Milano: premi per chi inquina un po’ meno

10 Ottobre 2018

“Adesso, perché il cambiamento climatico è già reale. Con queste parole l’assessore alla mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli, ha salutato il lancio degli incentivi all’acquisto di veicoli meno inquinanti per le aziende che ne rottamano uno più inquinante.

Trovo molto magnanimo da parte del mio comune questo gesto per tutti quegli imprenditori che abitano la nostra città.
Ma mi dispiace notare che per me, piccolo imprenditore di un’azienda con sede a Milano, invece, non c’è nulla.
Per me non c’è nulla perché la mia azienda ha sempre deciso di fare a meno delle automobili perché vogliamo che la nostra attività imprenditoriale abbia il minore impatto possibile sul pianeta, perché non vogliamo occupare lo spazio di tutti con un oggetto che sta fermo per il 95% del proprio tempo.

L?assessore alla mobilità di Milano, Marco Granelli

Per questa scelta di rispetto e di amore nei confronti della mia città e di tutti i miei concittadini, il comune mi ha negato la possibilità dei 12 mq di suolo pubblico gratuito che, invece, offre a tutti i proprietari di automobili che vivono in città.
Ci avrei messo una fioriera che avrei innaffiato tutti i giorni e una seduta per permettere agli anziani del quartiere di sedersi a bordo strada, come si è sempre fatto.

Ma per me che ho deciso di essere il primo a impegnarmi per “una Milano più salubre e un cielo blu. Adesso, perché il cambiamento climatico è già reale”, per me il comune non ha niente. Non c’è spazio per me, perché non possiedo un’automobile.

Non ci sono premi a disposizione per me, né per quelle aziende che decidono di mollare la macchina o il camioncino definitivamente, magari per passare a una cargo bike per le proprie consegne. Non ci sono premi per le aziende che invece che le automobili offrono ai propri dipendenti biciclette o abbonamenti al trasporto pubblico. Non ci sono premi per le aziende che decidono di installare docce o spogliatoi per chi viene al lavoro con mezzi di mobilità attiva. Non ci sono premi per le aziende che installano delle rastrelliere in strada (non ci sono perché quelle, se le vuoi, le devi pagare di tasca tua).

Leggi anche: Problemi di traffico, il sindaco di Londra crede nelle cargo bike

No, nella nostra Milano i premi e i soldi sono solo per coloro che decidono di avere comportamenti un po’ meno scorretti.

E il limite è il cielo: magari un giorno si inizierà a dare premi a chi parcheggia meno spesso sui posti riservati ai disabili, ai writer che imbrattano un po’ meno i vagoni della metropolitana, a quelli che buttano poche carte per terra.

E così il Comune potrà dire di aver fatto qualcosina contro i cambiamenti climatici per una Milano un pochino più pulita e un pochino più ordinata lasciando ai cittadini il messaggio che solo i fessi si impegnano per il bene comune in modo disinteressato.

Ed è per questo, assessore, che ci tengo a ringraziarla per il suo costante e indefesso impegno per la qualità dell’aria e per la strenua lotta ai cambiamenti climatici che con strenua moderazione e caparbia mollezza porta avanti dal primo giorno del suo mandato.

Grazie di cuore.

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.899
Acquista
Meccanica per bici da corsa e gravel
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti