Dpcm e attività sportiva all'aperto: seguiamo le regole, usiamo buonsenso

Dpcm e attività sportiva all’aperto: seguiamo le regole e usiamo il buonsenso

9 Novembre 2020

[Articolo aggiornato il 28 Giugno 2021]

In base alle ultime disposizioni della Presidenza del Consiglio e all’ultimo DPCM è possibile continuare a praticare l’attività sportiva all’aperto, come la corsa e il ciclismo?

Venerdì 23 Aprile 2021 è entrato in vigore il nuovo Dpcm (valido fino al 31 Luglio 2021, ndr) con cui il governo, per contrastare la diffusione della pandemia da Covid-19, ha diviso l’Italia in quattro zone (bianca, gialla, arancione, rossa) a seconda della situazione epidemiologica e ciascuna ha un diverso grado di limitazione per tutte le attività sul territorio, compreso lo sport all’aria aperta.

Attività sportive all'aperto: che cosa si può fare e dove, in base al colore della zona della propria Regione

Posso andare in bici o fare jogging?

I colori vengono attribuiti ogni settimana dal Ministero della Salute alle Regioni: dal 23 Aprile 2021 le colorazioni delle Regioni vengono decise settimana per settimana.

Le ultime disposizioni per chi pratica attività fisica all’aperto, dunque, variano da una zona all’altra e possono essere così riassunte:

Attività Sportiva: cosa prevede il DPCM?

Zona bianca

In zona bianca non ci sono limitazioni di orario, rimane d’obbligo il distanziamento di un metro per svolgere attività motoria e due metri per l’attività sportiva.

Zona gialla

Non ci sono limitazioni territoriali, ci si può quindi spostare anche al di fuori del proprio Comune di residenza. Bisogna rispettare il coprifuoco dalle 24 alle 5: in questa fascia oraria dunque non è possibile svolgere alcuna attività sportiva all’aperto (e tutti gli altri spostamenti devono essere giustificati). Quali sono le regioni in area gialla?

Per quanto riguarda la bici il sito del governo precisa che, in zona gialla: “È possibile utilizzare la bicicletta per tutti gli spostamenti consentiti, mantenendo la distanza di almeno un metro dalle altre persone. È inoltre consentito utilizzarla dalle 5 alle 24 per svolgere attività motoria all’aperto, sempre nel rispetto del distanziamento di almeno un metro, e per svolgere attività sportiva, nel qual caso il distanziamento deve essere di 2 metri”.

Zona Arancione e Arancione Rinforzata

Attività sportive all’aperto come la bicicletta e la corsa sono consentite, come previsto per la zona gialla, e ci si può spostare dal territorio del proprio Comune di residenza (per maggiori informazioni si leggano le FAQ del Governo – nella sezione “Spostamenti” – alla voce “È possibile recarsi in un altro Comune al solo scopo di fare lì attività sportiva? In alternativa, è possibile varcare i confini comunali mentre si pratica l’attività sportiva per concluderla comunque all’interno del proprio Comune?”)

Per la bicicletta, intesa anche come mezzo di trasporto, valgono le stesse regole della zona gialla (con l’aggiunta di restare nel territorio comunale): “È possibile utilizzare la bicicletta per tutti gli spostamenti consentiti, mantenendo la distanza di almeno un metro dalle altre persone. È inoltre consentito utilizzarla dalle 5 alle 24 per svolgere attività motoria all’aperto, sempre nel rispetto del distanziamento di almeno un metro, e per svolgere attività sportiva, nel qual caso il distanziamento deve essere di 2 metri”.

Zona rossa

Il DPCM consente di praticare running o ciclismo anche al di fuori del proprio Comune di Residenza. La destinazione finale dell’attività dovrà comunque coincidere con il punto di partenza:

“Nell’area rossa è consentito svolgere l’attività sportiva esclusivamente nell’ambito del territorio del proprio Comune, dalle 5.00 alle 24.00, in forma individuale e all’aperto, mantenendo la distanza interpersonale di due metri.

È tuttavia possibile, nello svolgimento di un’attività sportiva che comporti uno spostamento (per esempio la corsa o la bicicletta), entrare in un altro Comune, purché tale spostamento resti funzionale unicamente all’attività sportiva stessa e la destinazione finale coincida con il Comune di partenza”.

Queste le regole da rispettare per l’attività fisica all’aria aperta, ma bisogna anche usare il buonsenso, come avevamo sottolineato su Bikeitalia in una diretta Facebook proprio il giorno in cui sono erano entrate in vigore le disposizioni del primo Dpcm durante il primo lockdown (2020):

Soprattutto chi risiede in una zona rossa, fermo restando che l’uso della bici per le normali attività quotidiane come mezzo di spostamento è consentito, a nostro avviso dovrebbe evitare di prendere ulteriori rischi: quindi – invece che fare un percorso accidentato in Mtb, una discesa di downhill o un lungo su strada “a tutta” – sarebbe il caso che almeno fino al 31 Luglio 2021 che le pedalate sportive e l’allenamento continuassero in altro modo, ad esempio in casa utilizzando i rulli e facendo anche esercizi a corpo libero per migliorare il core, la postura e la muscolatura.

Ciclismo biomeccanica rulli Bikeitalia allenamento indoor

Esattamente come abbiamo fatto nel corso del primo lockdown di marzo/aprile 2020, invitiamo tutti a fare una piccola rinuncia individuale per un bene collettivo.

Naturalmente è importante restare sani, dunque continuare a tenersi in forma con esercizi specifici da fare in casa o all’aria aperta con moderazione, rispettando le prescrizioni del Dpcm: è auspicabile per poi poter tornare a pedalare liberamente anche per allenarsi, quando si potrà fare serenamente.

Bikeitalia LAB: prenota la visita biomeccanica

BIKE FIT – Adatta la TUA bici al TUO corpo

Commenti

18 Commenti su "Dpcm e attività sportiva all’aperto: seguiamo le regole e usiamo il buonsenso"

  1. Ciclista Sdraiato ha detto:

    Ti ringrazio per la risposta. Trovate e lette ;-)

    Buona giornata e… buone pedalate!
    Luca

  2. Ciclista Sdraiato ha detto:

    Sono io che data l’ora tarda non sono in grado di consultare il sito del Governo, oppure non ci sono riferimenti all’uso della bicicletta per attività motoria/sportiva?
    L’unica cosa che ho trovato tramite la funzione di ricerca è un link con un’anteprima promettente -“che comporti uno spostamento (per esempio la corsa o la bicicletta) […]”- rimandante alla pagina delle domande frequenti, dove la bici non viene menzionata; ho scoperto che però posso svolgere attività venatoria all’interno del mio Comune. Uhm, forse potrei legare un fucile al tubo orizzontale e circolare senza problemi…

    1. Manuel Massimo ha detto:

      I riferimenti specifici sull’uso della bicicletta per le diverse aree, nelle faq sul sito del governo, sono presenti nella sezione “Spostamenti”.

      Manuel Massimo – Direttore responsabile di Bikeitalia.it

  3. Emilio ha detto:

    Salve qui si allunga la piva , siamo un anno in queste condizioni diversi errori sono stati fatti e ultimamente i vaccini che non arrivano o che arrivano a 20% di quelli pattuiti da incapaci o meno by europa .
    Io abito a cesena in zona arancione e in bdc dovrei uscire dal comune (che fortunatamente è piuttosto ampio 243kmquad.) E fare 35km+35 in vallonato però uscirei di 2 comuni domanda potrei farlo ? I vigili mi dicono di no perché se mi succede un incidente mi fanno la multa una interpretazione un po’ naif e un po’ lacunosa altri siti dicono anche asd dicono che si può fare senza eccedere chi avrà ragione??? Non sono un malato di bici pero’ con delle guornate cosi …..

  4. alessandra ha detto:

    Gent.mo, il Buon Senso è auspicabile anche per chi come lei divulga informazioni, sommessamente la informo che nelle zone gialle e arancioni non vige un regime di lockdown, ma di restrizioni ben più blande, lo sport in oltre è una pratica che fa benissimo, sia al fisico che (e soprattutto in questi momenti) alla mente, raccomandare (interpretando in modo arbitrario e discutibile il DPCM in atto) di chiudersi in casa per svolgere tale attività, usando l’alibi del pericolo a cui ci si espone uscendo per le strade è disonesto. Ci pensi. Cordialità.

    1. Manuel Massimo ha detto:

      Il nostro articolo invita ad attenersi alle regole e al buonsenso: esiste il libero arbitrio e ciascuno è responsabile delle proprie azioni; in questo particolare momento ognuno deve fare la propria parte evitando, per quanto possibile, di prendere rischi inutili (soprattutto se risiede in zona rossa). Non abbiamo mai scritto di non pedalare all’aperto, ci mancherebbe: ma va fatto con criterio. E buonsenso.

      Manuel Massimo
      Direttore responsabile di Bikeitalia.it

  5. Marco ha detto:

    Oggi dalle mie parti, hanno inaugurato un nuovo centro commerciale…. decine e decine di persone in fila per entrare…..ma trattandosi di negozi autorizzati dal dpcm tutto regolare. Io che in bici per tentare di mettere insieme un giro di 15/20km in mezzo a boschi e campi senza probabilmente incontrare nessuno, devo sentirmi come un criminale perché sconfino in territori comunali limitrofi, commettendo reato / attentato al bene comune….. Questa la sintesi del dpcm. E voi mi dite di stare in casa sui rulli……

    1. Manuel Massimo ha detto:

      Il nostro articolo invita ad attenersi alle regole e al buonsenso: esiste il libero arbitrio e ciascuno è responsabile delle proprie azioni; in questo particolare momento ognuno deve fare la propria parte evitando, per quanto possibile, di prendere rischi inutili (soprattutto se risiede in zona rossa). Non abbiamo mai scritto di non pedalare all’aperto, ci mancherebbe: ma va fatto con criterio. E buonsenso.

      Manuel Massimo
      Direttore responsabile di Bikeitalia.it

  6. Claudia ha detto:

    dal sito del governo-dipartimento per lo sport, in riferimento alla zona rossa: “L’attività sportiva è possibile solo all’aperto e in forma individuale e può essere svolta, con l’osservanza del distanziamento interpersonale di almeno due metri e del divieto di assembramento, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, non necessariamente ubicati in prossimità della propria abitazione. Non è più praticabile all’aperto presso centri o circoli sportivi, che vengono chiusi dall’art. 3, comma 4, lettera d) del DPCM del 3 novembre 2020.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti