Bici

Jovanotti e il recupero dopo la caduta in bici: “Ho una gamba più corta dell’altra”

Lorenzo Jovanotti dopo la caduta in bici a Santo Domingo di questa estate ha una gamba più corta dell’altra. I medici dominicani lo hanno operato ma il femore non è stato allineato correttamente: lo ha raccontato lui stesso in alcune interviste radiofoniche in questi giorni in cui continua la riabilitazione.

Jovanotti gamba più corta dopo caduta in bici femore non allineato
Elaborazione grafica da immagini pubblicate sul profilo FB di Lorenzo Jovanotti Cherubini [Fonte]

L’intervista con Radio Deejay

In particolare Jovanotti da settimane sta condividendo sui social il suo lungo percorso di riabilitazione che sta seguendo per riprendersi completamente e riuscire a tornare a pedalare. Nella telefonata alla trasmissione Deejay Chiama Italia, parlando con Linus e Nicola Savino, Jovanotti ha raccontato l’incidente in modo schietto:

“La botta è stata forte, in bici non hai protezioni e l’asfalto è duro. Sono finito su uno di quei dissuasori per rallentare non segnalato, ce n’era uno solo perché segnalava un fruttivendolo o qualcosa del genere. Siccome erano passati a rifare l’asfalto, era stato coperto ma non segnalato. Mi sono accorto che stavo cadendo solo mentre cadevo, non ho avuto neanche la reazione di irrigidirmi. È la prima volta in cui mi faccio così male in bici”.

Nonostante l’incidente, il cantante mostra una forte determinazione nel suo percorso di riabilitazione: “Sto abbastanza bene […]. Ci vuole un po’ di tempo. Per me è una cosa che suona molto strana, di solito faccio le cose in maniera un po’ frettolosa e frenetica. È la prima volta in cui mi capita di dovermi prendere cura di me stesso con pazienza. Ho rotto il femore ma sotto il collo, per fortuna l’articolazione è perfetta. Ai primi di ottobre avrò una lastra decisiva, che mi dirà se il callo osseo si sta facendo bene”.

Jovanotti: “Ho una gamba più corta dell’altra”

Poi la rivelazione dell’eterometria che si è verificata in seguito all’operazione per ricostruire il femore, visto che ora ha una gamba leggermente più corta dell’altra: “Ho una gamba più corta dell’altra di uno o due centimetri. Mi hanno detto tutti che se non si recupera, puoi compensare con la postura. L’ortopedico mi ha detto che avendo un fisico reattivo, allenato, tra sei mesi non me ne accorgo neanche”.

Dopo l’incidente Jovanotti ha detto di aver ricevuto anche da messaggi di incorgiamento e pronta guarigione anche da parte di alcuni ciclisti professionisti: “Mi hanno scritto anche dei professionisti dicendomi che da ora in poi sono un vero ciclista. Ma con il femore è un po’ esagerato, di solito è la clavicola”.

Lorenzo Cherubini Jovanotti il 27 settembre 2023 compirà 57 anni: la sua riabilitazione continua giorno dopo giorno, con la speranza di un pieno recupero e di ritornare presto a pedalare.

Lorenzo Jovanotti Aracataca

Leggi anche: Jovanotti cade in bici a Santo Domingo e si frattura clavicola e femore

Leggi anche: Traumatologia in bici: dopo un infortunio è possibile ritornare a pedalare?

Leggi anche: Guida definitiva sulla lunghezza delle gambe: eterometria e correzioni nel ciclismo

ebook

La tua prossima destinazione per le vacanze in bicicletta la trovi tra gli ebook gratuiti di Bikeitalia
scarica ora

Commenti

  1. Avatar Giuseppe ha detto:

    che palle…
    C’è un articolo su Jovanotti perché va parecchio in bici e questo è un sito “generalista” sul mondo delle bicicletta e sul ciclismo, stop.
    E a me è pure simpatico tiè. :-)
    Di questa stregua non dovremmo più parlare nemmeno del ciclismo professionistico, delle corse etc… etc …
    buona giornata a tutti

  2. Avatar Domenico Tricarico ha detto:

    Perché dare spazio a jovanardi, il greenwasher? Solo perché è caduto in bici? Non è possibile scordare la sua arroganza verso chi gli faceva notare l’impatto ambientale dei suoi innecessari concerti in spiaggia, preceduti da spianate effettuate da ruspe e dal taglio di alberi piene di nidi di volatili delicatissimi. Si professa ambientalista ma i main sponsor del suo tour sono Fileni (allevamenti intensivi, tra i più grandi inquinatori) e Rio Mare (depredatore di vita marina per profitto). Imperdonabili WWF e FIAB che si sono resi complici credendo di guadagnare visibilità ed invece invischiandosi nella giusta protesta degli ambientalisti veri.

  3. Avatar Pier Giorgio ha detto:

    Compagno di sventura. Anche io sono un bikeman, nonostante i miei 80 anni, e a Santo Domingo, dove sono anni ke trascorro sei mesi l’hanno sono caduto due volte. la prima con frattura dell anca e 4 mesi di degenza e la seconda con contusione del ginocchio e 15 giorni di degenza. ke dire! Ora sono in Italia precisamente a L’Aquilla e ho ripreso a ciulare con una media di 70-80 km al giorno. Comunque auguri. non so se sei in cura in Italia o a Santo Domingo. il 26 ottobre torno a Santo Domingo. Comunque, auguri!!

  4. Pingback: pepp8

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *