovesse essere approvata renderà reato l’utilizzo di un dispositivo elettronico di tipo mobile (smartphone e tablet) mentre si è alla guida di qualsiasi veicolo, includendo quindi anche le biciclette.
L’obiettivo è quello di introdurre la nuova norma a partire dal 1 ° luglio 2019.

Ai cittadini olandesi conducenti di auto e camion era già stato vietato l’uso dei telefoni cellulari senza una connessione che garantisse al guidatore di avere le mani libere, con una multa massima prevista di 230 euro.

Il ministro afferma: “Questa decisione stabilisce uno standard chiaro e coerente. Se sei responsabile della guida di un veicolo nel traffico non importa quale tipo di mezzo di trasporto tu abbia scelto, non dovresti essere in possesso di apparecchiature elettroniche mobili in grado di distrarti dalla guida“.

La nuova normativa è stata ideata dopo che le statistiche hanno dimostrato la forte incidenza del dispositivo elettronico nei casi di incidente.
Secondo i dati del ministero i telefoni sono stati la causa del 20% degli incidenti in bicicletta che hanno coinvolto i minori di 25 anni.
Sembra infatti che un ragazzo su tre, di età compresa tra 12 e 25 anni, usi il proprio smartphone mentre è in sella a una bici.

Inoltre, secondo un sondaggio realizzato dal ministero dei trasporti e dell’ambiente olandese, più dei ¾ della popolazione dei Paesi Bassi si è detta favorevole all’iniziativa di legge.







Una risposta a Olanda: multe salatissime per chi usa lo smartphone in bici

  1. Ciclista Sdraiato ha detto:

    “Se sei responsabile della guida di un veicolo nel traffico non importa quale tipo di mezzo di trasporto tu abbia scelto, non dovresti essere in possesso di apparecchiature elettroniche mobili in grado di distrarti dalla guida.”

    Da scolpire nel marmo. Qualcuno sa cosa dice la legge italiana a riguardo? Sono stufo di vedere miei “colleghi di pedalata” zigzagare per strada mentre consultano chissà cosa sullo smartphone o si assordano con cuffie e cuffiette, incuranti di ciò che gli accade intorno…
    Settimana scorsa stavo per fare un frontale causa “distrazione telematica” e ho evitato l’impatto all’ultimo: ne avrei fatto volentieri a meno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *