Se la polizia carica la Critical Mass

22 Marzo 2019

Ieri sera a Torino si è verificato un fatto particolarmente increscioso: la polizia in tenuta antisommossa ha caricato un corteo di ciclisti mentre rivendicavano il proprio diritto a essere parte della strada, la critical mass.

Un flusso di ciclisti che sono diventati traffico è valso il ricorso all’uso della forza.

Ci sono stati dei tafferugli, niente feriti, ma due cittadini in bicicletta sono stati immobilizzati a terra e hanno vissuto un’esperienza poco piacevole, 15 persone sono stati portati in questura. Ironia della sorte, l’incidente con la polizia ha finito per bloccare completamente il traffico per un’ora.

Tecnicamente, la polizia non ha fatto altro che perseguire il reato di blocco stradale introdotto dal decreto Salvini (113/2018) che prevede il carcere da 2 a 12 anni per chi lo commette.

In maniera analoga, a Roma ieri sera la polizia ha interrotto la Pedalata di Luna Piena per motivi di ordine pubblico (la visita in Italia del presidente cinese).

La combinazione di questi episodi porta a chiedersi, tra le altre cose, se andare in bici nel nostro paese non sia considerato un atto eversivo e meritevole di repressione perché dobbiamo starcene buoni nelle nostre scatole con le ruote a sentirci dire alla radio quanto è brutto il mondo là fuori che, invece, non lo è.

Ma forse la questione è molto più semplice: i ciclisti stanno un po’ sui coglioni a tutti e far sentire loro un po’ di virilità è roba che paga in termini elettorali e porta consenso.

Qualcuno magari adesso si farà prendere la mano e dirà che è finita la pacchia per quelli che arrivano sulle nostre strade e pensano di fare come gli pare, che svoltano a destra anche se il semaforo è rosso, per quelli che cercano spazio sui marciapiedi perché la strada è invivibile, per quelli che sbandano all’improvviso perché devono evitare la buca a bordo strada, per quelli che stanno in mezzo alla strada perché è troppo stretta per superare!

Perché è così che si fa oggi per ottenere il consenso, no? Prendi una categoria che sta sui coglioni a tutti e la bullizzi  sotto gli applausi scroscianti del popolino che esulta: la kasta, i gay, gli immigrati, le zecche rosse, i professoroni, i giornaloni e adesso i ciclisti.

Ma se il nemico di oggi sono i ciclisti perché così dicono gli ultimi sondaggi, allora fate ciò che dovete, sapete dove andarci a prendere, no?

I raduni delle Critical Mass sono:

A Milano tutti i giovedì alle 22.00 in Piazza Mercanti

A Parma l’ultimo venerdì del mese, ore 19 piazza Garibaldi.
A Reggio Emilia il primo venerdì del mese, ore 19 piazza Prampolini
A Bologna l’ultimo venerdì del mese piazza Galvani ore 18:30

A Firenze l’ultimo giovedì del mese alle 19.00 in Piazza Santissima Annunziata

A Prato l’ultimo martedì del mese, ore 19 Piazza delle Carceri

A Roma  l’ultimo venerdì del mese dalle 19 in Piazza Vittorio

A Bari , l’ultimo venerdì del mese  alle 20:30 dal Parco 2 giugno

E il colpaccio potrete farlo a Roma che ospiterà la Ciemmona, Critical Mass Interplanetaria, dal 31 maggio al 2 giugno. Un momento irrinunciabile per decapitare qualche testa dell’idra e mandare in galera qualche bloccatore stradale!

ciemmona

La domanda seria è però se davvero questa è l’idea di sicurezza che hanno in mente i nostri governanti o se siamo già degenerati in uno stato di polizia.

Ma sapete cosa c’è? C’è che con noi la violenza non funziona perché noi la violenza la viviamo ogni giorno per strada quando ci dicono “scusa, non ti ho visto” e abbiamo sviluppato una certa forma di immunità alla paura perché, violenza subita in più, violenza subita in meno, che differenza fa?

Ed è per questo che non ci fermeremo. La resistenza nel nostro paese è già stata fatta in bicicletta. E non è un caso.

P.S.
Non sarà il caso di mettere dei numeri identificativi sulle divise?

Commenti

36 Commenti su "Se la polizia carica la Critical Mass"

  1. dfabgtsgdf ha detto:

    Comma 2 del art. 143 del C.d.S. “I veicoli sprovvisti di motore e gli animali devono essere tenuti il più vicino possibile al margine destro della carreggiata”

    I ciclisti, prima di chiedere, dovrebbero imparare a comportarsi civilmente, rispettando le regole; alla loro prepotenza (bloccano il traffico occupando tutta la carreggiata, in violazione all’articolo del CdS sopra riportato) è giusto che la polizia risponda; siamo in uno stato di diritto non in una dittatura delle minoranze.

  2. lalla ha detto:

    caro Diego, ti inviterei molto volentieri a venire in macchina con me sul tragitto che faccio ogni giorno casa-lavoro-casa. ogni santo giorno rimango intrappolata sul Grande paRcheggio Anulare di Roma. ogni giorno subisco passivamente le violenze che mi vengono fatte direttamente (quando mi lampeggiano perchè a loro avviso vado troppo piano ma il realtà rispetto i limiti) e indirettamente (quando per esempio siamo incolonnati e i furbi corrono sulla corsia di emergenza). per non parlare poi di quando rientrano dai sorpassi ignorando completamente di guardare se rispettano o meno la distanza di sicurezza. mi domando spesso se prima o poi su tale tragitto verrò accusata di blocco stradale ad esempio.
    perdonami quindi se a mio avviso preferirei mille volte stare incolonnata guardando sfilare biciclette che allegramente e lentamente passano suonando campenelli e fischietti.
    un bacione grande e spero che tu voglia accettare il mio invito. (tranquillo, quando vado in ufficio ho sempre il thermos del tè che potremmo quindi gustare).

  3. Andrea ha detto:

    Ho sempre difeso i ciclisti… quando si comportano correttamente e i ciclisti corretti sono il 99% di quelli che si vedono in giro. Purtroppo in Italia mancano le strutture per chi vuole usare la bicicletta, c’è scarso rispetto per i ciclisti e se nascono questi movimenti di protesta (che non condivido) e grazie a questo

  4. Max ha detto:

    Siete in mezzo alla strada e non lasciate passare le auto con violenza. Giusto che vi sgomberino.

  5. Lorenzo ha detto:

    Diego, volevo semplicemente farti notare che gli ingorghi di traffico di auto non sono eventi accidentali, come hai scritto, ma il risultato del comportamento socialmente ed ecologicamente insostenibile della maggioranza. E’ considerato la normalità perchè ci siamo abituati ed il semplice fatto che la maggioranza delle persone trovi intollerabile stare in fila dietro ad un gruppo di biciclette per 10 minuti, ma consideri del tutto normale farsi le mezzore/ore di traffico è sintomo di quanto la mentalità sia ancora auto-centrica.

  6. pedalino ha detto:

    i ciclisti devono rispettare il codice della strada, come tutti gli altri mezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti