La ricetta per riaprire le scuole

23 Aprile 2021

Siamo al 14° mese di pandemia e il grande nodo da sciogliere è ancora quello della riapertura delle scuole che rappresenta un danno gigantesco per il paese e per i milioni di individui coinvolti.

Si ripete che i problemi per la riapertura sono due: i trasporti e il distanziamento fisico nelle aule.

Trasporti

Il problema dei trasporti è che i ragazzi che vanno a scuola si muovono principalmente con i mezzi pubblici dove non si riesce a garantire il distanziamento opportuno, soprattutto durante le ore di punta. La soluzione che viene proposta è di acquistare più autobus, tram e metropolitane per aumentare le corse che, per quanto corretta, risolverebbe il problema tra 18 mesi quando i mezzi ordinati oggi saranno consegnati. Significa che saremo finalmente pronti nell’autunno del 2022. La questione è che non bisogna trovare il modo per mandare a scuola i ragazzi dall’autunno 2022, ma da domani.

Il problema sembra non avere soluzione, a meno che non si cambino i presupposti del ragionamento, ovvero: ma chi l’ha detto che se i ragazzi non vanno a scuola con l’autobus, con il tram o con la metropolitana non possano andare a scuola?

La maggior parte degli studenti vive a una distanza relativamente contenuta dalla scuola, tratti che possono essere percorsi a piedi, in bicicletta o con il monopattino. Se questi cambiassero abitudini di mobilità i mezzi pubblici si decongestionerebbe lasciando spazio a quelli che vengono da lontano e non hanno alternative al trasporto pubblico.

Bike to school (foto di Sandro Calmanti)

La soluzione è la creazione di una Rete di Mobilità di Emergenza per garantire la sicurezza di bambini e ragazzi: togliere spazio alle auto in strada per darne a chi deve andare a scuola a piedi e in bicicletta (se vi interessa sapere come si fa in termini tecnici, si veda il Piano Emergenziale per la Mobilità Urbana post-covid pubblicato nell’aprile 2020).Aggiungiamo una certa flessibilità di orario in ingresso e in uscita per gestire i flussi.

Esiste un solo motivo per cui questa cosa non possa funzionare?

Distanziamento fisico nelle aule

Qui il problema è che le aule sono spesso troppo piccole per alloggiare tutti. Bisogna cercare altri spazi, possibilmente ampi e ben ventilati. Il D.L. 16 luglio 2020 n. 76 ha introdotto la “Zona scolastica” che prevede che la strada antistante la scuola possa essere chiusa per funzioni scolastiche o esigenze di sicurezza.

Laddove l’edificio scolastico non dovesse essere sufficientemente ampio, gli spazi antistanti la scuola potrebbero essere convertiti in aule. Come?

Con delle tensostrutture, con le primule di Boeri o con qualunque altra soluzione rapida e che risponda ai requisiti minimi per ricominciare con la didattica in presenza: sedie, banchi (con o senza rotelle), cattedra, lavagna (altro?).

Finalmente le primule di Boeri potrebbero avere un senso compiuto

Purtroppo stiamo vivendo un periodo molto complesso in cui ci viene chiesto di adattarci a delle circostanze che non abbiamo potuto scegliere e il nostro dovere non è piagnucolare e borbottare contro il destino cinico e baro, ma trovare soluzioni per far funzionare quello che si è bloccato e che ha più valore di tutto: l’istruzione e la formazione delle nuove generazioni.

Lo abbiamo fatto per bar e ristoranti: nelle città sono saltati molti parcheggi per dare spazio ai tavolini. Perché non si può fare anche con le scuole?

Bambini e ragazzi hanno bisogno solo di una cosa per tornare a scuola: spazio.

Spazio per andare a scuola e spazio a scuola.

Lo spazio c’è. Bisogna riallocarlo.

E se non vogliamo farlo, teniamo chiuse le scuole e spieghiamolo chiaramente ai nostri ragazzi: non potete andare a scuola perché non c’è spazio per voi.

Corso di Meccanica per Mountain Bike

Corso Online

Lascia un commento

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti