Treviglio-Bergamo: la proposta di una superciclabile al posto dell'autostrada - Bikeitalia.it

Treviglio-Bergamo: la proposta di una superciclabile al posto dell’autostrada

13 Ottobre 2020

Una superciclabile e un’autostrada, Davide contro Golia, due progetti così diversi tra loro ma entrambi con un unico fine: ridurre il traffico di pendolari tra Treviglio e Bergamo, la più importante città della Bergamasca. 

Autostrada Treviglio-Bergamo
Esempio di superciclabile lato ferrovia a cui sta lavorando la provincia di Amburgo

Due idee di futuro che si scontrano e che fanno venire al pettine tutti i nodi della mobilità su quattro ruote (traffico, inquinamento, consumo di suolo, cementificazione, perdita di biodiversità per citare i principali). Una mobilità immobile che crea danni e inefficienze che si scontra con l’idea di una superciclabile, sul modello olandese o belga (di quei progetti così ordinari nel resto d’Europa che periodicamente vi raccontiamo su Bikeitalia), con una visione di futuro più sostenibile, con un impatto ambientale leggero e assorbito in modo intelligente dal territorio. 

Superciclabile lato ferrovia in Danimarca

E mentre negli uffici di Regione e Provincia si lavora in gran segreto alla creazione di un tracciato di circa 18 km di asfalto, nel territorio si consuma inutilmente il dibattito su vantaggi e svantaggi della nuova autostrada: “Collegherà Treviglio a Bergamo in 10 minuti”, “Sarà un volano per l’economia della Bassa” oppure “Abbatterà l’inquinamento della zona grazie alla riduzione del traffico”, queste le motivazioni di chi è favore. 

Le ragioni del no sono ben immaginabili, anche perché un’autostrada che nasce dal nulla senza creare danni irreparabili all’ambiente e al territorio non s’è mai vista, ma ciò che sfugge è purtroppo una visione di mobilità a 360 gradi per la provincia e le città più importanti.  

Treviglio-Bergamo autostrada
Autostrada Treviglio-Bergamo, Tracciato della Bergamo-Treviglio, 2012 – Notare il parallelismo con la linea ferroviaria

Da cosa è causato il traffico da e per Bergamo? Dall’eccesso di auto. Da cosa è causata la perdita di tempo in coda al semaforo? Dall’eccesso di auto. Da cosa è causato l’inquinamento che genera migliaia di morti premature ogni anno? Dall’eccesso di auto

E quale soluzione può trovare la politica all’eccesso di auto? La costruzione di un’autostrada, la Treviglio-Bergamo per l’appunto. 

Manca una visione strategica e sostenibile dal punto di vista ambientale per una delle aree più produttive del paese, manca il coraggio di promuovere infrastrutture davvero efficienti e innovative, manca l’umiltà di ammettere che l’automobile non può essere la soluzione di trasporto per tutti. 

Ciò che serve, a mio modesto parere, è la volontà di rivoluzionare il trasporto pubblico locale, la volontà di creare infrastrutture di mobilità intelligenti, integrate tra loro. 

E allora, perché non potenziare il trasporto su ferro e creare una superciclabile a lato di quella che oggi è una delle linee ferroviarie peggiori della Lombardia? Perché non c’è il coraggio di estromettere Trenord dalla gestione della linea ferroviaria Treviglio-Bergamo? Perché non riqualificare il tracciato esistente realizzando una tranvia di superficie gestita da un consorzio di comuni come già fatto con la TEB di Bergamo? Perché non essere tra i primi in Italia a creare un sistema simbiotico tra mobilità su ferro e ciclabilità? 

Autostrada Treviglio-Bergamo
Perché non replicare il servizio offerto dalla TEB anche nel collegamento Treviglio-Bergamo?

Una linea su ferro moderna, ad alta frequenza, è una soluzione efficiente per chi ogni giorno si muove tra la provincia. La superciclabile è l’occasione per creare un asse di mobilità leggero che non solo colleghi le due città ma che metta in relazione anche i vari comuni attraversati dal tracciato. La superciclabile tra Treviglio e Bergamo e la linea ferroviaria possono essere due fili attrattori su cui si aggrappa lo sviluppo e la mobilità della provincia. Si chiama Transit Oriented Development e significa che le città crescono e si evolvono seguendo le linee del trasporto pubblico.

Treviglio-Bergamo autostrada
Bici + Treno = soluzione vincente

Intanto un primo no è arrivato oggi da Bergamo, dove il sindaco Giorgio Gori ha finalmente dichiarato che non accetterà un’ulteriore bretella a sud della città, tutelando alcune aree verdi che altrimenti andrebbero perse per sempre. Il tracciato si rivela così per quello che è, un collegamento tra Treviglio e Stezzano Nord, che non arriva in città, dal costo faraonico di 430 milioni di euro. Anche perché, parliamoci chiaro, Bergamo ha già i suoi problemi di viabilità e l’autostrada non farebbe altro che aggravarne il traffico.

Quante altre piccole realtà italiane si trovano in queste condizioni? A dover digerire infrastrutture pesanti che non fanno altro che creare ulteriore dipendenza dall’auto?

Mobilità ciclabile e trasporto su ferro rappresentano un futuro sostenibile, accessibile e di livello europeo. Cosa rappresenta un’autostrada?

Commenti

4 Commenti su "Treviglio-Bergamo: la proposta di una superciclabile al posto dell’autostrada"

  1. Seba ha detto:

    Complimenti, ottimo articolo con una idea finalmente innovativa.
    Al Sindaco Gori suggerisco di spostarsi qualche volta entrando da est o da ovest di Bergamo la mattina verso le 8 e poi capire cosa vuol dire traffico. E di spazi per le biciclette niente!

  2. Graziano ha detto:

    Ma voi pensate veramente che un pendolare si faccia 36 km al giorno in bici per andare a lavoro? È ovvio che per risolvere i problemi viabilistici una pista ciclabile del genere non serva a nulla.

    1. Manuel Massimo ha detto:

      Costruire una superciclabile a basso impatto ambientale, vicina alla linea ferroviaria con cui potrebbe agire in sinergia, rappresenta una modalità per decongestionare il traffico motorizzato: dare un’ulteriore possibilità di mobilità sostenibile a tutti non va interpretato come obbligo di imporre a ciascuno la bicicletta come unico mezzo di spostamento (come ben argomentato nell’articolo).

      Manuel Massimo
      Direttore responsabile di Bikeitalia.it

    2. Paolo Pinzuti ha detto:

      Caro Graziano,

      Non è che un’infrastruttura debba essere per forza utilizzata nella sua interezza.
      Non è che l’autostrada Torino Venezia costringa per forza a entrare a Torino e uscire a Venezia. Uno può usarne anche solo un pezzo. Quello che gli serve.
      Anche la ciclabile: uno può usarla anche solo per 5 km.
      Un po’ come molti fanno con il cervello: ne usano solo un po’ anche se ce l’hanno tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti