Viaggiare

In bici per 7.000 chilometri sulle orme del cicloviaggiatore Luigi Masetti

In bici per 7.000 chilometri sulle orme del cicloviaggiatore Luigi Masetti
Giulia Baroncini Viaggissimo 2023 sulle orme di Luigi Masetti dopo 130 anni

Parte oggi la lunga pedalata di Giulia Baroncini, per un cicloviaggio di 7.000 chilometri sulle orme di Luigi Masetti – l’anarchico delle due ruote, cicloviaggiatore ante litteram – dopo 130 anni dalla sua impresa. Il “Viaggissimo” fu il nome che Masetti coniò per identificare qualcosa di veramente estremo per quei tempi. Nel 1892, a 28 anni, si cimentò nel suo primo lungo viaggio in Europa di 3.500 chilometri che gli diede l’ulteriore entusiasmo per il “Viaggissimo” dell’anno successivo, durante il quale raddoppiò la distanza percorsa l’anno prima.

Prima tappa dal Polesine al BAM!

Giulia è già in viaggio: questa mattina è partita da San Bellino (Rovigo) dal parco intitolato a Luigi Masetti, passando poi per la sua città natale Trecenta per alcuni appuntamenti istituzionali e foto ricordo per suggellare la rievocazione storica.

La prima tappa del Viaggissimo 2023 è prevista al BAM!, il raduno europeo dei viaggiatori in bicicletta, di Mantova dove Giulia arriverà dopo le 17 e si tratterà per il weekend, salendo sul palco e raccontando il viaggio che la impegnerà per i prossimi mesi.

Le imprese in bici di Luigi Masetti

Per la storia del cicloturismo la figura di Masetti rasenta quasi il mito: nel 1900, partendo da Milano e andando fino in Marocco, risalì ancora l’Europa fino a Capo Nord per poi da lì attraversare tutta la Russia zarista; quindi l’Impero Ottomano fino alla sua capitale Costantinopoli (oggi Istanbul), dalla quale tornò in Italia in nave. Il percorso in bicicletta non fu inferiore ai 18 mila chilometri.

Se Masetti fu ricevuto dal Presidente degli Stati Uniti e incontrò diversi personaggi famosi, come Lev Tolstoj, Giulia cercherà nella sua avventura del terzo millennio gli elementi consoni a rendere un viaggio un’autentica esperienza di vita, cogliendo gli aspetti sociologici che l’ospitalità volontaria riesce ad offrire e tutte le occasioni impreviste che inevitabilmente il suo procedere le offrirà.

La rievocazione, 130 anni dopo

Il suo diario settimanale sarà affidato ai social: qui racconterà gli aneddoti e le storie che raccoglierà lungo la strada. L’aereo sostituirà la nave, non per risparmiare tempo, ma perché oggi non c’è disponibilità sulla rotta che deve arrivare necessariamente a New York, perché Masetti lì arrivò e da lì ripartì dopo il suo viaggio che lo portò fino a Chicago per seguire, come unico corrispondente italiano e per Il Corriere della Sera, la World Columbian Exposition (La Grande Esposizione Universale).

Da ciclista amatoriale a cicloviaggiatrice

Uno degli scopi di Giulia è quello di dare fiducia alle persone, con un pensiero particolare alle donne, ad intraprendere un loro viaggio ciclistico, anche metaforico, non necessariamente così lungo e impegnativo; ad essere una testimone di come una ciclista di livello amatoriale può mettersi in gioco e andare oltre al semplice viaggiare, aggiungendo una ispirazione, una emulazione o qualsiasi altro stimolo riuscirà ad accendere la personale passione lungo la strada solcata dalle ruote della bici.

Le tappe del Viaggissimo 2023 di Giulia

Il ruolino di marcia del Viaggissimo 2023 di Giulia prevede mediamente 80 chilometri al giorno, ad andatura cicloturistica per assaporare il territorio e il continuo cambiamento del paesaggio.

  • Il 13 luglio sarà un altro punto fermo per il volo da Londra a New York dove riprenderà a pedalare toccando Albany, Buffalo, Niagara, Lago Erie e Chicago.
  • Qui sosterà alcuni giorni per ritornare sul luogo dell’’Expo per una sorta di omaggio all’anarchico della bicicletta. Il ritorno a New York si allungherà per arrivare a Washington dove Masetti incontrò l’allora Presidente Grover Cleveland. La segreteria dell’attuale presidente Joe Biden è stata informata dell’iniziativa e, senza illudersi di essere ricevuta, Giulia farà comunque tappa alla “White House” come ulteriore rievocazione storica del viaggio di Masetti.
  • Il 28 settembre 2023 è programmato il ritorno a Londra dove, ancora sull’Eurovelo che conduce verso la Provenza, inizierà il viaggio di ritorno fino a casa.

Bici e attrezzatura da viaggio

Masetti utilizzò una bicicletta che verosimilmente pesava a vuoto almeno 20 kg e che con il suo carico da cicloviaggiatore che ne raddoppiava o triplicava il peso. Giulia utilizzerà una bici gravel in carbonio montata Shimano GRX con monocorona all’anteriore e calibrata sulle sue misure anatomiche. Ai portapacchi fisserà le classiche borse stagne da viaggio per contenere un bagaglio molto essenziale. Inoltre alcune borse per bikepacking correderanno l’allestimento per avere a portata di mano il necessario durante il giorno.

“Il progetto di ripercorrere il lungo viaggio di Luigi Masetti è nato grazie alla lettura del libro ‘L’Anarchico delle due Ruote’ in pieno lockdown – ha commentato Giulia alla vigilia della partenza – ho pensato a qualcosa capace di dare fiducia alle persone, con un pensiero particolare alle donne, e invitarle a intraprendere un viaggio, un percorso, ed essere così testimoni della propria esperienza. Con un pizzico di ispirazione, è possibile accendere la passione per una nuova avventura, uscendo dalla propria comfort zone”.

I racconti che Giulia affiderà ai social saranno cartoline di quotidianità, considerazioni spontanee di ciò che una giovane donna trova sul suo percorso, con un parallelo sempre presente alle parole di Masetti. Al suo ritorno il materiale raccolto sarà utilizzato per editare un libro e realizzare un docufilm del suo Viaggissimo 2023, sulle orme dell’Anarchico delle due ruote Luigi Masetti.

Per aggiornamenti sul Viaggissimo 2023 di Giulia Baroncini: Facebook | Instagram | YouTube

Raggiungi i tuoi obiettivi con Paola Gianotti

Corso Online

Scopri ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *