Politiche

Stop al Nuovo Codice della Strage

“Stop al Nuovo Codice della Strage”. Alla vigilia dell’iter di approvazione del ddl di riforma del Codice della Strada, le associazioni per l’ambiente, la sicurezza stradale e la mobilità sostenibile alzano la voce e annunciano mobilitazioni per le giornate dal 9 al 12 marzo, per chiedere di bloccare una riforma che non affronta le cause principali dell’emergenza stradale e che rappresenta un passo indietro per la sicurezza di tutti gli utenti della strada.

Stop al Nuovo Codice della Strage

Domani, venerdì 1 marzo, il nuovo Codice della Strada approda alla Camera, dopo il passaggio in Commissione Trasporti, che ha esaminato quasi 700 emendamenti. In particolare, secondo le associazioni il Codice propone “misure vetrina” e non centra, invece, l’obiettivo di contrastare le principali cause di incidentalità: eccesso di velocità, guida distratta e mancata precedenza ai pedoni sugli attraversamenti.

Stop al Nuovo Codice della Strage

Per questo oggi, 29 febbraio, le associazioni aderenti alla piattaforma #Città30Subito* lanciano “Stop al Nuovo Codice della Strage”, una mobilitazione contro la revisione del Codice della Strada proposta dal MIT a cui si uniscono numerose associazioni e attiviste/i di tutta Italia (adesioni in aggiornamento in calce a questo articolo, ndr). Ecco i punti salienti del comunicato stampa che annuncia la mobilitazione, contestualizzati.

Un quadro preoccupante

“3.159 sono le persone morte in collisioni sulle strade nel 2022, con un aumento del 9% rispetto al 2021 e solo una leggera diminuzione rispetto al 2019. 223.475 sono stati i feriti. Il 73% delle collisioni avviene in ambito urbano. L’assenza di sicurezza stradale è la prima causa di morte per le e i giovani sotto i trent’anni”.

Le associazioni sottolineano come la situazione delle strade italiane sia allarmante: l’aumento dei decessi e dei feriti richiede azioni immediate e mirate per garantire la sicurezza di tutti gli utenti della strada.

Un’anomalia europea

“Una situazione, quella italiana, che è un’anomalia in Europa: se in Gran Bretagna i morti in strada per milione di abitanti sono 26, in Germania 34, in Spagna 36, in Italia siamo a 53 (Fonte: Commissione Europea 2022), dato in crescita rispetto all’anno precedente”.

L’Italia presenta cifre preoccupanti di incidenti stradali rispetto ad altri paesi europei, evidenziando la necessità di interventi mirati e efficaci per invertire questa tendenza.

Sfoglia la gallery

Cause e proposte

“Le principali cause di morte sono (secondo l’Istat) l’eccesso di velocità, la guida distratta e la mancata precedenza ai pedoni sugli attraversamenti”.

Le cause degli incidenti sono ben note, eppure la proposta di revisione del Codice della Strada – come sottolineano le associazioni della piattaforma #Città30Subito promotrici dell’iniziativa – sembra ignorarle, focalizzandosi su misure che non affrontano le radici del problema.

Critiche alla riforma

“La riforma viene proposta ‘per salvare vite in strada’, ma nella sostanza prefigura il persistere della strage. Infatti, limita pesantemente l’autonomia di azione delle amministrazioni comunali, attacca e depotenzia ZTL, aree pedonali, sosta regolamentata, controlli elettronici e mobilità ciclistica”.

La proposta di revisione del Codice della Strada del MIT guidato dal ministro Matteo Salvini sembra ignorare le reali esigenze di sicurezza, concentrando gli sforzi su misure che potrebbero addirittura indebolire ulteriormente la sicurezza stradale.

[➡️ Qui per approfondire le criticità più gravi del disegno di legge C. 1435].

Sfoglia la gallery

Mobilitazioni in tutta Italia: come aderire

“È per fermare questo decreto e ribadire ‘Stop al Nuovo Codice della Strage’ che dal 9 al 12 marzo in tante città italiane, a partire da Bologna, Torino, Milano, Padova, Firenze, Modena, Roma, Napoli, Lecce, Perugia, Varese si svolgeranno manifestazioni organizzate da società civile, attiviste/i e associazioni”.

In risposta a questa proposta, sono state pianificate manifestazioni in diverse città italiane per chiedere un cambiamento significativo nelle politiche stradali. Il coordinamento invita ad aderire organizzando iniziative nella propria città compilando questo form: https://bit.ly/adesione-codicedellastrage

“La richiesta è una: città vivibili e strade sicure, la sicurezza stradale ha un’altra direzione. Serve un approccio scientifico e sistemico: agendo sulla moderazione della velocità, non solo attraverso i limiti ma anche con controlli e ridisegno dello spazio pubblico. Occorre realizzare interventi normativi a favore della mobilità attiva e del potenziamento del trasporto pubblico, e agevolare percorsi verso le città 30, prendendo esempio da Bologna”.

Chiunque sia interessato è invitato a partecipare alle iniziative o organizzarne di proprie, dimostrando così il sostegno alla causa della sicurezza stradale. Per dire “Stop al Nuovo Codice della Strage”.

* La piattaforma #Città30Subito è composta da: Legambiente, FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta, Salvaiciclisti, Kyoto Club, Clean Cities Campaign, ASviS, Amodo, Fondazione Michele Scarponi, Associazione Lorenzo Guarnieri, fondazione Marco Pietrobono, Fondazione Luigi Guccione e Vivinstrada

Aderiscono (elenco in continuo aggiornamento): FIAB – Fiab Fano For BICI – FIAB Roma – BICIPA – FIAB Varese Ciclocittà APS – LeccePedala/Lecce30 – Modena30 – Movimento Diritti dei Pedoni – Napoli Pedala – Quartu in Bici – SALVAICICLISTI

ebook

Ebook Mobilità Ciclistica
Scopri

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *