MENU

In bici lungo le Gole del Nera

Italia, Itinerari, Umbria • di

E’ sabato finalmente e come spesso me ne voglio andare a fare un bella pedalata. Mi alzo presto, dopo una notte di pioggia, il cielo è molto variabile ma non piove. Preparo la bici e tutto il necessario per l’eventuale pioggia e parto.

Mappa

Altimetria


Traccia gps

Come sempre, vivendo nel mio piccolo paese, Sambucetole, frazione nel comune di Amelia, mi dirigo verso un altro paese, Foce, lungo la strada provinciale 38, strada di Castel dell’Aquila direzione Amelia.
Dopo un paio di chilometri, svolto a destra su di una strada bianca, alla prima curva a sinistra, prendo un sentiero proprio sulla destra. Si sale per circa 500m e si arriva presso una strada di cemento. A questo punto svolto a sinistra per giungere ad un bivio incrociando nuovamente la strada provinciale e prendo sempre in direzione Amelia. Appena fatti 500m di asfalto, svolto a sinistra per risalire presso il borgo di Foce, e dopo qualche centinaio di metri di salita asfaltata, giro a sx prendendo per una delle comunità incontro di Don Pierino Gelmini. Da qui sviluppano dei sentieri, passando per un sotto bosco (praticamente andando sempre dritto) e dopo circa 3 chilometri di bosco misto a sterrato, si arriva al parco di San Silvestro di Fornole. Scendo quindi lungo una strada asfaltata per arrivare al paese di Fornole, prendo la strada provinciale amerina in direzione Narni. Arrivo in località San Pellegino ed a destra, dove si trova un bar, prendo una strada sterrata per risalire alla “Madonna del Lecino”.

Si scende di poche decine di metri per giungere in una sorta di piccolo luogo di culto, dove si viene a pregare. Sarà pure il clima autunnale con tutti i suoi colori, ma il luogo dove mi ritrovo è veramente molto suggestivo.

Proseguo lungo la strada inziando a scendere, alcuni tratti molto mossi e tecnici (per i meno preparati si può tranquillamente scedere visto che il tratto è breve). Poi ad un certo punto mi fermo per ammiarare il panorama e la vista di Narni o come, dalle cronache cinematografiche, Narnia, avvolta nella nebbia.

A questo punto proseguo la discesa per giungere presso l’Abbazia di San Cassiano, dove il tempo sembra essersi fermato al medioevo, dandomi una sensazione quasi di trovarmi in un luogo mistico, incantato.

Proseguo la discesa fino a giungere lungo il percorso delle Gole del Nera. Questa era una vecchia ferrovia, convertita poi in percorso trekking e mountain bike, lungo il fiume Nera, semplicissimo da fare in quanto completamente in pianura per una lunghezza di circa 9 chilometri. Mi trovo praticamente nelle valle del nera, sottostante a Narni, le acque del fiume sono particolarmente blu, dovuto ai minerali presenti nel letto del fiume, da qui si può ammirare l’antico paese di Recentino e lungo il percorso non mancano dei punti di sosta e non solo.

Dopo aver percorso in tutta la lunghezza la pista ciclabile, vado in direzione Narni scalo, passando sotto i resti del bellissimo ponte di Augosto (di epoca romana, distrutto durante la guerra).

Mi fermo a fare colazione a Narni Scalo, per poi risalire lungo una strada asfaltata di campagna detta di Morellino, dopo circa 5km di questa strada (praticamente senza passaggi di automobili) ed ammirando paesaggi circostanti, arrivo al paese di Capitone.
A questo punto lungo uno sterrato di circa un km arrivo ad incrociare la strada provinciale 38 e mi dirigo al borgo di Sambucetole.

Conclusioni: percorso di 45 chilometri circa, semplicissimo ed alla portata di tutti. Luoghi molto particolari ed incantevoli, da fare tutto l’anno.
Siti per info turistiche di Narni:
Turismo Narni
Umbria Tourism
Narnia Hiking Ring





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *