MENU

La Boemia in Bicicletta: Da Lipno a Cesky Krumlov

Boemia Meridionale, Itinerari, News, Repubblica Ceca • di

Lipno è il punto di partenza di questo itinerario che ci porterà dopo 45 km nel paese di Cesky Krumlov. L’intero percorso è ben segnalato dai tipici cartelli gialli posti ad ogni incrocio o deviazione che sono molto efficenti e non lasciano dubbi sulla direzione da prendere, il che rende agevole pedalare da queste parti anche se non siete avvezzi ai navigatori.


Boemia Meridionale in Bicicletta

Il lago artificiale di Lipno è il più grande della Repubblica Ceca ed è il luogo ideale per gli amanti dello sport e della vita all’aria aperta. Quest’enorme bacino è inserito nella meravigliosa natura della Selva Boema ed offre la possibilità di sciare in inverno e di fare il bagno in estate, le proposte e le attrazioni non mancano, dal windsurf alla vela, dal trekking al ciclismo, dai monopattini elettrici ai rollerblades quest’area rappresenta da Maggio a Ottobre una meta importante per il turismo.
MAPPA

Scarica Traccia GPS

I percorsi ciclabili lungo il lago sono innumerevoli, ma quello che abbiamo scelto prima di dirigerci verso Cesky Krumlov parte dal piccolo centro di Lipno e circumnaviga il lago su una strada molto suggestiva, pianeggiante e tutta asfaltata lunga 20km.

Ebook "Repubblica Ceca: il Sud in Bici"

Scarica Gratis

Il tracciato è adatto a tutti i tipi di ciclisti e di tutte le età inoltre sul percorso si incontrano diversi punti di ristoro dove poter mangiare o bere una birra affacciati sul bel paesaggio che il lago offre.

Per chi non teme le salite c’è l’opportunità di fare una deviazione per visitare il castello di Vitkov (Vítkův Hrádek), il più elevato di tutta la Repubblica Ceca. Dall’alto dei suoi 1.050 metri domina i bei panorami circostanti tanto da diventare negli anni un romantico luogo di ispirazione per pittori e scrittori.

Per maggiori informazioni su Lipno clicca qui.

Da Lipno a Cesky Krumlov

MAPPA

Scarica Traccia GPS


La strada che dalle sponde del lago ci porterà a Cesky Krumlov inizialmente presenta alcuni tratti sterrati ma ben battuti e facili da percorrere mentre la maggior parte del percorso è comunque asfaltato e senza pendenze di rilievo.

Dopo pochi chilometri, all’entrata della regione denominata Foresta Boema, sulla riva destra del fiume Moldava in un romantico paesaggio ricco di boschi e prati, si estende la cittadina di Vyšší Brod dove si possono visitare il castello ed il Monastero, quest’ultimo venne fondato nel 1259 da parte della famiglia dei Rosemberg (Rožmberk). Leggenda vuole che il monastero venne edificato per gratitudine, in seguito al miracoloso salvataggio dalle acque tumultuose del fiume Moldava di un membro della famiglia che, nel momento in cui stava per annegare, chiese aiuto alla Vergine Maria.

Il resto del percorso, di 30 km ci porterà a Cesky Krumlov, la perla della Boemia divenuta patrimonio UNESCO nel 1992. Il periodo di massimo splendore di questa pittoresca città è legato alla signoria dei Rožmberk (1302 – 1602). La sua felice posizione portò in quel periodo a innumerevoli contatti sia con le province vicine che con il mondo austriaco e bavarese, inoltre con l’Italia settentrionale. che ebbe influenza anche sull’architettura della città e del castello che presenta forti richiami al Rinascimento italiano.

L’unico inconveniente che bisognerebbe riuscire ad evitare sono i densi flussi di turisti che affollano le strette vie del centro durante il giorno catapultati da Praga in bus per una visita mordi e fuggi.

Per vivere al meglio Cesky Krumlov è fondamentale cominciare l’escursione al mattino presto quando è semi-deserta e gran parte dei visitatori, che da lì a poche ore affollerà le vie del centro, è ancora in partenza dalla capitale.

L’atmosfera durante le prime luci del mattino è a dir poco suggestiva, vi sembrerà di essere stati catapultati in un’altra epoca dove convivono armoniosamente gli stili gotico, rinascimentale e barocco. Splendidamente collocato su una ansa naturale della Moldava, ricco di guglie, torri e colori, risulta una cartolina vivente, versione mitteleuropea dei più bei borghi Italiani.

Il momento migliore per arrivarci è nel tardo pomeriggio e, se c’è la possibilità, pernottate almeno una notte in centro così avrete la possibilità di vivere la magia ed il romanticismo dei suoi vicoli con le luci della sera e di approfittare di uno dei tanti ristoranti con i loro piatti tipici.

Ma Český Krumlov non è solo una città in cui si respira la sua lunga storia, vi si svolge infatti anche una ricca vita culturale, uno su tutti è certamente l‘Egon Schiele Art Centrum che rappresenta una galleria di valore mondiale dove vengono organizzate inoltre diverse mostre sull’arte figurativa classica e contemporanea. L’offerta culturale della città si deve anche all‘International Art Gallery, ad altri sette musei e a quattro gallerie, ai numerosi negozietti di articoli artigianali, a quattro festival musicali, a un festival teatrale e a un uditorio girevole.

Per maggiori informazioni su Cesky Krumlov clicca qui.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *