Mobilità

Sgonfiate le gomme di 70 SUV nella notte: l’azione dimostrativa a Bologna

Sgonfiate le gomme di 70 SUV nella notte: l’azione dimostrativa a Bologna

I proprietari di 70 SUV parcheggiati nelle strade di Bologna questa mattina hanno avuto una sorpresa sul parabrezza: non il verbale di una multa, ma il volantino di rivendicazione da parte del gruppo internazionale noto come Tyre Extinguishers (di cui su Bikeitalia avevamo già scritto qui), che da marzo 2022 sta compiendo azioni dimostrative per lasciare i SUV fermi con una gomma a terra, senza arrecare danni e lasciando la propria firma di rivendicazione.

Tyre Extinguishers

“Le ragioni del nostro gesto sono spiegate nel volantino che vi alleghiamo e che abbiamo lasciato sul parabrezza di ogni auto – scrivono gli attivisti antiSUV in una nota stampa – in modo da informare i proprietari ed evitare che questi si mettessero alla guida in condizioni non sicure. Ci siamo accertati che sulle auto coinvolte non fossero presenti contrassegni che indicassero la presenza di persone con disabilità e di medici“.

No Suv inquinamento ambiente
Sgonfiate le gomme di 70 SUV: l’azione dimostrativa nella notte a Bologna (e in altre città europee)

“Ti arrabbierai, lo sappiamo. Non ce l’abbiamo con te, ma con la tua auto. L’abbiamo fatto perché utilizzare un’auto enorme come questa in una città come Bologna ha conseguenze altrettanto enormi per tutti gli altri”, si legge sul volantino.

Sgonfiate le gomme di 70 SUV

E la rivendicazione prosegue elencando i motivi del gesto: “L’industria delle auto è molto abile a convincerci che abbiamo bisogno di auto gigantesche per muoverci, ma l’utilizzo dei SUV nei centri urbani ha reso le città più pericolose e inquinate. Le polveri sottili nell’aria uccidono migliaia di persone ogni anno (60mila solo in Italia) e la tua auto purtroppo contribuisce a queste morti. Non solo, i SUV hanno più probabilità di uccidere persone nelle collisioni, e non solo per la loro mole. Vari studi mostrano che i conducenti di SUV sono più propensi a correre rischi sulla strada. Auto enormi come questa fanno sentire al sicuro chi è al loro interno, ma mettono in pericolo tutti quelli al di fuori di esse”.

Poi un appello rivolto alle persone proprietarie dei SUV oggetto delle loro attenzioni: “I decisori politici avrebbero dovuto limitare l’uso di mezzi come questo alle (poche) persone che ne hanno davvero bisogno. Ma dato che non si è fatto nulla per limitare il loro impatto sulle città, abbiamo deciso di agire direttamente con quest’azione dimostrativa, come tante persone stanno facendo in tutta Europa. Vogliamo che possedere auto come questa diventi sconveniente, come la loro diffusione è sconveniente per tutti.

“Ci dispiace averlo dovuto fare”

In conclusione le scuse e la spiegazione del gesto: “Abbiamo solo sgonfiato lo pneumatico (con un’innocua lenticchia), non abbiamo fatto nessun altro danno. Lo sappiamo che hai lavorato duramente per permetterti un’auto come questa, ci dispiace averlo dovuto fare. Purtroppo le industrie sanno creare in noi bisogni che non abbiamo realmente. Ormai quest’auto ce l’hai. Però per oggi puoi spostarti a piedi, in bici o con i mezzi pubblici. E in futuro ribellati a chi cerca di convincerti che bisogna avere sempre di più. Per vivere meglio è necessaria la collaborazione di tutti”.

L’azione di questa notte non si è svolta soltanto a Bologna ma anche, in contemporanea, in altre grandi città europee: “Queste auto di lusso stanno compromettendo la vita delle persone, il clima e l’aria che respiriamo. Siamo persone comuni che hanno deciso di fare qualcosa di concreto per contrastare una situazione ingiusta e dannosa per tutti”, sottolineano nel comunicato di rivendicazione dell’azione.

ebook

Ebook Mobilità Ciclistica
Scopri

Commenti

  1. Avatar severino ha detto:

    Ma questi signori del Tyre Extinguishers sono proprio sicuri di aver fatto un’azione positiva e propositiva?
    Quanti proprietari di questi SUV apriranno gli occhi?
    Più facile che chiudano i pugni incazzati come iene.
    La responsabilizzazione avviene con il dialogo e l’esempio non con atti violenti e coercitivi.
    Quanti di questi proprietari di SUV dismetteranno il mezzo pe acquistare una bici?
    Come reagiremmo noi ciclisti se la mattina trovassimo le gomme sgonfie e non potessimo recarci dove avremmo voluto/dovuto?
    La violenza non è mai la soluzione.

  2. Avatar Gregorio ha detto:

    mi sembra davvero un modo originale e concreto di comunicare un messaggio importante.
    Magari farà riflettere anche solo 1 su 70…

  3. Avatar JULES ALBINI ha detto:

    Ben fatto! E lodevole la diplomazia e l’educazione del comunicato. Tutto il mio plauso!

  4. Avatar Roberto ha detto:

    In effetti, spostare 2 tonnellate per muovere 70 kg a una velocità media in città di 20 km/h è da idioti. E poi ci si lamenta che la benzina costa cara

  5. Avatar claudia ha detto:

    E così sia

  6. Avatar Annibale ha detto:

    Idioti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *