Bici

Codice della Strada, retromarcia di Salvini: nessun nuovo obbligo per le bici

Matteo Salvini in bicicletta

Salvini smentisce se stesso: nessun nuovo obbligo per le bici. La notizia si è sgonfiata in meno di 48 ore: il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini ha precisato che – contrariamente a quanto aveva lui stesso dichiarato rispondendo al question time alla Camera dei Deputati – l’annunciato obbligo di casco, targa, assicurazione e frecce riguarderà solo i monopattini elettrici e non le biciclette. La smentita è arrivata in modo irrituale, tramite un’intervista rilasciata al quotidiano Libero e non attraverso una nota ufficiale dell’ufficio stampa del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT).

Il comunicato (aggiornato) sul sito del MIT

Vero è che il comunicato pubblicato sul sito del MIT il 7 giugno, subito dopo l’intervento, indica che le nuove regole annunciate dal ministro Salvini riguardano i monopattini (e non le biciclette). Come altrettanto vero è che il testo – pubblicato per la prima volta il 7 giugno – è stato modificato l’8 giugno, come riportato in calce al comunicato, e fino a ieri tutte le testate che ne hanno ripreso i contenuti indicavano anche l’obbligo per le biciclette (proprio come dichiarato dal ministro Salvini al question time).

Bikeitalia ha chiesto all’Ufficio Stampa del Ministero se verrà pubblicata un’ulteriore nota ufficiale di chiarimento (al momento in cui va online questo articolo non è arrivata risposta, ndr) e qualora dovessero pubblicarla ne daremo conto ai nostri lettori.

La polarizzazione del dibattito

Resta il fatto che le parole pronunciate dal ministro Salvini al question time alla Camera e il riferimento ai nuovi obblighi anche per le biciclette hanno ulteriormente polarizzato il dibattito e molti commenti sui social si sono scagliati inopinatamente contro “i ciclisti” sostenendo che l’obbligo di casco, targa, assicurazione e frecce per le biciclette fosse una misura necessaria per rendere le strade più sicure. Anche qui su Bikeitalia il primo articolo con la notizia continua a ricevere decine di commenti.

L’uscita del ministro Salvini aveva allarmato l’ANCMA (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) che a stretto giro aveva pubblicato una presa di posizione molto dura, sottolineando che l’introduzione di questi obblighi stringenti per le biciclette non era presente in alcun Paese d’Europa (e, aggiungo io, del mondo). A seguire praticamente tutti coloro che si occupano di sicurezza stradale dei ciclisti e di promozione della mobilità ciclistica si erano espressi in modo analogo. In particolare il deputato dem Mauro Berruto, firmatario del disegno di legge per il sorpasso sicuro dei ciclisti, si era espresso così: “Una misura fuori dal tempo che, ancora una volta, colpevolizza e bullizza i ciclisti e gli utenti fragili della strada”.

L’autosmentita del ministro Salvini

Oggi, come se nulla fosse, la smentita della dichiarazione fatta dal ministro Salvini in diretta televisiva e in una sede istituzionale come Montecitorio compare sulle colonne del quotidiano Libero, senza ulteriori spiegazioni (al momento, ndr).

Si potrebbe dire che sul tema ha fatto retromarcia tornando a considerare assurdo targare le biciclette. D’altra parte proprio lui, come abbiamo ricordato anche su Bikeitalia, nel 2015 twittava con l’hashtag #labicinonsitocca per contrastare un DDL che voleva introdurre l’obbligo di targa per le biciclette.

Fine della discussione. Fino alla prossima retromarcia.

ebook

Tutto quello che vuoi sapere sulla scelta, manutenzione e meccanica della bicicletta lo trovi tra gli ebook
scarica ora

Commenti

  1. Avatar A.P. ha detto:

    [Questo commento conteneva espressioni di incitamento all’odio e abbiamo deciso di non pubblicarlo – Bikeitalia.it]

  2. Avatar Ett ha detto:

    Se non si tocca lo spazio urbano e le infrastrutture dedicate alla circolazione dell’auto, il mezzo più nocivo, tutti gli altri utenti sono possibili vittime, dotate dì frecce, caschi, gilet gialli, luci stroboscopiche. Al governo le strade vanno bene come sono, non avendo capacità di legiferare o allocare risorse economiche. Chi sono i suoi sponsor? Assicurazioni? I portatori di interesse per nuove infrastrutture autostradali? Oppure solo sciatteria che l’Italia distratta perdona?

  3. Avatar Chris ha detto:

    Riguardo alle frecce penso che tutti i veicoli a motore ne sono dotati ormai da anni, ma l’80% degli utenti non le usano. Quindi renderle obbligatorie sulle bici lo trovo abbastanza inutile per la sicurezza dei ciclisti. Discorso diverso è per il casco.

  4. Avatar marco ha detto:

    Se il dietrofront di Salvini dipende dalla presa di posizione del mondo economico, allora non ci siamo proprio ed i ciclisti continueranno ad essere bersaglio di chi li vede come il fumo negli occhi. Un vero cambio di rotta ci sarà quando ci si preoccuperà della sicurezza delle “persone” e non del mezzo che utilizzano. Io sono un uomo di serie A se utilizzo l’auto, di serie B se vado a piedi e di serie C se mi muovo in bici, eppure…sono sempre io.

  5. Avatar raffaele ha detto:

    stretta sui monopattini, capisco il casco e gli indicatori già previsti dalla normativa europea ma assicurazione e targa c’è da dire tutta. Magari più piste ciclabili nelle Regioni oppure comune ha fatto la Francia vietato ai minori di 14 anni. In questo bel paese manca il senso civico della gente e per qualche fenomeno paghiamo tutti noi. Come fare cassa semplicemente tassa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *