Bikenomics

Perché le amministrazioni pubbliche dovrebbero installare colonnine di riparazione bici e ricarica ebike?

Perché le amministrazioni pubbliche dovrebbero installare colonnine di riparazione bici e ricarica ebike?

Per promuovere uno stile di vita sano e sostenibile le amministrazioni pubbliche stanno riconoscendo sempre più l’importanza alla vivibilità dello spazio urbano. Uno dei mezzi per fruirne a tutto tondo è la bicicletta: le due ruote sono ecologiche e silenziose, consentono di spostarsi con facilità evitando lo stress del traffico e rappresentano un modo per ottimizzare gli spostamenti facendo anche attività fisica moderata. Per rendere un territorio più accogliente per chi pedala le infrastrutture e i servizi per le biciclette favoriscono gli spostamenti a pedali non inquinanti in città, così come la fruizione delle bellezze naturali rurali a basso impatto.

Clorofilla colonnine di riparazione bici e ricarica ebike a Caramanico Terme (Ciclovia dell'Appennino)

Lo spazio pubblico può essere reso più bike friendly attraverso alcuni accorgimenti: grazie, ad esempio, alla presenza di piccoli kit di riparazione gratuita per gli inconvenienti meccanici, un punto per ricaricare l’ebike e, magari, una panchina per sostare nell’attesa. Da installare anche nei centri storici o nei punti di passaggio dei ciclisti per creare aree di sosta e relax in un contesto accogliente: non solo – e non necessariamente – lungo una ciclabile urbana o una ciclovia turistica.

Insomma: colonnine di riparazione bici e ricarica ebike sono un bel biglietto da visita per l’amministrazione pubblica che decide di installarle. Un investimento che può rivelarsi una mossa strategica per valorizzare lo spazio pubblico e gli itinerari ciclabili, offrendo un servizio di qualità ai ciclisti di passaggio, facendoli sentire più accolti e sicuri, consentendo loro di stare più tranquilli e godersi al meglio l’esperienza in sella.

Sostenere l’autonomia dei ciclisti

Le colonnine di riparazione bici e ricarica ebike rappresentano un valore aggiunto per i ciclisti, consentendo loro di effettuare piccole riparazioni in autonomia durante il percorso. Questa possibilità di intervento immediato aumenta la sicurezza e il comfort per chiunque decida di esplorare i percorsi ciclabili, incoraggiando la scelta della bicicletta come mezzo di trasporto.

La ricarica ebike come incentivo alla mobilità elettrica

Con l’aumentare della popolarità delle ebike, le colonnine di ricarica rappresentano un servizio utilissimo per chi utilizza questo mezzo di trasporto. Consentire la ricarica delle batterie su un territorio non solo promuove la mobilità elettrica, ma rende anche gli itinerari ciclabili più accessibili per tutti e appetibili per chi possiede bici a pedalata assistita.

Promuovere la ciclabilità del territorio

Perché installare colonnine di riparazione bici e ricarica ebike? Non è solo un servizio pratico per i ciclisti, ma anche un’azione tangibile per promuovere la ciclabilità del territorio. Queste infrastrutture comunicano l’impegno delle amministrazioni nella creazione di un ambiente favorevole alla mobilità sostenibile, incoraggiando più persone ad adottare la bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano.

Accoglienza e promozione turistica

Le colonnine di riparazione e ricarica non sono solo strumenti pratici ma fungono anche da segnali tangibili di accoglienza per i cicloturisti che attraversano il territorio. Questi servizi contribuiscono a far sentire i ciclisti “accolti”, aumentando la soddisfazione complessiva dell’esperienza di viaggio. Inoltre, la presenza di queste infrastrutture può essere valorizzata attraverso campagne di promozione turistica, attirando più cicloturisti e aumentando la visibilità del territorio.

Un esempio concreto: la Ciclovia dell’Appennino

Ci sono itinerari cicloturistici in Italia in cui già è possibile vedere il risultato dell’installazione di colonnine di riparazione bici e ricarica ebike, come ad esempio la Ciclovia dell’Appennino che attraversa tutto lo Stivale da Nord a Sud. Il main sponsor dell’infrastruttura ciclabile, Misura, ha finanziato direttamente l’acquisto delle colonnine a marchio Clorofilla realizzate ad hoc: in questo caso usufruendo della colorazione personalizzata, opzione disponibile per progetti strutturati e con un ordine minimo di pezzi.

Clorofilla colonnine di riparazione bici e ricarica ebike con sedute area sosta a Gubbio

Il posizionamento e localizzazione lungo gli itinerari ciclabili

L’installazione in luoghi strategici per migliorare la fruizione da parte dei ciclisti di passaggio è un altro aspetto da considerare. Inoltre, per minimizzare l’impatto visivo rispettando al massimo il verde e il paesaggio esiste l’apposita linea Savana con prodotti che si mimetizzano perfettamente con i colori della natura. Al momento, in tutta Europa, sono presenti circa 600 punti di assistenza Clorofilla e tutte le colonnine disponibili possono essere localizzate attraverso l’app komoot, che viene utilizzata da oltre 35 milioni di utenti in tutto il mondo.

Altri progetti in corso, dalla Calabria al Piemonte

La Ciclovia dei Parchi della Calabria e la rete cicloturistica “In Bici a Pelo d’Acqua” in Piemonte hanno scelto Clorofilla per installare colonnine di riparazione e ricarica per biciclette elettriche nel 2024. La Regione Calabria equipaggerà i suoi 545 km della sua Ciclovia con 20 colonnine Clorofilla Power personalizzate. Analogamente, la rete piemontese “In Bici a Pelo d’Acqua” installerà 27 colonnine Clorofilla Basic e Trail lungo i 270 km dei suoi itinerari che collegano Italia e Svizzera. Queste scelte premiano l’impegno di Clorofilla nel promuovere infrastrutture cicloturistiche sostenibili, contribuendo al rinnovamento e alla crescita dei territori in modo distintivo.

Cicloturismo: un’opportunità di sviluppo sostenibile

Il cicloturismo, visto come opportunità di sviluppo nel rispetto dell’ambiente, offre un’autentica connessione con la natura e un modo per preservare la bellezza dei territori. Dunque investire nelle colonnine di riparazione bici e ricarica ebike è un ottimo modo per le amministrazioni pubbliche che desiderano valorizzare il loro territorio, lo spazio urbano così come i percorsi ciclabili e cicloturistici. Questi prodotti non solo migliorano l’esperienza dei ciclisti, ma contribuiscono anche a promuovere uno stile di vita sano, sostenibile e a posizionare il territorio come destinazione ciclabile accogliente e all’avanguardia.

[Contenuto realizzato in collaborazione con Clorofilla]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *