La Zona 30 di Cuneo funziona nonostante le balle di Striscia la Notizia

28 Ottobre 2021

Il servizio di Striscia la Notizia sulla segnaletica sperimentale di Cuneo continua a far parlare di sé: il tg satirico di Antonio Ricci il 13 ottobre scorso aveva mandato in onda un servizio dal titolo “Cuneo, segnaletica da capogiro” in cui l’inviata Chiara Squaglia dileggiava (nello stile della trasmissione, ndr) gli interventi di urbanismo tattico e di moderazione del traffico messi in atto dall’Amministrazione in una Zona 30.

Striscia la Notizia Cuneo urbanismo tattico nel quartiere San Paolo

Durante il servizio, lo spazio concesso alla replica dell’assessore alla Mobilità Davide Dalmasso, in coda al servizio [visionabile a questo link], è stato un taglia-e-cuci di pochi secondi e non ha aiutato i telespettatori a comprendere le motivazioni che hanno portato a quelle realizzazioni stradali, ancora poco diffuse in Italia ma molto utilizzate in altri Paesi.

Per questo Bikeitalia ha raggiunto telefonicamente l’assessore Dalmasso, per dargli l’opportunità di articolare meglio la sua risposta (cosa che aveva fatto anche con Striscia la Notizia, peccato che dei circa 10 minuti di girato abbiano messo in onda soltanto 7 secondi, ndr) a partire dal contesto della realizzazione: quell’intervento è stato fatto in una Zona 30, in un quartiere residenziale dove la velocità massima consentita è di 30 km/h. Lo aveva detto qualche giorno fa in Consiglio Comunale e lo ha ribadito anche a noi.

Cuneo moderazione del traffico con l'urbanismo tattico

Al telefono la voce dell’assessore Dalmasso è ferma, il tono pacato: “Nell’intervista registrata dall’inviata di Striscia la Notizia mi erano state fatte più domande e avevo potuto argomentare evidenziando che quegli interventi di urbanistica tattica erano stati fatti in una Zona 30 seguendo le norme del Codice della Strada e con il parere favorevole anche dei vigili. Quello che mi è spiaciuto, vedendo il servizio andato in onda, è stata la volontà di Striscia la Notizia di decontestualizzare il tutto”.

In effetti quello che non è emerso nel servizio andato in onda da Striscia è proprio la ratio dell’intervento, come spiega a Bikeitalia Dalmasso: “Abbiamo voluto fare un intervento più leggero, in sola segnaletica, per testarne il funzionamento per poi farlo diventare permanente”. Come riporta il memorandum preparato dall’ufficio tecnico del Comune di Cuneo in risposta al servizio di Striscia la Notizia: “Abbiamo utilizzato metodologie innovative, con soluzioni a basso costo (i lavori sono costati 104.000 Euro dei quali circa 60.000 per normali manutenzioni stradali legate alla riasfaltatura di tutti gli incroci. I restanti 44.000 Euro sono stati utilizzati per ridefinire le carreggiati stradali su 18 incroci pari a un corso a incrocio di circa 2.700 Euro) e rapidamente realizzabili, che sono sperimentali per la nostra città, ma ormai note in Italia e all’estero. Pur coscienti che questo avrebbe attirato critiche o commenti divertiti, abbiamo ottenuto dei risultati”.

Cuneo urbanismo tattico all'incrocio

La domanda che abbiamo quindi fatto all’assessore è se la sicurezza stradale in quei tratti interessati dagli interventi sia aumentata o diminuita e la sua risposta è stata molto eloquente: “Da quando abbiamo istituito la Zona 30 non abbiamo rilevato incidentalità sull’area, l’unico incidente (che si è verificato lunedì 25 ottobre 2021, ndr) è avvenuto in una parte del quartiere in cui non è presente questo nuovo tipo di segnaletica. Abbiamo anche verificato che la velocità di punta dei veicoli è diminuita: perché quella segnaletica richiama l’attenzione e chi guida un’auto è indotto a rallentare”.

Su questo punto il documento redatto dai tecnici del Comune in risposta al servizio di Striscia la Notizia è molto dettagliato: “Dalle misurazioni effettuate a giugno con i radar, la velocità media delle auto si è attestata a 32 km/h, l’85% delle auto ha una velocità inferiore a 38 km/h e la velocità massima rilevata è stata pari a 59 km/h. Parlare di insicurezza, ridendo di alcune strisce rosse, arancioni e bianche è facile, ma soggettivo, lasciar parlare i dati è meglio, ed è oggettivo”.

Cuneo urbanismo tattico quartiere San Paolo comunicazione istituzionale

Peraltro questo intervento di moderazione del traffico nel quartiere San Paolo di Cuneo, come sottolinea Fabio Pellegrino dell’Ufficio Mobilità e Trasporti, è stato pensato proprio per aumentare la sicurezza stradale e aumentare la vivibilità e la fruibilità delle strade da parte di tutti: “Tra il 2017 e il 2020 si erano verificati 27 incidenti, per questo siamo intervenuti sugli incroci, abbiamo realizzato le chicane per rallentare le auto e abbiamo creato delle chiusure selettive in alcune zone del quartiere per evitare il traffico motorizzato di attraversamento”.

In conclusione l’assessore Dalmasso ribadisce a Bikeitalia il suo pensiero sull’intera vicenda: “Tutto è perfettibile, ci mancherebbe, però bisogna capire le motivazioni e gli obiettivi di quello che si è realizzato poi, a valle di quello, si fanno dei ragionamenti: disincentivare l’uso dell’auto nei contesti urbani è un qualcosa che va fatto. E con questo intervento di urbanistica tattica noi lo abbiamo fatto”.

Leggi anche: Le balle di Striscia la Notizia su ciclabili e segnaletica stradale

Masterclass in meccanica ciclistica

Masterclass in Meccanica Ciclistica

Corso In Presenza

Commenti

8 Commenti su "La Zona 30 di Cuneo funziona nonostante le balle di Striscia la Notizia"

  1. walter destantins ha detto:

    Concordo con Tiziano il bollo non è per circolare, quindi bici ed auto sono uguali da quel punto di vista.

  2. Andrea Dinonsodove ha detto:

    Come ha giustamente detto l’assessore di Cuneo :tutto è perfettibile, ma intanto qualcosa si muove, siamo nella giusta direzione. Ovviamente quando si mette mano ad un sistema nuovo ci si muove per approssimazione, avvalendosi comunque di tecnici con esperienza. E’ fin troppo facile criticare, ma in tutti questi commenti non ho sentito nessuno dare suggerimenti migliorativi, è più facile criticare che fare. nella mia città (Ferrara) adesso ci sono alcune case avanzate agli incroci, sono state ricavate corsie ciclabili su strade larghe abbastanza da poterlo fare, e ciclabili vere dove c’era la possibilità.(per chi non lo sapesse a volte per fare una ciclabile bisogna ricorrere agli espropri, cose complicate e che richiedono tempo. C’è ancora molto da fare? sicuramente, ma adesso c’è la volontà e per ultimo non dimentichiamo che tutto ciò costa, e se con pochi soldi si possono fare migliorie ‘meglio’. Magari invece di rilasciare patenti a chi risolve i quiz, un esame psichiatrico per capire se uno ha la testa per guidare sarebbe opportuno, ci sono troppi Nuvolari per strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti