MENU

La pista ciclabile Auronzo – Misurina: “Tre Cime Bike”

Italia, Itinerari, Veneto • di

Nell’estate 2015, durante un weekend ad Auronzo, ho avuto modo di scoprire che stavano costruendo una nuova pista ciclabile per collegare Auronzo a Misurina.

Aggiornamento 2017: la pista cicabile “Tre Cime Bike” è stata ora completata e inaugurata.

tre cime dolomiti

foto www.trecimedolomiti.it/

Auronzo è la città principale della splendida vallata del Cadore, famosa per la produzione di occhiali ma anche e soprattutto per le splendide Dolomiti, tra cui spicca la bellezza delle 3 cime di Lavaredo e quando mi hanno detto che finalmente nella primavera 2016 la pista era stata quasi completata, non ho resistito alla voglia di scoprirla in sella alla mia MTB.
tre-cime

Caratteristiche della ciclabile Auronzo Misurina

Si tratta di una pista completamente sterrata ma di facile percorrenza e adatta a qualsiasi modello di Mountain bike, però ad una condizione: un minimo di allenamento è richiesto, soprattutto per affrontare gli ultimi chilometri, molto impegnativi e con pendenze che sfiorano il 20%.

• Lunghezza della giro: 60 km (30km andata + 30 km ritorno)
• Dislivello complessivo: 1250 metri, i primi 20 km dell’andata sono alla portata di tutti e immersi in mezzo ad un bosco stupendo, mentre gli ultimi km arrivano ad una pendenza che supera il 20% e che richiede quindi un minimo di allenamento.

Mappa

Altimetria

altimetria-misurina-auronzo

Traccia GPS (.gpx e .kml)

Si parte dal lago di Santa Caterina (conosciuto anche come lago di Auronzo a 852 metri sul livello del mare) e dopo un primo tratto di qualche chilometro costeggiando il fiume Ansiei e la città di Auronzo ci si ritrova all’interno di una foresta di abeti (La foresta di Somadida).

lago di Santa Caterina

lago di Santa Caterina

il primo tratto della pista che costeggia il torrente Ansiei

il primo tratto della pista che costeggia il torrente Ansiei

In questa prima parte ci sono un paio di guadi da attraversare, ma a meno che non stia piovendo, sono alla portata di tutti.
La pista è perfettamente battuta, larga e molto piacevole da percorrere. I cartelli indicano la direzione da prendere ad ogni bivio, quindi non è necessario fermarsi a consultare le cartine o disporre di un navigatore.

pista sempre sterrata e perfettamente battuta

pista sempre sterrata e perfettamente battuta

Dopo aver percorso un primo tratto di riscaldamento si supera la foresta di Somadida, splendido parco naturale, e la strada inizia a salire e a farsi dura.

si inizia a salire, ma per fortuna il paesaggio splendido non fa sentire tropo la fatica

si inizia a salire, ma per fortuna il paesaggio splendido non fa sentire tropo la fatica

Se siete abituati a pedalare e uscire con frequenza affronterete lo strappo finale senza problemi ma se invece siete solo dei salutari della bicicletta allora potreste aver bisogno di farvi qualche minuto di pausa e magari qualche tratto portando la bicicletta a mano, ma in ogni caso lo splendido contesto vi distrarrà e la fatica non sarà un problema.

Quando mancano solo un paio di chilometri al lago di Misurina, ossia una volta arrivati al bivio per andare al passo 3 croci e poi a Cortina, la pista si interrompe, perché i lavori devono ancora essere completati e si è costretti ad uscire dal percorso sterrato.
Ma oramai siete praticamente arrivati e dopo un ultimissima salita di poche centinaia di metri e una pendenza minima si arriva ad una vallata dove pascolano cavalli e mucche e con alcune malghe dove fermarsi per ristorarsi.

Ed eccoci finalmente all’arrivo, al Lago di Misurina dove è possibile girare attorno al lago o
fermarsi in uno dei molti locali che lo circondano.

lago di Misurina

lago di Misurina

Arrivati al lago è possibile proseguire in diverse direzioni, in fatti da qui partono molte altre
piste ciclabili:
• si può andare al rifugio Auronzo (sotto le 3 cime) (impegnativa)
• si può andare al rifugio città di Carpi (impegnativa)
• di può andare verso l’Austria (mediamente impegnativa)
• si può andare verso cortina per poi prendere la ciclabile delle Dolomiti o proseguire sulla Cortina-Dobbiaco (abbastanza facile)

Se invece come me avete la macchina che vi aspetta ad Auronzo, il ritorno è una splendida discesa, che senza quasi nessuno sforzo vi riporterà al punto di partenza.
Solo un consiglio: portate con voi anche qualcosa di pesante per quando arrivate in cima, perché in questa zona può capitare spesso un piccolo temporale di passaggio e le temperature in questi casi si abbassano di molto.





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *