Pedalare sui rulli è come pedalare su strada?

5 Gennaio 2021

Pedalare sui rulli è diventata un’attività molto comune. Un input importante è arrivato sicuramente dal lockdown della primavera del 2020 ma è certo che l’aver reso i rulli interattivi, con un’impronta sempre più rivolta alla gamification dell’allenamento, abbia prodotto un incremento degli utenti che pedalano sui rulli. Ma pedalare sui rulli è come pedalare su strada? Vediamolo insieme.

Pedalare sui rulli vs. pedalare su strada

Pedalare sui rulli

Partiamo dallo studio “Laboratory versus outdoor cycling conditions: differences in pedaling biomechanics” (Journal of Applied Biomechanics, 2007).

7 ciclisti professionisti sono stati valutati in un test massimale di 60 secondi su un cicloergometro statico e sulla propria bici in condizioni di pianura e di salita (9,25%).

I test effettuati sono stati:

  • Cicloergometro: 80-90-100 rpm
  • Pianura: 80 e 100 rpm
  • Salita: 60 e 80 rpm

I valori sono stati registrati da un misuratore di potenza SRM, rilevando cadenza, potenza massima, torque sulla pedivella, e velocità. La dinamica della pedalata su cicloergometro, soprattutto per quello che riguarda il torque era molto diversa da quella reale su strada. Infatti i ciclisti presentavano un maggiore sforzo percepito (scala di Borg) su cicloergometro che sulla propria bici.

In un altro studio, dal titolo “The Effect of Turbo Trainer Cycling on Pedalling Technique and Cycling Efficiency” (International Journal of Sport Medicine, 2014), 19 ciclisti professionisti sono stati fatti pedalare a 150w-200w-250w sia su un ciclomulino che su un tapis roulant per biciclette. L’attivazione dei muscoli delle gambe è stata valutata con un’elettromiografia. Inoltre è stata valutata l’efficienze meccanica della pedalata. È stato visto che, nonostante la tecnica di pedalata fosse la medesima (non si notavano differenze sostanziali), pedalare sul ciclomulino produceva un’alterazione del reclutamento dei muscoli e una riduzione dell’efficienza intorno ai punti morti della pedalata.

Monitorare l’allenamento con l’HRV

CORSO ONLINE – Come monitorare la variabilità della frequenza cardiaca

Come gestire la pedalata sui rulli

Gli studi scientifici mostrano che vi sia comunque una differenza tra la pedalata sui rulli e quella effettuata su strada. Oltre agli studi, posso apportare la mia esperienza. Mi occupo di visite biomeccaniche dal 2015 e più di 900 ciclisti sono passati dal nostro Bikeitalia LAB di Monza, dove li ho valutati dopo le regolazioni con un test incrementale su un rullo Drivo Elite. Ho notato che, nei ciclisti che non usano in modo costante i rulli, possono insorgere dei fastidi che poi invece su strada spariscono, semplicemente perché sul rullo si tende a pedalare con uno sforzo maggiore e a mantenere una posizione più fissa e meno dinamica rispetto alla strada.

Bikeitalia LAB: prenota la visita biomeccanica

BIKE FIT – Adatta la TUA bici al TUO corpo

Tenendo a mente questi concetti, è importante ricordare che una pedalata sui rulli, a livello di sforzo fisico e di sovraccarico articolare, è da considerarsi 1,5 volte più intensa rispetto alla medesima pedalata su strada. Questo significa che non bisogna esagerare con le pedalate sui rulli, anche se sono diventate super divertenti. A Giugno 2020, quando ho ripreso le visite biomeccaniche dopo il lockdown, mi sono capitati molti ciclisti con problemi alle ginocchia nati dopo aver passato tutta la quarantena sui rulli. Ho avuto clienti che hanno pedalato in casa per 3.500 km in due mesi quando erano abituati a coprire 5.000 km all’anno su strada e che per questo hanno sviluppato infortuni da sovraccarico.

Per cui è bene non effettuare sessioni da più di 60-90 minuti sui rulli, bere in modo adeguato, arieggiare la stanza e soprattutto non dimenticare di allenare la forza e la mobilità articolare. Potete approfondire il tema leggendo l’articolo dedicato a come usare in modo ottimale i rulli.

Biomeccanica Bikeitalia

I rulli sono un ottimo strumento per mantenere la forma fisica anche nei mesi invernali ma è importante usarli con cognizione di causa, perché il rischio di farsi prendere la mano dalle gare su Swift o Peloton è molto alta ma poi le conseguenze si pagano in termini di infortuni da sovraccarico.

Il corretto posizionamento in sella

CORSO ONLINE – Trova la posizione ideale in sella ed evita il mal di schiena. Il corso è in sconto del 50%

Commenti

Un commento a "Pedalare sui rulli è come pedalare su strada?"

  1. Nicola Gherardi ha detto:

    Grazie ottimo articolo. Da amatore molto basic ho semplicemente notato anche io uno sforzo del 1.5 in più sui rulli. Sarebbe interessante un suo punto di vista sulle varie app; esempio io su Swift mi trovo male perché mi gira la testa… non so perché mentre su Tacx la strada si inclina, sale scende e non ho sensazioni di vertigine. Grazie Nicola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti