MENU
viaggi girolibero

Il Sud America in bici: il progetto di Simone per il 2019

News • di 22 Novembre 2018

Riceviamo e volentieri pubblichiamo dal nostro lettore Simone Arianna.

Trattenere i propri sogni in un cassetto,li ,fermi a prender polvere. Non avere il coraggio di tirarli fuori. Sogni che con il passare del tempo rischiano di perdere interesse,attrattiva,attenzione e in conclusione, rimanere incompiuti. Il mio più grande, l’America Latina, aveva soltato bisogno di tempo, concetrazione e conoscenza, il tutto tradotto in un unico termine, Esperienza, nel mio caso, di viaggio.

Mi sento infatti, dopo aver portato a termine il mio viaggio in bici a Caponord, finalmente pronto, mentalmente, per metter piedi, o meglio pedale, sulla panamericana del Sud e attraversare, in sella alla mia più che riconfermata due ruote a pedali, Colombia, Ecuador, Perù, Bolivia e Cile. Un viaggio lungo, calcoli alla mano, più di 9000 chilometri, che mi porterà da Cartagena, in Colombia, a raggiungere Santiago del Cile. (vedi mappa)

Già bello che programmato da tempo, il generale percorso, è stato delineato poi con certosina dedizione, grazie all’aiuto di veterani ciclisti che, quelle zone del sud, le hanno battute ormai da tanto. Molteplici i punti di interesse che cercherò di raggiungere in sella al mio mezzo,primo su tutti, il Salar de Uyuni in Bolivia.

Come già detto in precedenza ,più che riconfermata, è la mia Ortler Saragossa Black Edition che mi ha con successo accompagnato nella mia precedente spedizione a Caponord. Necessaria però, qualche sostituzione e modifica che ho dovuto inevitabilmente apportare dopo i quasi 5000 chilometri raggiunti in Scandinavia. Cambio catena,movimento centrale,pasticche ,freni ma soprattutto, cambio pneomatici e sostitituzione manubrio.Oltre ad uno pneumatico più robusto, un Marathon Schwalbe Plus,ho scelto un “volante” butterfly per un confort maggiore per quando sarò in sella. Riconfermate inoltre anche le quattro borse Vaude whoter resisten,due all’anteriore e due al posteriore, accompagnate da una confortevole tenda 2 posti della Quechua,marchio a mio avvisto molto sottovalutato, ma che ha retto con grande capacità a venti e piogge di notevole intensità. Senza dubbio però anche per questo viaggio, ove sarà possibile, cercherò di fare affidamento all’ospitalità della gente del posto per accedere ad una doccia calda e a un posto letto più confortevole del mio solito materassino di viaggio. A tale appunto continuerò ad utilizzare la più che funzionante applicazione WARM SHOWER che più di una volta mi ha salvato in Norvegia.

Lofoten Island – NORWAY

La partenza avverrà l’11 Gennaio 2019 dall’aeroporto di Roma Fiumicino. Farò scalo a Madrid per poi raggiungere Bogotà, quindi recarmi con un Autobus al mio punto di partenza. Anche per questo viaggio sono alla ricerca costante di aziende e privati che vogliono darmi un qualunque aiuto consono al raggiungimento finale di un altro incredibile viaggio.

Qualunque lettore interessato può contattarmi in privato per mezzo email a [email protected] o contattarmi direttamente sul mio numero di cellulare,+39 3409267067.

Grazie mille, mi auguro buon viaggio e seguitemi nei miei costanti aggiornamenti di bordo sulla mia pagina Facebook, Simone Arianna-Trip Diary, oppure sul mio canale Instagram, simone.arianna.
Con il vento sempre in poppa. A presto,Simone.

Instagram: https://www.instagram.com/simone.arianna/
Facebook: https://www.facebook.com/simone.arianna1
YouTube: https://www.youtube.com/watch?v=-WuNwT1Z5gc&ab_channel=SimoneArianna






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *