Mobilità

Le nuove regole del Codice della Strada: ergastolo della patente e casco per i monopattini

Le nuove regole del Codice della Strada: ergastolo della patente e casco per i monopattini

Il governo italiano sta preparando sostanziali modifiche al Codice della Strada, introducendo una serie di nuove disposizioni che mirano a migliorare la sicurezza stradale nel paese. Il provvedimento dovrebbe vedere la luce entro la fine del 2023 e tra le principali novità annunciate spicca l’introduzione del cosiddetto “ergastolo della patente”, una misura severa per coloro che commettono gravi infrazioni al codice stradale.

Ergastolo della patente: come funziona

Secondo le prime informazioni emerse, il governo intende ritirare la patente a vita per coloro che causano incidenti mentre sono sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o in stato di ebbrezza. Questo provvedimento vuole rappresentare un deterrente per chiunque metta a repentaglio la sicurezza stradale a causa di comportamenti irresponsabili legati all’abuso di alcol o droghe. Ma va ricordato che, in ogni caso, la maggior parte delle collisioni stradali sulle nostre strade vede coinvolte persone negative ai test tossicologici. L’inasprimento delle sanzioni riguarda anche altri aspetti.

Polizia stradale bici multa punti patente ciclista

Revisione della patente a punti

Ci saranno anche altre modifiche significative al sistema della patente a punti. Attualmente, la maggior parte dei guidatori italiani dispone di 20 punti sulla patente, ma il governo ha ritenuto necessario rendere il sistema più rigoroso per incentivare un comportamento responsabile alla guida. Pertanto, è prevista un’introduzione di maggiori sanzioni e restrizioni per coloro che commettono infrazioni al codice stradale, al fine di ridurre il numero di punti sulla patente e promuovere una maggiore attenzione durante la guida.

Corsi di sicurezza stradale per i giovani

Inoltre, il governo sta considerando l’introduzione di crediti formativi per gli studenti delle scuole superiori e del primo anno di università che partecipano a corsi di sicurezza stradale. Questa iniziativa ha lo scopo di promuovere una maggiore consapevolezza sulla sicurezza stradale fin dalle fasi iniziali dell’istruzione, incoraggiando comportamenti responsabili e buone pratiche alla guida, visto anche che la prima causa di morte nella fascia di età 15-24 anni è legata proprio all’incidentalità stradale (fonte ISTAT).

Vigili urbani Milano multa taccuino verbale

Multe più salate per divieto di sosta

La riforma del Codice della Strada prevede anche misure volte a contrastare la sosta selvaggia, che include multe più salate per chi parcheggia in doppia fila, sui marciapiedi o nelle aree riservate ai disabili senza averne il diritto. Questa disposizione mira a migliorare la fluidità del traffico e a garantire un maggiore rispetto delle regole di parcheggio.

Monopattini elettrici casco obbligatorio

Casco per i monopattini

Infine, una delle novità più discusse riguarda l’obbligo di indossare il casco per i conducenti di monopattini. Con l’aumento della presenza dei monopattini nelle città italiane, il governo ritiene necessario introdurre questa misura di sicurezza per proteggere i conducenti da eventuali incidenti. È prevista anche l’istituzione di un limite di velocità compreso tra i 20 e i 25 chilometri orari per regolamentare l’uso di questi veicoli.

ebook

Ebook Mobilità Ciclistica
Scopri

Commenti

  1. Avatar mauro ha detto:

    Come al solito si ribalta la verità, non è la mancanza di piste ciclabili il problema, ma la mancanza di educazione stradale da parte dei ciclisti. Si sceglie sempre la via piú facile…tassare invece che mettere in sicurezza le strade, non considerando che stiamo andando verso la mobilità sostenibile, che come al solito viene tarpata. È chiaro che preferisco mettere la bici in garage che pagare l’ennesima tassa. Per quanto riguarda l’inasprimento delle pene per chi guida in stato di ebbrezza mi vedo invece molto d’accordo. Se il dato delle morti in bici rispetto ai pedoni è reale, credo sarebbe opportuno un casco anche ai pedoni ed aggiungerei una tuta speciale antiurto, oppure optare per una cosa piú facile, ovvero piú strutture di sicurezza stradale come dossi, aree pedonali e blocchi alla circolazione stradale mirati nei centri urbani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *