Bici

Ogni anno 1,3 milioni di bici rubate in Europa: servono più parcheggi sicuri

Emergenza bici rubate in Europa: la mancanza di parcheggi sicuri e accessibili per biciclette è uno dei principali ostacoli alla pratica regolare della bici, che è il modo di trasporto più efficiente dal punto di vista energetico. Il furto di biciclette è un problema importante che colpisce milioni di europei. Secondo le statistiche ufficiali della polizia, circa 1,3 milioni di biciclette vengono segnalate come rubate ogni anno nell’UE-27. Questo dato è probabilmente una sottostima significativa del numero reale di biciclette rubate.

Catena Abus Ivy Chain bici legata a un palo
Bici rubate in Europa: ogni anno sono 1,3 milioni

La mancanza di parcheggi sicuri per le bici

Come riporta un recente articolo di ECF (European Cyclists’ Federation), uno studio del 2015 svolto a Montreal ha mostrato che la metà di tutte le biciclette rubate proveniva da luoghi non destinati al parcheggio delle biciclette, come lampioni e recinzioni. Una recente ricerca dell’industria condotta da Cycling Industries Europe (CIE) ha rivelato che il 40% delle vittime di furto ha subito il furto di una bicicletta da un’abitazione privata. Tuttavia, solo il 3% delle persone intervistate nei Paesi Bassi ha indicato che una bicicletta è stata rubata da un garage o da una rimessa.

I luoghi pubblici sono quelli più a rischio

Uno studio belga sul furto di biciclette ha anche dimostrato che le biciclette erano più suscettibili di essere rubate se parcheggiate in luoghi pubblici. Nel frattempo, coloro che parcheggiano le loro biciclette in spazi privati spesso riferiscono che la bicicletta non era stata bloccata a un punto fisso al momento del furto (21%), probabilmente a causa della mancanza di infrastrutture adeguate.

Masterclass in Meccanica Ciclistica

Trasforma la tua passione in una professione

Scopri di più

Ebike sempre più nel mirino dei ladri di biciclette

Questo problema continuerà a essere molto sentito, dato che le cargo bike e le ebike diventano sempre più popolari e diffuse, aumentando il loro valore e i relativi costi per sostituirle in caso di furto. Le ebike rappresentano già il 17% delle biciclette rubate secondo un sondaggio olandese del 2020 e il 23% delle biciclette rubate secondo un recente sondaggio francese.

Il furto come deterrente all’uso della bici

Il furto di biciclette ha un impatto sulla promozione della bicicletta. Uno studio del 2007 su studenti universitari ha rilevato una correlazione positiva tra una maggiore sicurezza dal furto e la pratica regolare della bici. In un sondaggio francese condotto da FUB e l’Académie Des Mobilités Actives (ADMA), l’11% delle vittime ha smesso di usare la bicicletta a seguito del furto e il 23% ha ridotto la frequenza delle pedalate. Questo indica un effetto negativo dei furti di biciclette sulla volontà di usare la bicicletta per un terzo delle vittime. Allo stesso modo, la ricerca dell’industria di CIE ha rilevato che il 13% dei partecipanti ha smesso di usare la bicicletta dopo un furto e stima che, se applicato all’intera Europa, il furto potrebbe portare un milione di persone a smettere di usare la bicicletta.

L’impatto emotivo su chi subisce il furto della bici

Secondo l’ADMA, il trentanove percento delle vittime di furto di biciclette non ha comprato un’altra bicicletta dopo il furto. Di coloro che hanno comprato un’altra bicicletta, circa un terzo ha scelto una bicicletta meno preziosa di quella rubata, evidenziando l’impatto sull’industria europea delle biciclette. Queste conclusioni sono supportate anche dalle risposte del sondaggio olandese del 2020. Il sondaggio olandese mette anche in luce l’impatto emotivo: le persone sono emotivamente legate alle loro biciclette e percepiscono come molto fastidioso il furto di queste ultime. Questi fattori scoraggiano le persone dall’andare in bici dopo un furto.

Bici rubate in Europa e preferenze di parcheggio

Una revisione sistematica del 2018 sulla letteratura scientifica sul comportamento di parcheggio, le preferenze di parcheggio e la loro influenza sulla pratica della bici e sugli spostamenti ha rilevato che – anche nella limitata letteratura sulle aree residenziali – la disponibilità di parcheggi per biciclette è stata identificata come un fattore che influenza la scelta della modalità di trasporto. Per i centri di trasporto pubblico e gli edifici educativi e professionali, ci sono prove solide in tal senso. E poiché le biciclette trascorrono gran parte del tempo parcheggiate nelle aree residenziali, è molto probabile che ciò valga anche per gli edifici residenziali.

Bike sharing e furti di bici

Diverse ricerche hanno dimostrato che la paura del furto di biciclette influisce sulla preferenza delle persone per l’uso di biciclette condivise o soluzioni di noleggio rispetto alle biciclette private. Uno studio spagnolo condotto a Valencia, dove negli ultimi anni si è registrato un aumento significativo della quota modale delle biciclette, ha identificato la mancanza di parcheggi e il furto come i principali ostacoli all’adozione di biciclette private rispetto a quelle condivise. Anche se il bike sharing o il noleggio di biciclette è ancora preferibile perché incoraggia le persone a usare la bicicletta, si può dedurre che il potenziale furto gioca un ruolo nella scelta della modalità di trasporto e l’uso delle biciclette private aumenterebbe probabilmente se ci fosse meno paura di furti.

Parcheggi sicuri per bici: la battaglia di ECF

I requisiti per i parcheggi per biciclette sono un elemento particolarmente importante, ma spesso sottovalutato, della promozione del ciclismo. È necessario dedicare spazio a infrastrutture adeguate per il parcheggio delle biciclette. A Bruxelles, ECF sta lavorando per includere il parcheggio per biciclette nella Direttiva sull’Efficienza Energetica degli Edifici e ha accolto favorevolmente la posizione della Commissione, del Parlamento Europeo e del Consiglio sui parcheggi obbligatori per biciclette negli edifici.

Se attuata, la direttiva richiederebbe ai nuovi edifici residenziali ristrutturati di una certa dimensione di offrire due posti per il parcheggio delle biciclette per ogni abitazione. Gli edifici non residenziali di una certa dimensione sarebbero tenuti a fornire spazi sufficienti per il parcheggio delle biciclette pari al 15% della capacità totale (o media) degli utenti.

La posizione delle tre istituzioni dell’UE si allinea strettamente alle raccomandazioni di ECF per il parcheggio delle biciclette nella EPBD. La disponibilità di parcheggi sicuri per biciclette negli edifici è un modo cruciale per incoraggiare più persone a usare la bicicletta, sapendo di poterla custodire in sicurezza quando non in uso.

ebook

Business & Economia
scarica ora

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *