Bici

Grinduro Italia a Punta Ala: una festa all’insegna del gravel

Grinduro Italia a Punta Ala: una festa all’insegna del gravel

Sono le sette e mezza di mattina e siamo in fila al banco delle registrazioni per ritirare i nostri kit per la gara. Davanti a noi ci sono ancora alcune persone che devono ritirare il kit gara con i gadget e il programma.

Sento una voce dolcissima e cerco con gli occhi la proprietaria di quella voce. Una donna molto simpatica sta ringraziando tutti per essere venuti da tutto il mondo a Punta Ala e ci dà il benvenuto in Maremma.

La prima edizione italiana di Grinduro si è tenuta lungo la costa, immersa in una pineta, al PuntAla Camp & Resort. Non avrei mai potuto immaginare di essere in un posto più bello in queste giornate di settembre che sembrano ancora piena estate. Guardo i partecipanti provenienti da diversi paesi intorno a me e ascolto conversazioni in francese, inglese, tedesco e altre lingue non meglio identificate.

Grinduro ha un tipo di pubblico diverso

Scopro che il nome della dolce voce è Veronica. Mentre fa gli ultimi avvisi per la gara che inizierà tra un’ora, saluta anche le celebrità che si avvicinano alla linea di partenza. Io e Paolo iniziamo così a capire con chi condividiamo questa esperienza oggi: Omar Di Felice, che si sta preparando tranquillamente; Marco Aurelio Fontana, che sta chiacchierando con tutti intorno a lui; Roby Bragotto, che sta documentando tutto con una videocamera; Wiebke Lühman, che tra qualche settimana pedalerà da sola verso Cape Town; Elena Martinello del progetto Ride Like a Girl Project…

grinduro punta ala

Ma la cosa più sorprendente per me è la percentuale di partecipanti donne a Grinduro Italia. Finalmente, non sono tra le poche donne di un evento maschile.

grinduro italia

È quasi il mio turno, la gentile direttrice del Punta Ala Trail Center sta consegnando un sacco con i gadget ai partecipanti, mentre allo stesso tempo sta spiegando cosa si trova lungo il percorso nei punti di ristoro e chiede di fare una sosta per il pranzo alla tenuta, Morisfarms. Il ciclista atletico davanti a me dice: “Mai nella vita, durante una gara, metto un piede a terra, figuriamoci se mi metto a pranzare”. La direttrice gli spiega gentilmente che questa è una gara diversa.

Grinduro è un nuovo tipo di gara

Veronica continua a raccontare con un gran bel sorriso: “Grinduro è stato organizzato per la prima volta nel 2015 in California. Joe Parkin è un ciclista americano e l’editore di Enduro MTB Magazine decide di prendere un po’ dall’ambiente dell’enduro mountain bike, un po’ dalle gare su sterrato, un po’ dalle granfondo, per creare un nuovo tipo di gara in bici più accogliente, inclusiva ed entusiasmante per ogni ciclista”.

Provo a immaginarmi un evento competitivo che mi fa pedalare tutto il giorno, ma soffrire davvero solo per un breve periodo. Immagino ciclisti dilettanti e professionisti, ciclocrossisti e specialisti delle criterium, e tutto ciò che sta nel mezzo, che pedalano e gareggiano su un percorso progettato per premiare i ciclisti polivalenti.

“Nel 2017, il concetto ha fatto il suo viaggio in Scozia e si è svolto il primo evento internazionale. Nel 2019, Grinduro è diventato la prima vera serie di eventi gravel a livello globale, estendendo la sua portata per includere Canada e Giappone”, aggiunge alla fine.

Grinduro è una gara ciclistica a ritmo sociale

Sono le nove quando i partecipanti di Grinduro (100 km) e Grindurito (65 km) sono partiti contemporaneamente. Appena le ruote hanno iniziato a girare, si è subito formato un gruppo di testa e un gruppo di scia, per la prima mezz’ora abbiamo percorso un tratto di strada asfaltata a un ritmo molto tranquillo. Nessuno cercava di sorpassare gli altri, tutti pedalando fianco a fianco.

Poco dopo abbiamo lasciato l’asfalto per entrare su una strada forestale, sapevo che sarebbe iniziata la prima salita su sterrato perché avevo esaminato il percorso che era stato inviato via email due settimane prima. Il gruppo ha rallentato e uno per uno abbiamo iniziato a passare il chip sui sensori posizionati all’ingresso della prima prova, avviando così la registrazione della prestazione.

Sì, siamo tutti partiti insieme in massa, senza mettere nessuno in pericolo, e siamo arrivati tranquillamente alla prima prova. Ci sono 4 prove cronometrate speciali, tutte diverse, in un mix bilanciato di salite e discese, unite da tratti di trasferimento, il cui tempo di percorrenza non conta per la classifica.

Le mie gambe mi dicono che siamo arrivati alla parte più difficile della salita su terreno sterrato, e il cartello ‘WTF’ lungo il bordo della strada conferma la mia sensazione. Beh, comunque, mancano solo 500 metri. Ce la posso fare.

grinduro italia

Il segmento si conclude e si raggiunge il primo punto di ristoro. Frutta tagliata a fette e acqua ghiacciata. Fantastico. Nessuno ha fretta di ripartire subito. Perché quattro segmenti cronometrati sul percorso aggiungono un elemento competitivo, ma i tempi totali si basano solo su questi segmenti, quindi sei libero di pedalare tra le tappe a un ritmo rilassato. C’è tempo per chiacchierare, fare selfie e scherzare con gli altri.

Prima di entrare nel centro del villaggio di Caldana, vedo i cartelli ‘slow down’. È bello vedere un messaggio che invita a rallentare invece di accelerare in una gara.

Proprio quando stavo pensando che stava per finire l’acqua nella mia borraccia, vedo un cartello che indica che mancano solo 500 metri alla zona di ristoro. Penso che tutto sia stato pianificato nei minimi dettagli.

Nelle strade bianche con quei cipressi, dove ho pensato di essere in paradiso, entriamo attraverso il cancello di Morisfarms. Una pausa pranzo perfettamente preparata per noi sotto gli alberi nel magnifico giardino della tenuta.

Qualcuno chiede se preferiamo bianco o rosso. Quando mi giro, un gentile addetto mi porge un calice di vino e poi indica il buffet. Prendiamo il cibo e guardiamo ammirati intorno a noi. Improvvisamente, sembra davvero di essere in vacanza. Nessuno cerca di mangiare in fretta e scappare. Godiamo del cibo, facendo conversazione e procedendo verso la prossima prova sulla strada.

L’itinerario, che si sviluppa dalla costa verso le colline dell’entroterra maremmano con panoramici scorci a vista sul mare, è tra i più vari del circuito e tocca ambienti totalmente differenti. I concorrenti affronteranno in sella alla propria bici un misto di terreni: sterrati scorrevoli ma mai banali, lunghi singletrack nel bosco da domare e tratti asfaltati su strade secondarie.

Quando torniamo al PuntAla Camp & Resort, ci aspettano gelato e birra. Facciamo foto, ci tuffiamo in mare e ci riposiamo. Nel pomeriggio, quando tutti completano il percorso e raggiungono il punto finale nell’ultima tappa, viene allestito un podio e vengono annunciati i risultati della classifica.

Ma Grinduro non è solo un evento sportivo: è anche una festa. Il sabato sera, dopo la gara, partecipiamo al party con la musica dal vivo e socializzare con gli altri partecipanti il tutto in riva al mare e con i piedi nella sabbia.

Domenica mattina, mentre noi ci prepariamo per la partenza verso Milano, vediamo il gruppo che ha ancora energie e parte per l’Hangover Ride, un giro tranquillo panoramico verso la cittadina di Castiglione della Pescaia.

Ciao amici, ci vediamo al prossimo Grinduro.

Quest’anno oltre in Italia ci sono Grinduro anche in Germania, California, Pennsylvania, Regno Unito e Giappone. Per maggiori informazioni su Grinduro, visita il sito www.grinduro.com

Crediti per le foto: Punta Ala Trail Center

Commenti

  1. Avatar Domenico ha detto:

    Di questi eventi dovremmo riempire le nostre Domeniche,publicizzatele di più

  2. Avatar Raffy ha detto:

    Condivido tutto quello che hai scritto! Primo evento gravel al quale ho partecipato, non sono giovane e non sono un’atleta e ho pedalato faticando meditando, divertendomi, chiacchierando e conoscendo atleti veri, ma umili e simpatico Tutto perfetto! Aggiungo una delle 19 donne partecipanti.

  3. Avatar Luca ha detto:

    Questa tua frase, ” Penso che tutto sia stato pianificato nei minimi dettagli.”, mi fa davvero onore.
    Grazie mille.
    Luca, Course Manager @Grinduro Italia

  4. Avatar Giovanni ha detto:

    molto bello. mi.piacerebbe partecipare.

    [L’evento Grinduro Italia a Punta Ala si è tenuto dall’8 al 10 settembre 2023: per le date dei prossimi appuntamenti si può fare riferimento al sito ufficiale https://grinduro.com/ – Bikeitalia.it]

  5. Avatar Mario ha detto:

    ma porca miseria io ho casa a Punta Ala e pedalo spesso in gravel..mi è proprio passato..peccato

  6. Avatar Sergio ha detto:

    mi sembra molto interessante , bella iniziativa , tenetemi informati x il futuro sarò ben lieto di partecipare !

    grazie !

    sergio punzi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *