Canyon Roadlite ON: ebike con grinta

25 Giugno 2020

Non è una bici da corsa, non è una mtb, non è una bici da città e neppure una gravel, ma tutte queste cose assieme: la categoria si chiama fitness bike, denominazione con cui in Germania da oltre 20 anni chiamano le biciclette pensate per fare un po’ di tutto.

E la Roadlite ON di Canyon è esattamente questo: una bicicletta ibrida per divertirsi in sella senza farsi condizionare troppo dalle condizioni del terreno.

L’abbiamo avuta in prova per un mesetto durante il quale l’abbiamo testata in diverse condizioni per capirne il carattere.

canyon roadlite on ebike

TELAIO

Il telaio è in alluminio idroformato conferisce ulteriore rigidezza a una geometria già estremamente scattante. Se il manubrio flat è sufficientemente generoso da ricordare quelli usati nell’all-mountain, la posizione in sella è molto aggressiva, con un notevole dislivello sella/manubrio, compensata da generosi angoli di sterzo e del tubo piantone. La forcella è in carbonio a steli dritti e ne sottolinea la reattività.

fitness bike canyon roadlite

COMPONENTISTICA

Il top di gamma della Roadlite ON è equipaggiata con il meglio del meglio, roba più unica che rara: su tutti svetta la triade deragliatore posteriore – cassetta – comando Shimano XTR. Le versioni di fascia un po’ più bassa montano dei pur sempre ottimi Shimano XT e Deore.

Canyon roadlite ebike

La trasmissione è un monocorona con 12 velocità di derivazione MTB con dentatura 10-51, una soluzione in grado di rispondere al 99% delle esigenze. Anche l’impianto frenante è a disco idraulico, Shimano RS600 flatmount con rotori da 160 mm.

Completano l’allestimento le ruote Alexrims a medio profilo con pneumatici da gravel, Schwalbe G-one Allround.

canyon roadlite

MOTORIZZAZIONE

Anche se non si nota, la Roadlite ON è un’ebike e monta un motore Fazua Evation 1.0 e batteria da 250 Wh. Motore e batteria sono perfettamente integrati nel tuo obliquo. Anche il display per il controllo dell’assistenza è integrato nel tubo obliquo. Qui il colore dei led indica il livello di assistenza (verde – basso, blu – medio, rosso – alto), mentre il numero dei led accesi indica il livello di carica della batteria.

Il FAZUA è un motore che abbiamo avuto modo di provare su altre biciclette e che, come tutto, ha dei punti di forza e dei punti di debolezza: dalla sua ha sicuramente l’efficacia nell’assistenza e il peso contenuto rispetto ad altri competitor; i punti di debolezza sono sicuramente la scarsa precisione dell’assistenza alla pedalata (ogni tanto si avvertono degli strappetti in fase di pedalata) e un’autonomia relativamente contenuta della batteria.

SENSAZIONE DI GUIDA

L’effetto complessivo è una bicicletta estremamente divertente da usare e precisa nei cambi di direzione, ivi inclusi quelli che si richiedono per fare lo slalom tra le automobili ferme al semaforo, ma anche per le brusche sterzate che ci impongono i nostri progettisti di ciclabili che, chissà com’è, amano piazzare angoli retti anche laddove non sono necessari.

Generalmente nel mondo delle biciclette la reattività è inversamente proporzionale al comfort. Nel caso della Roadlite ON, sembra si sia raggiunto un buon compromesso tra questi due aspetti: la Roadlite ON non è sicuramente una bicicletta per lunghi viaggi, ma permette di affrontare escursioni anche sopra i 60 km senza sentire particolari affaticamenti della schiena o del collo.

Una delle caratteristiche delle e-bike è molto spesso l’estrema dipendenza dal motore: quando questo è spento, la bici diventa un cancello pesantissimo e impedalabile. La Roadlite ON va invece in controtendenza: l’abbiamo testata per un percorso di oltre due ore a motore spento su terreno misto, tra sterrato e asfalto, e la mancanza dell’assistenza non si è fatta sentire particolarmente.

DETTAGLI

I dettagli sono poi il punto forte di questa e-bike firmata Canyon: i cavi nascosti nel telaio rendono la linea pulita ed esteticamente piacevole. E il design nel complesso è impreziosito anche dal manubrio integrato in carbonio che è davvero una chicca. L’effetto collaterale del manubrio integrato è la sua scarsa adattabilità in altezza o in lunghezza

canyon roadlite

Ma il vero aspetto vincente è la collaborazione messa in atto con la ABUS: per accendere la bici dopo qualche ora di inattività, bisogna smontare la batteria integrata nel tubo obliquo, ma per farlo, occorre utilizzare una chiave che può essere resa compatibile con quella di un lucchetto a U della ABUS, quindi praticamente impossibile da aprire. Il risultato è che la Roadlite ON è una bicicletta che non può essere rubata perché, senza l’apposita chiave, la batteria è inaccessibile e quindi non può essere attivata né ricaricata.

CONCLUDENDO

La Roadlite ON di Canyon è una bicicletta formidabile e divertente, di quelle che finiranno necessariamente per sotterrare il luogo comune dell’e-bike come bicicletta per gli anziani. Anzi, la sua reattività e posizione di guida aggressiva la rendono particolarmente indicata per tutti coloro che hanno voglia di velocità e, non proprio di passeggiare lentamente.

Mancando di luci, portapacchi e parafanghi, non è una bici pensata per il bike to work, ma piuttosto, per svolgere attività fisica senza curarsi troppo dei dislivelli o del fondo stradale e, soprattutto, per divertirsi.

La Roadlite ON è disponibile sul sito di Canyon a partire da 3.699 € dilazionabili anche in rate mensili da 616 €/mese.

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti