Roma, via il traffico dall’Appia Antica, l’appello di Mario Tozzi

30 Luglio 2021

Mario Tozzi, geologo, divulgatore scientifico e conduttore televisivo, nonché presidente del Parco Appia Antica lancia un appello alla politica di Roma e ai candidati sindaco della città: togliere il traffico di attraversamento dall’Appia Antica.

L’Appia Antica è un monumento a cielo aperto dallo straordinario valore, da troppo tempo è utilizzata come una scorciatoia per raggiungere il centro di Roma in auto, generando traffico, inquinamento e insicurezza su una strada che dovrebbe essere pressoché pedonale.

Le titubanze della politica nel voler risolvere una volta per tutte la questione hanno portato Mario Tozzi a lanciare un appello pubblico affinché i vari candidati alla guida della città rendano noto le loro idee sull’Appia Antica.

La lettera di Tozzi ai candidati sindaco

Cari Candidati Sindaco,
ottobre è vicino i vostri programmi stanno sicuramente prendendo forma. Vi siete ricordati di inserire un capitolo dedicato alla soluzione del problema mobilità nel Parco dell’Appia Antica?
Sappiamo che si tratta di un problema molto delicato ma ci sembra anche un grande banco di prova su cui si sono cimentate tutte le amministrazioni da quella di Francesco Rutelli fino all’attuale guidata da Virginia Raggi.
Nel 1997 l’allora Sindaco Rutelli con un’Ordinanza chiuse al traffico l’Appia Antica la domenica e i giorni festivi creando varchi controllati dalla Polizia Municipali e indicando alcune aeree di parcheggio in prossimità degli stessi. Ad oggi quell’Ordinanza è ancora in vigore ma è completamente o quasi disattesa.

In oltre 20 anni non si è trovata, o non si è voluta trovare, una soluzione definitiva per restituire a questo luogo la dignità che gli spetta. Nessuno ha trovato una soluzione che possa mettere d’accordo residenti, attività economiche compatibili e fruizione turistica sostenibile.
Il risultato e che oggi come oggi regna il “far west”:
1) tra Piazza Numa Pompilio e l’incrocio con vicolo di San Sebastiano le macchine corrono ben oltre i 40 km di limiti previsti;
2) il parcheggio selvaggio domina incontrastato nonostante il divieto di sosta lungo entrambe le carreggiate impedendo la sicurezza di pedoni e ciclisti;
3) le fermate dei bus tra l’incrocio con via della Caffarella e via Appia Pignatelli sono in totale insicurezza e contro ogni norma del codice della strada;
4) i divieti di transito e sosta lungo il tratto monumentale dal Circo di Massenzio ad andare fuori Roma sono completamente ignorati;
5) lo stato di pulizia e decoro lungo i lati della strada che dovrebbero essere utilizzati dai pedoni sono infestati da vegetazione invasiva e rifiuti.

La posizione dell’Ente Parco è ben nota ed è stata portata su tutti i tavoli e conferenze di servizio che si sono susseguiti dal 2013 ad oggi.
1) eliminazione del traffico di attraversamento dell’Appia Antica attraverso varchi elettronici che possono, tra l’altro, permettere di sperimentare e gestire anche le fasce orarie più critiche o l’accesso alle Catacombe;
2) messa in sicurezza dei visitatori che percorrono la strada a piedi e in bicicletta con limitazione della velocità a 30 km anche nel tratto urbano;
3) creazione di una rete di parcheggi di scambio e di un sistema di navette interno che garantisca la più ampia accessibilità e la possibilità di raggiungere tutti i siti monumentali; La parola ora passa a voi.

Siete d’accordo con il rispetto di quella vecchia ordinanza e destinerete uomini e mezzi al fine di farla rispettare? Siete pronti a far cessare il traffico di attraversamento o vi assumerete la responsabilità di continuare a deturpare un monumento di 2.300 anni cosa che non sarebbe tollerata in nessuna altra parte del mondo?

Il Presidente del Parco Regionale dell’Appia Antica, Mario Tozzi

Nei giorni scorsi vi abbiamo raccontato come potrebbe cambiare l’Appia Antica grazie al GRAB, leggi l’articolo completo qui.

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti