MilanoBike: la bici antifurto è anche elettrica

15 Giugno 2020

I vantaggi di pedalare in città sono sotto gli occhi di tutti: la bicicletta è il mezzo perfetto per districarsi nel traffico e muoversi senza inquinare, senza perdere tempo per cercare parcheggio e mantenendosi in forma. In sella si può coprire il tragitto casa-lavoro, si può fare shopping, si possono incontrare gli amici e svolgere tante altre attività.

Il boom della domanda di bici, specie in questo periodo, dimostra che gli italiani stanno riscoprendo questo mezzo come strumento polivalente da utilizzare in diverse occasioni, ma psicologicamente devono fare i conti con due grandi deterrenti all’acquisto: la paura dei furti e la fatica della pedalata.

Le aziende di bici investono ogni anno in Ricerca & Sviluppo per migliorare i loro prodotti e proporre soluzioni per differenziarsi dalla concorrenza, rendersi riconoscibili e offrire un catalogo variegato per incontrare il favore di varie fasce di pubblico.

Nel panorama ciclistico italiano c’è una realtà giovane come MilanoBike, che ha fatto della riconoscibilità il suo marchio di fabbrica: il telaio in stile “cruiser” con lucchetto integrato “FrameLock” è come una firma e comunica sicurezza. A listino propone bici a pedalata assistita che danno la possibilità di diminuire la fatica e moltiplicare gli itinerari da percorrere: per smussare le salite, mantenere un’andatura costante in pianura (senza sudare) e contare su uno spunto nelle ripartenze.

La soluzione scelta da Milano Bike per le sue e-bike è il motore Zehus: si tratta di un motore elettrico da 250 W – limitato a 25 km/h – che è stato progettato dal Politecnico di Milano e che si presenta come un all-in-one compatto che in soli 3,2 chili, posizionato nel mozzo posteriore, racchiude tutto il sistema completo di batteria agli ioni di litio da 160 Wh garantita per 1.000 cicli di ricarica. Inoltre l’attivazione e la gestione del motore avviene tramite l’apposita App Bitride collegata via Bluetooth, quindi non ci sono cavi a vista.

Sembrano in tutto e per tutto bici muscolari ma sono e-bike che mantengono comunque un peso intorno ai 15 chili che le rende facilmente trasportabili anche in spalla per salire sulle scale, ad esempio.

Inoltre c’è anche la possibilità di utilizzare le e-bike di MilanoBike in modalità muscolare – azzerando l’assistenza del motore – magari quando si vuole allenare un po’ la gamba. Altro plus è la funzione Kers (Kinetic Energy Recovery System), il sistema di recupero dell’energia cinetica che quando si girano i pedali all’indietro autoricarica il motore: la batteria integrata nel blocco motore può essere anche collegata a una normale presa di corrente.

L’autonomia della batteria va dai 30 ai 60 chilometri (a seconda del livello di assistenza, del peso di chi pedala e delle condizioni della strada). In ogni caso bastano solo tre pedalate all’indietro e la bicicletta è pronta a partire in modalità assistita.

Il costo delle e-bike di MilanoBike varia tra i 1.990 ai 2.290 euro a seconda del modello e dell’allestimento e c’è la possibilità di effettuare l’acquisto e pagarlo in 20 rate senza interessi con Agos.

Su tutte le bici c’è la possibilità – per gli aventi diritto – di beneficiare del “bonus mobilità” di 500 euro approvato dal governo nel Decreto Rilancio: in particolare MilanoBike sul modello di e-bike “Ferrara” nella versione nera farà immediatamente un ulteriore sconto di 500 euro dal listino, raddoppiando di fatto il bonus bici per chi acquisterà questo prodotto specifico.

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito www.milanobike.it

[Contenuto sponsorizzato]

Corso correlato

Masterclass in Meccanica Ciclistica
1.899
Acquista
Meccanica per bici da corsa e gravel
Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti