Viaggiare

Piemonte, da ferrovie a ciclabili: la Via delle Risorgive e la Via della Pietra

Piemonte, da ferrovie a ciclabili: la Via delle Risorgive e la Via della Pietra

Nell’ultimo decennio nella pianura piemontese a cavallo fra la Città Metropolitana di Torino e la Provincia di Cuneo è stato fatto un prezioso lavoro di riconversione di due ex ferrovie inutilizzate da molti decenni. Per tutti coloro che – come il sottoscritto – sono alla costante ricerca di assi viari su cui pedalare in condizioni di maggiore sicurezza, la scoperta della Via delle Risorgive inaugurata nel 2017 ha rappresentato un importante stimolo a dirottare parte delle uscite stagionali a sud di Torino, in un’area solitamente poco esplorata soprattutto per ragioni di traffico.

Parallelamente a quest’asse di 19,2 km che unisce Airasca a Moretta, è stata completata, con inaugurazione nell’ottobre del 2023, l’asfaltatura della Via della Pietra che collega Barge a Bricherasio creando un’alternativa pedemontana di 11,2 km. E, di conseguenza, creando anche i presupposti per un itinerario ad anello con oltre 30 km da percorrere in sicurezza. Vediamo come.

Via delle Risorgive: da Airasca a Moretta

Via delle Risorgive - crediti Davide Mazzocco
Via delle Risorgive – crediti Davide Mazzocco

Come accade quando si valorizza un “ramo secco” regalandolo alla comunità dei pedalatori, anche ad Airasca si può arrivare via treno, con il collegamento ferroviario che unisce Torino e Pinerolo. Si tratta di un’opportunità davvero ghiotta per le famiglie e per tutti coloro che non amano pedalare su strade promiscue. Spostandosi esclusivamente sulla pista ciclabile e percorrendola nei due sensi di marcia è possibile pedalare per 38,4 km in totale sicurezza.

Una volta usciti dalla stazione di Airasca si percorre Via della Stazione a destra fino a Via della Maniga, poi, dopo un’ulteriore svolta, si giunge all’ingresso della pista ciclabile, situata ad appena 550 metri dal nodo ferroviario. L’asfaltatura relativamente recente, una buona manutenzione e la regolarità delle pendenze rendono questa ciclovia decisamente piacevole da percorrere.

La Via Delle Risorgive, più comunemente conosciuta come la Pista ciclabile Airasca-Moretta, è stata ricavata dall’asfaltatura del sedime dell’ex linea ferroviaria che unì Airasca a Saluzzo fra il 1884 e 1986. Dopo trent’anni di abbandono, i lavori di asfaltatura hanno fatto di quest’asse uno dei più importanti passaggi dell’EuroVelo8 in territorio italiano. Nei 19,2 km che uniscono Airasca a Moretta si attraversano i territori di Scalenghe, Cercenasco, Vigone e Villafranca Piemonte, località tradizionalmente legate all’agricoltura e all’allevamento bovino.

Quando si entra nei centri abitati e in corrispondenza con le intersezioni della viabilità ordinaria, occorre rallentare e prestare la massima attenzione al comportamento dei conducenti dei mezzi motorizzati. In ogni caso la pedalata sulla Via delle Risorgive è estremamente piacevole e rilassante. Oltre ai ciclisti e ai pedoni, la pista è frequentata da roller e skiroller.

Località e aree di sosta

Nelle quattro località intermedie del percorso, sfruttando gli spazi delle antiche stazioni ferroviarie, sono state costruite altrettante aree di sosta. Attrezzate con una fontana, rastrelliere e una tettoia consentono di ristorarsi e ripararsi in caso di maltempo. A Vigone è stata allestita un’area outdoor con attrezzi ginnici.

Brevi deviazioni dal percorso consentono di rifocillarsi in bar, chioschi, trattorie e ristoranti. Il nome di questo itinerario cicloturistico si deve alle numerose risorgive presenti nella zona. Una di queste sorgenti d’acqua dolce provenienti dalle falde freatiche è il Fontanile Ulè che si trova fra Vigone il ponte sul fiume Pellice.

Via della Pietra: da Bricherasio a Barge

Dopo alcuni anni di lavoro, dallo scorso 28 ottobre la Via della Pietra è interamente asfaltata da Bricherasio a Barge. Gli 11,2 km che collegano il comune del torinese a quello del cuneese sono ora accessibili a qualsiasi tipo di bicicletta. L’altissima qualità del fondo stradale e la messa in sicurezza dei tratti più esposti con parapetti lignei e metallici rendono questa pedalata interprovinciale ideale anche per i piccoli pedalatori. A differenza di quanto avviene sulla Via delle Risorgive, il problema delle intersezioni con la viabilità secondaria della Via della Pietra è stato risolto con la realizzazione di alcune passerelle che rappresentano gli unici dislivelli di un percorso totalmente pianeggiante.

Questo itinerario pedemontano si sviluppa su di un territorio noto soprattutto per la produzione delle mele. Lungo il tracciato sono allestite aree di sosta con fontana. Il comune di Barge è fra i più importanti centri italiani nella lavorazione della quarzite. Per agevolare il trasporto di questo materiale utilizzato nell’edilizia di pregio venne realizzata una ferrovia che fu operativa dal 1885 al 1984. Da qui il nome di Via della Pietra che campeggia sulle indicazioni in pietra di Luserna che segnano i passaggi di comune e sui masselli in quarzite che conteggiano il chilometraggio della ciclabile.

L’anello di Risorgive e Pietra

La vicinanza fra le due piste ciclabili al confine fra la Città Metropolitana di Torino e la Provincia di Cuneo può essere lo stimolo per un giro ad anello che vi proponiamo in senso orario.

Moretta - Santuario della Beata Vergine del Pilone- crediti Davide Mazzocco
Moretta – Santuario della Beata Vergine del Pilone- crediti Davide Mazzocco

La partenza è alla stazione ferroviaria di Airasca, a circa 500 metri dall’inizio della pista ciclabile che in 19,2 km conduce a Moretta, più precisamente davanti al Santuario della Beata Vergine del Pilone. Qui la ciclabile si conclude, ma proseguendo per altri 500 metri si arriva al quadrivio da cui parte la SP29, la Strada Provinciale che in 19 chilometri conduce sino a Barge passando per Cardè, Crocera e San Martino.

L’inizio della Via della Pietra è in Piazza della Stazione e si trova alla destra dell’Istituto Alberghiero di Barge. In 11,2 km si raggiunge Bricherasio e da qui si seguono le indicazioni per Garzigliana e, successivamente, per Macello. Un paio di chilometri sulla SP158 fino a Buriasco e altri 6 sulla SP138 consentono di tornare sulla ciclabile Airasca-Moretta che si può percorrere a ritroso fino al punto di partenza per un totale di 76 km e 150 m di dislivello.

ebook

La tua prossima destinazione per le vacanze in bicicletta la trovi tra gli ebook gratuiti di Bikeitalia
scarica ora

Scopri anche: gli anelli UpSlowTour, 15 percorsi cicloturistici ad anello, ognuno avente caratteristiche proprie (lunghezza, dislivello, difficoltà, tipo di fondo, paesaggio) del Pinerolese.

Commenti

  1. Avatar Carlo Alberto Dondona ha detto:

    Purtroppo, come scritto, i treni per Pinerolo non sono predisposti per le bici. E quelli che lo sono possono portarne ben poche. Trenitalia non sembra troppo sensibile al problema e servirebbe un pressing da parte delle istituzioni che, altrettanto, non sono in grado di fare nulla. Meno male che controllori e conducenti sono sempre gentili e non obiettano. Occorrerebbe predisporre spazi e fare un’adeguata pubblicità al servizio.
    Usando il treno ho allargato enormemente i miei orizzonti ciclistici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *