Carretera Austral febbraio 2018

27 Ottobre 2017

Sto programmando un viaggio in Cile (e Argentina) per percorrere la Carretera Austral da Puerto Montt a El Calafate (o viceversa). I chilometri saranno circa 1200-1300 in un mese.
Se qualcuno fosse interessato cerco compagni di viaggio.

Commenti

7 Commenti su "Carretera Austral febbraio 2018"

  1. rodolfo ha detto:

    Buongiorno a tutti , a dicembre 2018 vado in Cile per la Caretera ,ho tempo 3 mesi .
    Voi che siete già stati avete qualche consiglio da dare
    grazie

  2. Alessio ha detto:

    Ciao Filippo, come va? Il progetto del viaggio? Ti sarei grato se mi contattassi sulla mia mail per sapere bene gli sviluppi di questo progetto e se posso unirmi.

  3. Alessio ha detto:

    Ciao ho notato che nelle proposte di viaggio già è stata pubblicata una proposta simile.
    Sei la stessa persona?
    Se no, io sono interessato ad un viaggio del genere, mi piace di solito usare il mese di gennaio per staccare e portare la mia bici in giro per il mondo.
    Se posso chiederti qualche info in più te ne sarei grato.
    Grazie mille.

    1. aghty ha detto:

      Ciao, ho notata anch’io la proposta, ma non sono la stessa persona. Per le info puoi leggere le informazioni che ho dato nella risposta precedente. Per il periodo, anche gennaio dovrebbe andare bene per me in caso, non sono unicamente vincolato a febbraio.

  4. marco ha detto:

    Ciao, mi daresti qualche info in piu, quanti anni hai, costi stimati, approvigionamenti vari durante il viaggio (cibo, dormire, etc.)..

    1. aghty ha detto:

      Ciao, io ho 29 anni e mi chiamo Filippo.

      Il costo dei voli aerei dovrebbe essere di massimo 1600 € più trasporto bici (circa 200-300€). Questa è una stima che mi ero fatta fare in agenzia di viaggio, ma dipende ovviamente dalle date precise. Bisognerebbe poi aggiungere un’assicurazione sanitaria (sugli 80 € si trovano). Ci sono anche dei traghetti da prendere durante il tragitto, ma non dovrebbero costare granché (tipo 10-20 € l’uno). Il costo del cibo non lo so sinceramente. Comunque, per fare un confronto, in un mese in bici Islanda avevo speso di vitto e alloggio 1000 €, ed essendo l’Islanda un paese piuttosto costoso mi aspetterei di spendere di meno in Cile.

      Per gli approvigionamenti, bisogna portarsi appresso cibo per al massimo due giorni nella zona meridionale (ci sono diversi paesi e cittadine con supermercati durante il percorso). Prevedo di portarmi un fornelleto (o comprarlo là), non da usarlo per tutti i pasti magari, ma qualche volta sarà necessario o utile. Per quanto riguardi il dormire, prevedevo di dormire principalmente in tenda (ci sono diversi campeggi, che dovrebbero essere economici, tipo 10 € al giorno o nemmeno) o in qualche guesthouse all’occorrenza. Potrebbe esser necessario dormire al di fuori di campeggi o guesthouses solo nei pressi di Rio Bravo (verso sud, vicino a Villa O’Higgins). Ma potrebbe sempre essere necessario in caso di problemi (cattivo tempo che rallenti la marcia per esempio).

      Una cosa un po’ complicata potrebbe essere l’uscita dalla carretera a sud (o l’ingresso se si parte da sud), poiché bisogna attraversare il confine con l’Argentina e servono un paio di giorni (c’è anche un sentiero da fare a piedi). A questo link (verso la fine) c’è una descrizione (è un diario di viaggio): https://carreteraaustral2015.wordpress.com/page/3/

      Per quanto riguarda l’aereo, il viaggio El Calafate-Italia (o viceversa) può risultare lungo quasi 3 giorni, poiché a Buenos Aires bisogna cambiare aeroporto.

      Secondo i miei piani dovrebbe esser possibile percorrere la carretera in una quindicina di tappe. Ad esse vanno poi aggiunti 2 o 3 giorni per l’attraversamento del confine con l’Argentina e qualche giorno di riposo, visite a qualche sito interessante, o di sicurezza se ci fossero problemi (meteo troppo brutto per pedalare o rotture bici o cose del genere).

    2. jefferson ha detto:

      Buongiorno, ognuno, attraverserò la strada australiana nel 2018, probabilmente nel marzo 2018, perché gennaio e febbraio sono molto affollati, è difficile ottenere alloggio e è difficile liberare le zattere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi il meglio della settimana via mail.

Iscriviti