Business

VanMoof salvato dalla bancarotta: rilevato il marchio olandese delle ebike

VanMoof salvato dalla bancarotta. Nelle scorse settimane qui su Bikeitalia avevamo riportato la notizia delle difficoltà incontrate sul mercato da VanMoof, marchio olandese specializzato in ebike, che a metà luglio aveva dichiarato bancarotta a causa dell’insostenibilità del proprio modello di business.

VanMoof V ebike a due ruote motrici
Il marchio olandese delle ebike VanMoof salvato dalla bancarotta da Lavoie

McLaren Applied rileva VanMoof

Quando sembrava che il destino dell’azienda fosse segnato a fine agosto è emersa un’opportunità di salvezza che i fondatori non si aspettavano: l’interessamento di Lavoie, marchio di monopattini elettrici affiliato a McLaren Applied (che fa parte del gruppo Greybull Capital e che lavora a stretta collaborazione con McLaren e la Formula 1).

Pertanto, gli esperti della mobilità urbana elettrica di Lavoie hanno annunciato l’intenzione di acquisire VanMoof, che è stato così salvato dalla bancarotta. Secondo il presidente di McLaren Applied, Nick Fry, si tratta di un affare del valore di “decine di milioni di sterline,” previsto per concretizzarsi “nel breve termine”, come ha dichiarato all’agenzia Reuters.

L’acquisizione del marchio olandese delle ebike

Sebbene sia ancora presto per azzardare previsioni e scenari, dalle prime informazioni trapelate appare chiaro che Lavoie non si limiterà semplicemente ad acquisire il marchio e i diritti di proprietà intellettuale di VanMoof. La nuova direzione pare sia determinata a dare un’altra impronta all’azienda e chiaramente ci saranno dei tagli: non tutti i dipendenti manterranno il loro posto di lavoro, poiché è prevista una sostanziale riorganizzazione aziendale, per rilanciare il marchio olandese delle ebike salvato dalla bancarotta.

Per un nuovo modello di business

Il nuovo modello di business di VanMoof sotto la guida di Lavoie comporterà l’abbandono delle boutique a marchio proprio, preferendo invece una distribuzione più tradizionale. Inoltre, è molto probabile che McLaren Applied utilizzerà le sue competenze tecniche per affrontare i problemi che hanno portato VanMoof alla bancarotta. Sebbene le biciclette elettriche di VanMoof fossero caratterizzate da design distintivi e idee innovative, erano spesso soggette a problemi di costruzione e affidabilità a causa della componentistica personalizzata. L’obiettivo per il futuro sarà quello di adottare componenti più universali e facilmente reperibili sul mercato, migliorando così la qualità e l’affidabilità dei prodotti.

Come riporta il quotidiano online italo-olandese 31mag.nl:

Il CEO di Lavoie Eliott Wertheimer, ha dichiarato di avere l’obiettivo di “mantenere tutti i 190.000 clienti di VanMoof sulla strada” e contemporaneamente di “stabilizzare e far crescere l’azienda.” McLaren ha inoltre espresso l’intenzione di diventare un marchio premium nel settore dei veicoli elettrici con questa acquisizione. I curatori di VanMoof hanno dichiarato che Lavoie ha acquisito alcune attività del brand di bici tra cui il nome, l’inventario aziendale, le scorte e le azioni di VanMoof USA. [Fonte: 31mag.nl]

Il marchio VanMoof sarà esteso ad altri mezzi di micromobilità

Dunque l’azienda sta anche valutando la possibilità di estendere l’uso del marchio VanMoof anche ad altri prodotti esistenti, dato che il nome è ben noto nel settore della micromobilità elettrica. Si tratta certamente di una buona notizia per gli oltre 190.000 clienti del marchio olandese delle ebike. In ogni caso notizie più precise su quale direzione prenderà questa acquisizione si avranno nei prossimi giorni: “Poco dopo il 4 settembre verranno annunciati ulteriori dettagli sulla continuazione dei servizi forniti ai ciclisti VanMoof”, hanno dichiarato in un comunicato gli amministratori Jan Padberg e Robin de Wit.

Commenti

  1. Avatar Massimo ha detto:

    Possiedo una S3 della quale sono molto soddisfatto, sia per la qualità costruttiva che per le soluzioni originali che adotta. Sarei pronto ad acquistare altri prodotti della stessa azienda purchè ne sia garantita la continuità.
    Unica nota negativa, la carenza di centri assistenza in Italia, per lo meno nelle maggiori città.

  2. Avatar Franco Moro ha detto:

    speriamo bene.Possiedo una van moof S3 da febbraio 2022. acquistata a Monaco D.a parte un problema iniziale risolto brillantemente in 2 settimane inviando la bici in NL, ho percorso finora circa 5000 km. La bici va benissimo. È un prodotto
    eccellente,ne sono pienamente soddisfatto,e sarei disposto all’acquisto eventuali nuovi modelli migliorativi in futuro, sempreché la qualità resti al top,come è stata finora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *