Bici

Le 5 cose da fare in caso di incidente in bicicletta

Come sappiamo bene noi che pedaliamo tutti i giorni bisogna mettere in conto che un incidente in bicicletta è un imprevisto che può capitare. Per questo è bene non farsi trovare impreparati in caso di investimento da parte di un automobilista. E sapere con esattezza quali sono le cose da fare subito dopo un incidente in bicicletta, nei limiti delle condizioni fisiche in cui ci si ritrova.

I 5 consigli da seguire in caso di incidente in bicicletta

Dunque quali sono le cose da fare dopo un incidente in bicicletta? Abbiamo stilato una lista di 5 consigli da seguire in base all’esperienza di professionisti che si occupano nello specifico di incidentalità stradale, assicurazioni e rimborsi. Un utile vademecum per tutelarsi e non lasciare nulla d’intentato, evitando di adottare comportamenti sbagliati nei momenti immediatamente successivi all’incidente. Mosse avventate che potrebbero compromettere la corretta diagnosi dell’accaduto e il giusto risarcimento del danno subito.

Nei limiti del possibile è opportuno rimanere lucidi e concentrati sulle cose da fare per ricostruire l’esatta dinamica dell’impatto e verificare subito le condizioni fisiche dopo l’investimento. Dopo un incidente è facile che la mente sia annebbiata, per questo è bene conoscere prima quali sono le mosse da fare.

Cosa fare in caso di incidente in bicicletta

1. Documentare l’incidente con foto e video

Scattare foto e realizzare video per documentare l’incidente: si tratta di un primo passo fondamentale per avere materiale utile a ricostruire l’esatta dinamica dell’investimento. Fare un’istantanea della situazione post-incidente con la posizione della bicicletta e degli altri veicoli coinvolti è importante prima di rimuoverli dalla sede stradale, eventualmente aspettando l’arrivo delle Forze dell’Ordine (se chiamate a intervenire). In particolare vanno fatte foto che documentino più dettagli e informazioni possibili. Lo stesso vale per i video che possono anche documentare le condizioni della strada. In questa fase è possibile filmare anche le dichiarazioni di eventuali testimoni oculari del fatto.

2. Ricercare testimoni

Se ci sono persone che hanno assistito all’incidente è possibile chiedere una loro testimonianza raccogliendola in un video. E naturalmente farsi lasciare le loro generalità (facendo la foto a un documento di identità). Chiaramente si tratta di dati sensibili che per la privacy non vanno divulgati né a terzi né sui social. Ma potranno essere utili per ricostruire la dinamica dei fatti.

3. Chiamare l’ambulanza

Uno degli errori più comuni, soprattutto in caso di collisioni e danni di lieve entità, è di pensare di non aver subito alcun danno fisico in seguito all’incidente, salvo poi accorgersi dopo qualche ore o dopo qualche giorno che i danni ci sono stati, eccome. Quindi per evitare brutte sorprese è sempre meglio far passare qualche minuto per riprendere lucidità dopo l’incidente e al minimo dubbio sulle proprie effettive condizioni di salute chiamare l’ambulanza e farsi fare un verbale d’intervento e poi il referto al pronto soccorso: ulteriore documentazione utile da allegare al fascicolo.

4. Fare la Constatazione Amichevole

Se c’è la possibilità di compilare il modulo della Constatazione Amichevole – che ogni automobilista dovrebbe tenere a portata di mano dentro il cruscotto – è bene farlo senza omettere alcun particolare e ricostruendo fedelmente la dinamica del fatto. Se per qualsiasi motivo non ci sono le necessarie condizioni di serenità/lucidità da parte delle persone coinvolte è opportuno e quantomai necessario chiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine che effettueranno i rilievi del caso.

5. Telefonare al proprio legale di fiducia

In caso di necessità è opportuno chiamare il proprio legale di fiducia, che sarà informato dell’accaduto e potrà attivarsi tempestivamente per dare consigli su come agire in determinate circostanze, oltreché occuparsi di gestire le pratiche relative all’incidente.

Quindi, ricapitolando: fare foto e video di tutto, cercare testimoni dell’incidente; chiamare l’ambulanza per verificare le proprie condizioni di salute; fare la Constatazione Amichevole ricostruendo la dinamica del fatto (o in caso non fosse possibile rivolgersi alle Forze dell’Ordine); e, infine, telefonare al proprio legale per avere un’assistenza qualificata e sbrigare le pratiche burocratiche relative all’incidente.

Sono questi i 5 consigli da seguire in caso di incidente in bicicletta.

Meccanica di Emergenza per Biciclette

Corso Online

Scopri di più

Commenti

  1. Avatar Marco Claudio ha detto:

    Ho avuto un incidente il 03 aprile, 15.40 pm circa mentre ero in bici, sono stato investito da un camion a rimorchio per trasporto cavalli, durente la fase di sorpasso del camion il conducente stesso e rientrato troppo presto il sorpasso toccando la mia spalla sx e causando la caduta.
    La bici è volato via per circa 15 metri
    Il mio cellulare è volato via qualche metro, io mi sono fatto male, il conducente accorgendosi si è fermata circa 20 metri più avanti.
    Per la mia fortuna avevo due testimoni che erano in macchina dietro di me quando è successo hanno assistito al urto violento.
    Successivamente non ho potuto effettuare foto e video perché per 10 minuti circa il mio cellulare non funzionavo, ho chiesto al autista del camion di chiamare i soccorsi e l ambulanza, dopo di che i stessi testimoni hanno scritto su un foglio la targa del mezzo e del rimorchio e il cellulare loro è quello del autista.
    Poi mi hanno portato al PS di Pontedera Pisa dove mi hanno scontrato due costole inclinate
    Poi mia moglie è venuto per caricare la mia bici.
    Più tardi dal ospedale ho chiamato il mio avvocato di fiducia e la mia assicurazione sul infortunio.
    La Domanda mia era il seguente
    A CHI SPETTA IL RECUPERO DELLA BICICLETTA INCIDENTATA?

  2. Avatar Marco ha detto:

    Non mi pare che l’articolo specifichi di chi sia la colpa. E’ ovvio che la colpa può essere anche del ciclista ma in ogni caso in un incidente tra una macchina ed un ciclista quello che più rischia di farsi male è quest’ultimo. Tutti i consigli dati valgono anche nel caso in cui la colpa sia del ciclista. Non è che se il ciclista ha torto lo si può lasciare in mezzo alla strada…

  3. Avatar Giuseppe ha detto:

    Ma se ha torto il ciclista che non si è fermato ad un dare precedenza e si è buttato sopra la macchina allora come funziona? Non è affatto detto che i ciclisti abbiate sempre
    Ragione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *