Politiche

Amsterdam diventa una Città a 30 km/h

Un cambiamento significativo è avvenuto nelle strade di Amsterdam: a partire dall’8 dicembre 2023 è una Città a 30 km/h, quando è entrato in vigore il nuovo limite di velocità su circa l’80% delle strade. Questa iniziativa, volta a migliorare la sicurezza stradale e la qualità della vita dei residenti, impone una velocità più moderata – da 50 a 30 km/h – a coloro che percorrono le strade della capitale olandese.

Amsterdam Città 30

Come sottolinea anche l’Amministrazione di Amsterdam sulla sua pagina web istituzionale, adattarsi alla nuova velocità massima richiederà del tempo, specialmente per coloro che sono abituati a percorrere le strade della città ogni giorno. Il motivo di questo cambiamento è legato all’idea di garantire la sicurezza di tutti coloro che condividono lo spazio stradale, a partire dagli utenti più fragili come i pedoni, i ciclisti, i bambini, le persone anziane e/o con disabilità.

Dove e perché la velocità è stata regolamentata a 30 km/h

L’introduzione del limite di velocità di 30 km/h mira a ridurre il traffico e a garantire maggiore sicurezza. La scelta delle strade coinvolte è stata fatta considerando il flusso del traffico, i mezzi pubblici e i servizi di emergenza.

Amsterdam 30 km/h

Vantaggi di una Città 30 km/h

Ci sono numerosi vantaggi legati all’abbassamento del limite di velocità da 50 a 30 km/h. Una velocità massima di 30 km/h significa uno spazio di frenata ridotto a soli 13 metri, meno della metà rispetto a 50 km/h (27 metri). Questa differenza si traduce in una maggiore capacità di reazione a situazioni impreviste. Inoltre, si stima che l’adozione di questo limite comporterà una riduzione significativa, dal 20% al 30%, degli incidenti gravi. La sicurezza dei pedoni è al centro di questa iniziativa, con una probabilità del 95% che sopravvivano a un incidente a 30 km/h. La riduzione del rumore del traffico aggiunge un ulteriore beneficio, trasformando la città in un luogo più tranquillo e gradevole.

Applicazione del limite e regole per i ciclisti

Il nuovo limite di velocità di 30 km/h si applica senza distinzione a tutti i veicoli sulla strada e sulla pista ciclabile, come anche bici, monopattini ed ebike. Chi supera il limite rischia sanzioni pecuniarie e la polizia vigilerà sulle infrazioni. La comunità è incoraggiata a segnalare comportamenti non rispettosi del limite di velocità di 30 km/h. Anche l’impatto sul tempo di viaggio sarà monitorato attentamente dopo l’introduzione del nuovo limite di velocità: gli adattamenti infrastrutturali includono segnalazioni chiare, regolazioni dei semafori e azioni mirate per favorire un flusso del traffico più sicuro e fluido.

Per una città più sicura e sostenibile

Le poche strade che hanno mantenuto la velocità massima di 50 km/h hanno segnaletica aggiuntiva, che evidenzia chiaramente la differenza di velocità consentita. L’obiettivo principale dell’introduzione del limite generalizzato di 30 km/h è di creare uno spazio stradale più sicuro e sostenibile per tutti. Con il supporto dei residenti e la collaborazione continua, Amsterdam si candida a diventare un esempio di città che pone la sicurezza al centro della sua mobilità urbana.

ebook

Ebook Mobilità Ciclistica
Scopri

Commenti

  1. Avatar Sergio ha detto:

    Ah… InVátti… (Detto da un κγκλίστα… / Ciclista… In Greco antico… «Alla milanese…» 😄😄 Che visse, alcuni decenni fa, pVòpVio un «AFSer year» [anno con AFS…] In Noord Holland… A 18 km. dall’argine… «Dam»… Sul “ricavato”… Fiume Amstel…) Le città, in Italia, a 30 km orarî… Sembrano invece… Una… «Tóto TRÚFFA !!..» 😂😂😂

  2. Avatar Marco Musso ha detto:

    ottima iniziativa! ma siamo in un Paese civile e rispettoso delle regole, in Italia la vedo difficile, pensando a Napoli o a Roma (con tutte le auto blu… ) ma anche Milano, il sindaco Sala vuol provarci… bella sfida!!!! l’osservazione relativa ai ritardi causati da tale norma non mi sembra condivisibile: se occorre piu’ tempo si partira’ un po’ prima, inoltre non tutte le strade del comune saranno a 30km/h (vedi Amsterdam).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *