MENU

Percorsi ciclopedonali: cosa sono e perché dovremmo smettere di realizzarli

Bikelife, Mobilità ciclistica, News, Urban • di

Quando si parla di piste ciclabili tendenzialmente non si fa una grande differenza tra le diverse tipologie di percorsi, creando spesso confusione tra i non addetti ai lavori. Il cittadino medio che indica con il termine pista ciclabile un percorso destinato alle biciclette non si pone il problema se questo sia una pista ciclabile realizzata in sede propria o su corsia riservata, oppure se si tratta di un percorso promiscuo pedonale e ciclabile o veicolare e ciclabile. Queste quattro tipologie di piste vanno a costituire un più ampio capitolo che possiamo definire genericamente infrastrutture ciclabili. È però opportuno chiarire quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle diverse soluzioni. In questo articolo vedremo quali sono le caratteristiche dei percorsi promiscui tra pedoni e biciclette, quelli che solitamente vengono chiamati percorsi ciclopedonali.

Ebook "Per un approccio scientifico alla ciclabilità"

Scarica Gratis

Cos’è un percorso ciclopedonale?

Per percorso ciclopedonale si intende un itinerario pedonale in cui è consentito il passaggio delle biciclette, proprio così: una pista ciclopedonale è un luogo che nasce per i pedoni in cui però è consentito il transito delle biciclette. Il ciclista dunque è un ospite che è costretto a scendere dal mezzo nel caso in cui dovesse arrecare intralcio al passaggio del pedone (articolo 182 comma 4 del D.M. 30/04/1992 n°285).

Piste_ciclopedonali

Dove si realizza un percorso ciclopedonale?

Secondo l’articolo 4 comma 5 del D.M. 30/11/1999 n°557, i percorsi promiscui pedonali e ciclabili devono essere realizzati all’interno di parchi o di zone a traffico prevalentemente pedonale.

I percorsi ciclopedonali possono essere realizzati anche nel caso in cui l’ampiezza della carreggiata stradale o il ridotto traffico ciclistico non consentono la realizzazione di specifiche piste ciclabili, oppure nel caso in cui i percorsi ciclopedonali diventano necessari per dare continuità alla rete degli itinerari ciclabili.

Nei casi elencati in precedenza si ritiene opportuno che il percorso ciclopedonale abbia una larghezza adeguatamente incrementata rispetto ai minimi fissati dall’articolo 7 per le piste ciclabili, raggiungendo quindi una sezione minima di 2,5 metri.

I percorsi promiscui pedonali e ciclabili possono essere realizzati esclusivamente in caso di traffico pedonale ridotto e in assenza di attività attrattrici di traffico pedonale, quali ad esempio vie con forte presenza di attività commerciali e insediamenti abitativi ad alta densità.

Piste_ciclopedonali
Pista ciclopedonale bidirezionale promiscua, realizzata su marciapiede

È obbligatorio utilizzare un percorso ciclopedonale?

Le persone che scelgono di muoversi in bicicletta non hanno l’obbligo di utilizzare un percorso ciclopedonale, infatti l’articolo 182 del CdS impone alle biciclette di “transitare sulle piste loro riservate solo quando esistono”. Pertanto, si sottolinea così che un percorso ciclopedonale non è una pista riservata ma per l’appunto un percorso promiscuo e quindi “non riservato”.

Quali sono gli aspetti positivi di realizzare un percorso ciclopedonale?

I percorsi ciclopedonali garantiscono un minimo di sicurezza ai ciclisti, tuttavia le esperienze dei Paesi ciclisticamente avanzati dimostrano che è opportuno realizzare percorsi ciclopedonali esclusivamente nel caso in cui si realizzi un itinerario lungo la viabilità extraurbana, dove c’è una disponibilità di spazio tale da garantire un’adeguata separazione e visibilità dal traffico automobilistico, in aree in cui non è presente un elevato flusso di pedoni e dove già non sono presenti infrastrutture pedonali. Le piste ciclopedonali si prestano inoltre per essere realizzate in caso di percorsi cicloturistici, dove la presenza dei pedoni è limitata e non si crea conflitto tra i diversi utenti del percorso.

Piste_ciclopedonali
Nimega, Olanda – Pista ciclopedonale bidirezionale in sede propria in ambito extraurbano

Quali sono gli aspetti negativi di realizzare un percorso ciclopedonale?

Il principale svantaggio legato alla realizzazione di un percorso ciclopedonale in ambito urbano è causato dal conflitto che si genera tra utenti deboli della strada, tra pedoni e ciclisti appunto. In queste situazioni, oltre a contendersi gli spazi, ciclisti e pedoni sono spesso al centro di fraintendimenti: il ciclista è convinto di avere tutto il diritto di scampanellare per ottenere la strada libera, mentre i pedoni pensano di potersi muovere affiancati occupando tutto il percorso a disposizione. Queste categorie di utenti della strada sono quindi costrette a litigarsi spazi per evitare di modificare la quantità di superficie destinata alle automobili, con il risultato di scatenare una guerra tra poveri.

Un altro aspetto negativo è dato dalla capacità di traffico ciclistico che questi percorsi possono sopportare. Le dimensioni ridotte e la condivisione degli spazi con il pedone rallentano e ostacolano il passaggio delle biciclette, senza creare quindi un’alternativa veloce ed efficiente al trasporto automobilistico, per questo è altamente sconsigliato realizzare piste ciclopedonali lungo le arterie principali della mobilità ciclistica, ovvero i percorsi casa-scuola e casa-lavoro. 

In aggiunta, la pista ciclopedonale se realizzata in contesti con un elevato numero di intersezioni a raso e di passi carrai può rivelarsi più pericolosa dell’utilizzo della corsia destinata alle auto. Infatti, se non viene rispettata un’adeguata distanza in grado di garantire un’elevata visibilità tra automobilista e ciclista, questo sarà visto soltanto all’ultimo momento.

Piste_ciclopedonali_roma
Roma, pista ciclopedonale bidirezionale promiscua, realizzata su marciapiede

Conclusioni

La diffusione della bicicletta come mezzo di trasporto urbano veloce ed economico è spesso frenata dall’assenza di infrastrutture strategiche in grado di rendere competitivo il mezzo bici rispetto all’automobile.
La continua realizzazione di percorsi ciclopedonali in ambito urbano che non rispettano standard dimensionali ottimali non aiuta a far aumentare l’utilizzo della bicicletta, creando situazioni di conflitto spaziale tra gli utenti deboli della strada.

Per capire quali siano le migliori soluzioni per promuovere la mobilità in bicicletta nel tuo comune partecipa al prossimo corso “Realizzare la città delle biciclette“.






Una risposta a Percorsi ciclopedonali: cosa sono e perché dovremmo smettere di realizzarli

  1. Sergio ha detto:

    E poi ci sono le “ciclabili all’italiana”: segnalate sulle cartine con invitanti linee colorate e continue, ma che nella realtà sono semplici tragitti composti da tratti totalmente carrai, spesso senza corsie, tratti urbani senza segnalazione orizzontale, strade di campagna da condividere coi mezzi agricoli, e infine, solo marginalmente, da tratti esclusivamente per bici. Ma venduti e pubblicizzati per qualcosa di totalmente diverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *