MENU
viaggi girolibero

Montare una serie sterzo filettata

Bikelife, Meccanica, Serie sterzo • di

Sterzo_1
Parlando di biciclette vintage, non possiamo non trattare le serie sterzo filettate, lo standard che per decenni ha impegnato meccanici e ciclisti. Pur trattandosi di una tecnologia superata, ormai soppiantata dalle serie sterzo ahead, la ritroviamo comunque sulle city bike, sulle bici di primo prezzo o su alcuni tipi di bici da donna, per cui non fa male a nessuno sapere com’è fatta, come si rimuove dal telaio e come si monta correttamente questo tipo di serie sterzo.

Anatomia di una serie sterzo filettata

Sterzo_2
Compito di una serie sterzo filettata è consentire il movimento fluido e senza giochi dello sterzo. Si compone di:
• Controdado superiore: che blocca in posizione il dado e ne evita l’allentamento accidentale;
• Rondella di sicurezza: crea una superficie di appoggio dei due dadi e aumenta il serraggio ed evita l’allentamento;
• Dado superiore: chiude la pista superiore ed è l’elemento che consente la regolazione effettiva dello sterzo;
• Sfere: possono essere libere o ingabbiate e consentono il movimento dello sterzo;
• Pista di scorrimento superiore; l’elemento su cui lavorano le sfere e che viene inserita a pressione nel telaio;
• Pista di scorrimento inferiore: anch’essa inserita a pressione nel canotto di sterzo, lavora sulle sfere inferiori;
• Sfere: una seconda serie di sfere lavora sulla pista inferiore, per aumentare la scorrevolezza dello sterzo;
• Guarnizioni: presenti solo su serie sterzo di qualità, offrono una tenuta all’acqua e al dilavamento del grasso, aumentando la vita utile delle sfere;
• Pista di scorrimento della forcella: inserita a pressione nel tubo forcella, va in battuta contro la pista inferiore e chiude il sistema;

Sterzo_3
Una serie sterzo ha solitamente bisogno di una revisione periodica, che può essere fatta una volta o più nel corso dell’anno in base alla frequenza e alle condizioni d’uso ma esistono casi in cui si deve prevederne la sostituzione completa, per varie ragioni, che sono le seguenti:

Riverniciatura telaio: se dovessimo portare il telaio in verniciatura per effettuare un cambio di colorazione o un restauro completo, dovremmo rimuovere la serie sterzo (comprese le piste) e rimontarla sul telaio rifinito;
Upgrade tecnico: a volte si possono effettuare degli upgrade tecnici anche sulle biciclette vintage, magari per portare allo stesso livello tutti i componenti. Nel caso delle foto, io sono passato da un gruppo Shimano 600 a un Dura Ace del medesimo anno;
Piste di scorrimento rovinate: con il tempo le sfere tendono a lasciare un’impronta sulle piste di scorrimento, che risultano “bugnate” e piene di ricalchi. Se dopo aver revisionato la serie sterzo il problema di scorrevolezza persiste, conviene infatti smontare nuovamente il tutto e controllare la superficie interna delle piste con una penna a sfera. Si fa passare la punta sulla pista e ci si accerta che non ci siano irregolarità nella superficie. In caso di una pista rovinata, è bene mettere in conto di sostituire l’intera serie sterzo;

Montare una serie sterzo: tempistiche, difficoltà e attrezzatura

Per montare una serie sterzo filettata serve almeno una mezzora di lavoro, tenendo conto dello smontaggio della vecchia e l’installazione di quella nuova, senza considerare la regolazione, che puà impegnare per parecchio tempo soprattutto le prime volte. Dovendo fare attenzione alla planarità delle piste, al loro corretto montaggio e alla successiva regolazione, oltre al fatto di dover usare parecchi utensili, si può dire che si tratti di un’operazione di media difficoltà, che però può essere effettuata tranquillamente in autonomia. L’attrezzatura necessaria è la seguente:
Sterzo_4

• Chiave a brugola da 6mm: per rimuovere la vite di fissaggio della pipa;
• Martello di gomma: per estrarre l’espansore nella pipa;
• Chiave per serie sterzo: per agire sul dado superiore;
• Chiave inglese da 32mm: per agire sul controdado;
• Martello in acciaio: per rimuovere le vecchie piste;
• Estrattore: esistono utensili appositi ma va bene anche un tubo in acciaio di dimensioni adeguate, serve per estrarre le vecchie piste;
• Pressa manuale: per inserire a pressione le nuove piste all’interno del canotto di sterzo. Si possono acquistare quelle proposte dalle ditte produttrici di attrezzi per bicicletta ma basta un tornio e una barra filettata per costruirne una come ho fatto io, con poca spesa e tanta resa;
• Tubo da 1-1/4″: per inserire a pressione la pista di scorrimento sul tubo forcella. Esistono di commercio utensili appositi ma il costo è parecchio elevato;
• Grasso bianco antigrippante: per montare le piste sul telaio:
• Grasso al litio: per affogare le sfere nelle piste;
• Sgrassatore per bicicletta e straccio: per la pulizia;

Montaggio di una serie sterzo filettata passo-passo

Step 1: Rimuovere la pipa

Sterzo_5
Con la chiave a brugola da 6mm agite sulla vite della pipa e allentatela completamente. Prendete poi il martello di gomma e assestate un colpo deciso sulla testa, affinché spinga fuori l’espansore che mantiene saldo il manubrio.
Sterzo_6
Una volta estratto l’espansore, estraete la pipa dal tubo forcella, liberando così la serie sterzo.
Sterzo_6a

Step 2: Rimuovere il controdado

Sterzo_7
Con la chiave da 32mm agiamo sul controdado superiore, tenendo ferma la forcella con l’altra mano, in modo da svitarlo e rimuoverlo, insieme con la rondella di sicurezza;

Step 3: Rimuovere il dado superiore e la forcella

Sterzo_8
Rimuoviamo ora a mano il dado superiore, svitandolo dal tubo forcella.

Sterzo_8a
Ricordiamoci di tenere ben salda la forcella con la mano poiché dopo aver svitato il dado non ha più nessun supporto e potrebbe cadere per terra.
Sterzo_8b
Estriamo la forcella dal canotto e liberiamo le sfere dalle piste;

Step 4: Estrarre le piste

Sterzo_9
Prendiamo il tubo estrattore e il martello in acciaio. Inseriamo il tubo dall’alto e facciamolo combaciare con la parte interna della pista di scorrimento e cominciamo a battere con il martello. Fate attenzione perché una volta liberata la pista potrebbe schizzare per terra, colpendovi.
Sterzo_10
Sterzo_11
Ripetiamo l’operazione con la pista superiore, sempre facendo attenzione a non spararcela in faccia accidentalmente.


Ti potrebbero interessare anche i nostri Corsi Bikeitalia di Meccanica Ciclistica: clicca qui!


Step 5: Pulizia e controllo

Sterzo_12
Spruzzate un velo abbondante di sgrassatore per bicicletta e rimuovete tutto lo sporco, il grasso e l’eventuale ossido presente nel tubo di sterzo. Una volta pulito il tutto, controllate lo stato delle estremità del canotto: devono essere lisce e parallele, senza graffi, bozzi o difetti di planarità. Se il tubo sterzo presenta qualche difetto, portate il telaio dal vostro meccanico di fiducia per fargli fresare le facce, poiché è importante che le piste siano parallele tra loro e questo aspetto è influenzato sia dal corretto montaggio che dalla perfetta planarità del tubo.

Step 6: Montare le nuove piste

Sterzo_13
Per prima cosa cospargete la parte delle piste che andrà inserita nel telaio (è quella con il diametro più piccolo) con un velo di grasso bianco antigrippaggio. Questa tecnica aumenterà la scorrevolezza delle piste diminuendo la forza da impiegare per inserirle ed eviterà che ossidino sul tubo, rendendo difficoltoso un futuro montaggio.
Sterzo_14
Sterzo_15
Inserite ora la pista superiore all’interno del tubo di sterzo e posizionate la dima della pressa all’interno della pista.
Sterzo_16
Ripetete l’operazione con la pista inferiore, inserendo l’intera pressa e collegando così le due dime.
Sterzo_17
Sterzo_18
Iniziate a far ruotare le leve della pressa, per avvicinare le due dime e quindi inserire a pressione le piste sul telaio. Controllate sempre che le piste entrino parallele tra loro.
Sterzo_19
Una volta completato il serraggio, prima di smontare la pressa, controllate che non vi sia aria tra la pista e il tubo e che quindi le piste siano state completamente inserite nel canotto. Se vi fosse dell’aria o della luce, continuate con il serraggio, fino a mandare completamente in battura le piste
Sterzo_20
Pulite poi il grasso in eccedenza con sgrassatore per bicicletta e straccio;

Step 7: Montare la pista sulla forcella

Sterzo_21
Rimuovete la vecchia pista di scorrimento sulla testa della forcella. Per farlo si possono usare degli attrezzi appositi, che però non ha senso acquistare per una volta soltanto. E’ più pratico invece usare un cacciavite avvolto in un panno e battere delicatamente (per non rigare il tubo forcella) in più punti, fino a liberare la pista.
Sterzo_22
Pulite il tutto con sgrassatore e infilate la nuova pista, facendo attenzione a non sbagliare il verso, ovvero tenendo la parte che si accoppia alle sfere verso l’alto. Prendete il tubo, calzatelo sul tubo forcella e date un colpo secco. Se la pista non entra, mettere la forcella in piedi, facendola poggiare su un piano di legno (per non rovinare i forcellini) e date un colpo con il martello in acciaio;

Step 8: Inserire le sfere

Sterzo_23
Riempite di grasso al litio le piste di scorrimento inferiore e quella del dado superiore, dopodiché immergete le sfere. Nel caso delle gabbiette fate attenzione al verso di montaggio, poiché in teoria le sfere dovrebbero lavorare sulle piste, quindi in sostanza “guardarsi tra loro”, con le sfere superiori rivolte verso il basso e quelle inferiori verso l’alto.
Sterzo_24
Esistono però delle eccezioni, come la serie sterzo delle foto, dove entrambe le sfere devono guardare verso il basso. Se non siete sicuri del verso di montaggio, effettuate un assemblaggio a secco delle gabbiette, inserite la forcella e provate a far ruotare: a volte sbagliando il verso delle gabbiette non si riesce nemmeno a far combaciare la pista inferiore e quella della forcella.
Sterzo_25
Una volta inserite le sfere, date un altro strato di grasso per proteggerle dall’ossidazione;

Step 9: Montare la forcella

Sterzo_26
Inserite ora la forcella all’interno del canotto di sterzo, tenendola sempre in mano poiché non ha alcun supporto.

Step 10: Avvitare il dado superiore

Sterzo_27
Calzate il dado superiore sulla testa della forcella e avvitatelo al filetto, fino a mandarlo in battuta contro la pista superiore, evitando di serrare troppo. Infatti bisogna avvitare il dado fino a quando la forcella ruota liberamente ma non ha giochi trasversali.

Step 11: Inserire la rondella di sicurezza e avvitare il controdado

Sterzo_28
Inserite la rondella di sicurezza, facendo combaciare il dente interno con la fresata presente sul tubo forcella.
Sterzo_29
Dopodiché avvitate il controdado fino a mandarlo in battuta a mano.

Step 12: Bloccare il controdado

Sterzo_30
Tenendo fermo il dado con la chiave per serie sterzo, agite sul controdado con la chiave inglese da 32mm, bloccandolo con forza affinché non si sviti. Se non siete sicuri della regolazione, attendete a effettuare questa operazione, che potete rimandare a quando avrete completamente montato il tutto.

Step 13: Montare pipa e manubrio

Sterzo_31
Avvitate l’espansore sulla vite della pipa, fino a che la vite stessa non diventa dura da girare a mano. Dopodiché inserite la pipa all’interno del tubo forcella controllando l’altezza esatta del vostro attacco e serrate.
Sterzo_32
Se preferite, potete serrare leggermente e poi effettuare il controllo dell’altezza e del parallelismo della pipa con la ruota dopo aver completato il montaggio e la regolazione.

Step 14: Regolare la serie sterzo

Seguite le indicazioni descritte in questo articolo per effettuare una regolazione corretta della serie sterzo e dell’attacco manubrio.

Concludendo

Abbiamo completato la sostituzione e il montaggio di una serie sterzo filettata. Rispetto ai moderni standard ahead è sicuramente più complicata e “pugnettosa”, poiché richiede più attrezzi e la malizia di capire quando lo sterzo è regolato bene. Eppure, se vogliamo considerarci dei veri meccanici di biciclette, non possiamo esimerci dal conoscere questa tecnologia e le sue procedure. Cosa che, purtroppo, non tutti i meccanici professionisti che ho conosciuto sapevano fare.

2. Come montare serie sterzo e attacco manubrio

19. Come regolare la serie sterzo





8 Risposte a Montare una serie sterzo filettata

  1. Andrea ha detto:

    Ciao e complimenti per il blog. Davvero bravi.
    Come hai costruito la pressa?
    Perché alla fine di ign articolo non metti l’icona della stampante così da poter stampare quello che interessa?
    Grazie e complimenti ancora.

    • Omar Gatti ha detto:

      Ciao Andrea,
      grazie mille! La pressa l’ho realizzata al tornio. Ho preso le misure di varie serie sterzo e poi ho disegnato le presse idonee e le ho tornite prendendo dei pezzi in ottone.
      Per stampare, puoi copiare l’articolo su word e stamparlo, oppure stampare in pdf direttamente dalla pagina internet!

      Buone pedalate!

      Omar

      Ps: una doverosa precisazione, siamo una testata giornalistica, non un blog! ;-)

  2. Emanuele ha detto:

    Ciao Omar,
    leggendo bikeitalia mi è venuta voglia di smanettare un po’ sulle bici di famiglia… :)

    Ora sono alle prese con una bici alla quale vorrei sostituire la forcella, togliendo quella ammortizzata (per modo di dire…) e montandone una rigida.

    E’ una forcella filettata, la serie sterzo superiore riporta “22.2” immagino sia il diam. della pipa. Il tubo forcella dovrebbe essere 1″ (25.4mm), dico bene?

    Per comprare la nuova forcella, quale misura devo prendere? vorrei comprare la nuova forcella prima di smontare la vecchia, poichè è una bici che uso quasi quotidianamente.

    La “pista di scorrimento” da montare a pressione sulla nuova forcella, devo comprarla nuova? oppure posso sfilare quella delle vecchia forcella e riutilizzarla?

    Grazie e ancora complimenti

    • Omar Gatti ha detto:

      Ciao Emanuele,
      la nuova forcella deve avere il diametro da 24,5mm, cioè essere da 1″. Dopodiché devi misurare la lunghezza del tubo forcella dalla testa della forcella alla sommità e acquistare una forcella con la stessa lunghezza. Altrimenti puoi acquistare una forcella con tubo più lungo, ma dovrai tagliarlo a misura e poi filettarlo (ti conviene portarlo da un meccanico attrezzato). Inoltre devi essere sicuro che la forcella abbia la stessa spaziatura per alloggiare il mozzo (solitamente 100mm) e il medesimo avancorsa, che però è un po’ pugnettoso da misurare. Comunque penso che la bici che stai sistemando sia una vecchia mtb, per cui una forcella da 1″ sia adatta alla sostituzione.

      Per la pista di scorrimento, puoi scalzare quella vecchia con un cacciavite a taglio, usandolo come uno scalpello. Dovrai picchiare il cacciavite con il martello fino a fare leva sotto la pista e così scalzarla. Poi dovrai rimontarla su quella nuova. Se però la pista è molto rovinata o presenta solchi o bugnature, meglio sostituirla in toto.

      Buone pedalate!

      Omar

      • Emanuele ha detto:

        Grazie per la risposta,
        la bici è una “ibrida” che uso con molta soddisfazione, solo non sopporto quella inutile forcella ammortizzata.

        Ho individuato una forcella con “albero” da 185mm e filettatura per 70mm… credo dovrò tagliare un po’, ma avanzerà sicuramente filettatura sufficiente.

        Buone pedalate anche a te!

  3. Eduard ha detto:

    Ciao omar vorrei sapere se ce la possibilita di cambiare la mia vecchia serie sterzo a filetto di un ahead.. Se e possibile cosa devo fare? Ti dico subito che il canotto della mia forcella e lungo.. Ho la forcella di 1 pollice (22.2).. Fammi sapere se e possbile e cosa devo fare.. Grazie mille

    • Omar Gatti ha detto:

      Ciao Eduard,
      tutto è possibile nella vita ma questa la vedo dura. Per riuscire nel tuo intento dovresti cambiare la forcella, passando da quella attuale (con tubo filettato) a una con tubo liscio e più sporgente. Il costo, come puoi immaginare, è alto ed è difficile trovare una forcella ahead da 1 “.

      A meno che la tua non sia una necessità impellente e la bici abbia un valore tale da giustificare la spesa, la mia opinione spassionata è di lasciare tutto com’è

      Buone pedalate!

      Omar

  4. Michele ha detto:

    Buongiorno Omar, io ho una trekking bike con telaio in alluminio da supermercato, che piano piano ho trasformato aggiungendo componenti di qualita. Guarnitura XT , movimento centrale nuove ruote con cassetta..etc..e devo dire che fila veloce come un razzo in paragone a prima.Ho la forcella ammortizzata e vorrei cambairla con una rigida in alluminio.
    Siccome ho la serie sterzo filettata e´possibile fare un upgrade alla serie ahead? Oppure il telaio e´un vincolo? Naturalmente cambierei anche la forcella e tutto il resto…
    Grazie mille in anticipo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *